Mantova, Cucci a Radio 5.9: “A Ferrara brutto passo falso. Vogliamo subito rifarci con Verona”

A Speak & Roll ha parlato anche il centro scaligero Poletti: “Questo gruppo ha voglia di crescere. Con gli Stings conteranno i dettagli”

di Alberto Carmone

Intervenuti ai microfoni di Speak & Roll su Web Radio 5.9, il centro della Tezenis Verona Mitchell Poletti e il centro della Dinamica Generale Mantova Valerio Cucci hanno analizzato il momento delle proprie squadre con un occhio di riguardo al match di mercoledì che vedrà opposte Mantova e Verona per il 20esimo turno di campionato di A2 Est.

Mitchell Poletti (centro Tezenis Verona): “E’ stata una partita difficile contro una squadra solida e di talento come Montegranaro. Abbiamo subito molti canestri nel primo tempo, poi nella ripresa siamo cresciuti nell’attenzione e nella difesa, trovando anche diversi canestri importanti. E’ una vittoria che dà fiducia, ma da archiviare in fretta viste le due prossime partite in questa settimana. Nel secondo quarto ci siamo un po’ rilassati e abbiamo subito l’impatto offensivo di Corbett e Amoroso. Siamo riusciti a rientrare nel momento in cui abbiamo frenato le loro transizioni e abbiamo rispettato di più il piano partita.

La nostra difesa può essere una chiave per vincere tante gare dato che siamo una squadra lunga e siamo così in grado di mettere campo sempre una difesa intensa. Il nostro è un gruppo che sta dimostrando tanta disponibilità e voglia di imparare. In settimana forse ci esprimiamo ancora meglio rispetto alla partita e questo mi fa credere che possiamo ancora migliorare le nostre prestazioni.

L’Eurobasket Roma? Da quando sono andato via io (circa un mese fa, ndr) la squadra ha cambiato assetto quindi non so quali siano gli equilibri attuali. Relativamente al periodo in cui ho giocato io, secondo me è non si è costituita la giusta amalgama e compatibilità tra i giocatori sin da subito. E’ una società in crescita che ha ambizioni importanti e dispiace vedere la squadra fuori dai playoff al momento. C’è stata la possibilità di venire a Mantova? Nell’estate 2014 sì, poi accettai Casalpusterlengo. L’anno scorso non c’è mai stata la possibilità concreta di passare agli Stings visto che mi trovavo benissimo a Latina.

Mantova – Verona? Dovremo essere molto attenti ai punti di forza degli Stings, soprattutto dopo l’innesto di Legion che dà ancora più pericolosità ai biancorossi. Mantova avrà sicuramente un approccio importante alla gara visto che vorrà riscattare la sconfitta con Ferrara. I dettagli e l’attenzione complessiva saranno due aspetti che faranno la differenza”.

Valerio Cucci (centro Dinamica Generale Mantova): “Ferrara ha meritato di vincere per il modo in cui abbiamo difesa per 40 minuti. Nell’ultimo quarto siamo poi completamente crollati e abbiamo subito un passivo di oltre 30 punti che è assolutamente ingiustificabile. E’ stata una settimana strana per via dell’assenza di Candussi nei primi giorni e dell’inserimento di Legion negli ultimi giorni. Credo però che questo non sia una giustificazione per l’approccio che abbiamo avuto alla partita. Nonostante un primo tempo difficile, siamo andati al riposo ancora in partita. Poi Ferrara ha mostrato grande voglia di vincere e di raddrizzare la stagione. Jones ci ha tenuto a galla con una serie di rimbalzi offensivi nei primi quarti, poi si è verificata la sua espulsione che ha aperto un ultimo periodo di gioco davvero indecente. Abbiamo tanta voglia di reagire e mostrare a tutti che non siamo quelli di domenica.

Verona e Treviso saranno due partite importanti per noi e per la nostra stagione. Metteremo in campo il massimo, non dobbiamo farci spaventare dal momento di forma di Verona e dal caldo PalaVerde di Treviso. Dobbiamo solo pensare a noi a fare il meglio possibile. Il fatto di affrontare la Tezenis dopo 72 ore dalla sconfitta con Ferrara ci dà l’opportunità di riscattarci subito. Ci teniamo a dimostrare che quello con la Bondi è stato solo un passo falso della nostra buona stagione finora. Per farlo, ci servirà un PalaBam caldo in nostro supporto. Verona è una squadra lunga e costruita per i piani alti della classifica. Conosco Greene dai tempi di Tortona, è un fuoriclasse mite e umile. Dovremo stare molto attenti a lui e Jones, che rappresentano una fortissima coppia di americani. Inoltre, sotto canestro ci sarà da lottare coi loro lunghi. La loro forza è l’intensità di gioco e vincerà la squadra che avrà più fame di vincere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy