Mantova, Ferrara a Radio 5.9: “Con Tortona servirà una mentalità diversa rispetto alla scorsa domenica”

A Speak & Roll ha parlato anche il play della Bertram Bruno Mascolo: “Avvio di stagione fantastico, ma occhio all’esperienza degli Stings”

di Alberto Carmone

Intervenuti ai microfoni di Web Radio 5.9 durante Speak & Roll, il playmaker della Bertram Tortona Bruno Mascolo e l’ala della Staff Mantova Matteo Ferrara hanno presentato la sfida tra Mantova e Tortona in programma domenica 3 gennaio alla Grana Padano Arena.

Bruno Mascolo (playmaker Bertram Tortona): “Con Verona ci tenevamo a continuare la nostra striscia di vittorie. La Tezenis si presentava reduce da quattro sconfitte di fila, ma è comunque una squadra temibile. Siamo partiti forte andando in vantaggio 49-44 all’intervallo, nel terzo quarto abbiamo giocato alla grande. Forse nell’ultimo periodo di gioco abbiamo calato un po’ il ritmo, ma comunque abbiamo ottenuto una vittoria importante.

La positività di coach Ramondino? Non è stato facile preparare la partita senza il coach, ma lo staff tecnico è stato ugualmente bravo a metterci nelle condizioni di fare bene. E’ vero siamo stati noi italiani a tenere in piedi Tortona, ma non ci saremmo riusciti senza Sanders e Cannon. Sono molto forti e non hanno problemi a lasciare un possesso in più al compagno. Capiscono bene i momenti della partita e questo ci consente di avere una pericolosità diffusa.

La mia stagione? Sono contento soprattutto delle vittorie della squadra. Importa poco se il singolo gioca bene, l’importante è che arrivino i risultati. All’inizio della passata stagione siamo stati frenati tantissimo dagli infortuni, ma in questo campionato la musica è diversa. E’ stato confermato un buon gruppo dalla passata stagione con l’aggiunta di giocatori di grande valore. Abbiamo trovato una nostra dimensione e abbiamo compreso il gioco di coach Ramondino e i risultati si vedono.

Mantova? E’ una squadra esperta e rodata. Ghersetti, Maspero e Ferrara ormai conoscono bene l’ambiente e Di Paolantonio è un ottimo allenatore. Ci sono due ottimi americani come James che ha dominato il campionato ad Agrigento e Weaver che è un giocatore molto fisico e interessante. Gli Stings non sono un cliente semplice, dovremo imporci sin dal primo minuto. Non dobbiamo concedere a Mantova di entrare in fiducia. Sarà fondamentale partire in modo solido in difesa”.

Matteo Ferrara (ala piccola Staff Mantova): “Il giudizio sulla gara con Torino non può che essere negativo. Ci eravamo promessi di avere un atteggiamento diverso e più solido contro una squadra con grandi motivazioni. Abbiamo commesso errori che cerchiamo di evitare sempre quando ci alleniamo. Non abbiamo giocato con sicurezza, anche se in alcuni frangenti abbiamo costruito buone cose in attacco. Torino ha giocato bene, ma se avessimo approcciato meglio la partita probabilmente ce la saremo giocata di più.

Ogni errore che abbiamo commesso in difesa è stato punito da Torino. Abbiamo subito tante triple o canestri difficili e questo ha influito sulla nostra fiducia portandoci in svantaggio di 12-15 punti tra primo e secondo quarto. Ci siamo scoraggiati forse troppo presto, abbiamo approcciato la partita in modo troppo soft. La mia sensazione è che dobbiamo lavorare di più sul gioco di squadra in difesa e in attacco. Ci sono state tante azioni costruite bene, mentre in difesa c’è bisogno di aiutarsi di più. Quando lavoriamo insieme possiamo esprimere il meglio del nostro valore.

Abbiamo avuto un inizio di stagione complessivamente positivo. A mio avviso possiamo ancora crescere, siamo costantemente in evoluzione e non siamo ancora al massimo del nostro potenziale. Con Tortona servirà una partita molto concreta. La Bertram è una squadra con grande profondità e talento e bisogna disputare una gara praticamente perfetta. In attacco dobbiamo essere precisi, mentre in difesa occorre tanta efficacia. Se riusciremo a mettere una mentalità diversa rispetto a quella offerta con Torino potremo giocarcela”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy