Mantova, Candussi a Radio 5.9: “Impariamo dagli errori con Bologna e vinciamo il derby a Verona”

Il centro biancorosso, ospite a Speak & Roll, spiega il suo momento: “A dicembre ero sfiduciato, adesso ho ritrovato sicurezza”

di Alberto Carmone

Intervenuto ai microfoni di www.radio5punto9.it a Speak & Roll, il centro della Dinamica Generale Mantova Francesco Candussi ha analizzato il momento degli Stings, reduci dalla sconfitta di misura contro la Fortitudo Bologna e pronti a scontrarsi contro la Tezenis Verona sabato sera al PalaOlimpia.

Sulla Fortitudo Bologna: “E’ stata una partita combattuta e intensa fisicamente. Non siamo riusciti a concretizzare il nostro vantaggio e non siamo stati lucidi nei momenti finali. Ha vinto la squadra che ha curato di più i dettagli. Purtroppo ci capitano spesso questi finali punto a punto, ci sono tanti rimpianti, ma dobbiamo imparare dai nostri errori e vincere certe partite quando conterà di più in questa stagione. Abbiamo costruito tanto, ma non siamo stati bravi a concretizzare la nostra buona prestazione. Ci serve lavorare sulla continuità all’interno della partita. Knox ha avuto una serata importante dove ha trovato canestro con grande continuità. Non siamo stati bravi ad adeguarci al suo gioco, dobbiamo fare solo mea culpa. Personalmente ho avuto un girone d’andata molto poco buono. A dicembre ero completamente sfiduciato, poi ho ripreso sicurezza nelle ultime partite. Sto ritrovando quella continuità che tutti si aspettavano e che io mi aspettavo da me, devo continuare a lavorare con serenità. Giocare in un palazzetto così, dove la componente ambientale è importante, è stata una grande emozione per me e per i miei compagni di squadra. Virtus o Fortitudo? La Virtus è una squadra pronta per la Serie A, nonostante il momento di calo, che ci può stare dopo le 11 vittorie di fila. La Fortitudo vuole fare meglio dell’anno scorso, ha un roster di grande qualità, soprattutto dopo l’innesto di Legion”.

Sulla Tezenis Verona: “Sarà una partita importante per la classifica per due squadre che si presenteranno con voglia di riscatto, noi per la sconfitta con Bologna, loro per quella con Recanati. Rispetto all’andata mi aspetto una gara più difficile, Verona sta esprimendo una delle pallacanestro migliori. Dovremo andare al PalaOlimpia con grande energia e con molte motivazioni. Hanno Portannese e Frazier che stanno vivendo un momento di forma importante, un lungo ‘ruvido’ come Diliegro, giocatori di qualità come Boscagin e Brkic e un giovane prospetto come Toté, oltre al nuovo innesto Andrea Amato. Dovremo mettere in campo una prestazione lucida, solida mentalmente e fisicamente, dovremo fare la nostra pallacanestro limitando i loro punti di forza”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy