Napoli Basketball: la città non è solo calcio

0

“Napoli non è solo calcio: esistono tante realtà sportive di grande valore in grado di dare risalto alla città. Avendo giocato a pallacanestro per due anni, non posso che augurare le migliori fortune a questa società nata da zero”. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenendo nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo alla conferenza stampa di presentazione della BPMed Napoli Basketball, la neonata società presieduta da Salvatore Calise che parteciperà al campionato di Divisione Nazionale A.

A rilanciare le parole del sindaco è l’assessore Comunale allo Sport, Pina Tommasielli: “Vogliamo collaborare per rilanciare il movimento, il Napoli Basketball è una realtà interessante che ha tutto il nostro sostegno. Ci impegneremo, inoltre, per restituire quanto prima al basket napoletano la sua casa, quel Mario Argento ad oggi ridotto ad uno scheletro. Non sarà facile ma abbiamo molte idee allo studio”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti Salvatore Calise, numero uno del Napoli Basketball, Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune di Napoli, Gianni Del Franco, consigliere nazionale FIP e presidente del settore agonistico federale, Rino Fusco, presidente della Banca Popolare del Mediterraneo e presidente onorario del club, il direttore sportivo Antonio Ambrosino e il coach Maurizio Bartocci.

“Finalmente siamo vicini all’esordio, è un sogno che si realizza”, ha spiegato Salvatore Calise. “In pochi mesi abbiamo messo in piedi una delle più originali realtà della pallacanestro italiana, in grado di coinvolgere sponsor e tifosi. Non sono mancate, e non mancano ancora oggi, le difficoltà, c’è tanto lavoro da fare ma siamo certi di poter essere protagonisti. Devo ringraziare chi ha creduto nel nostro progetto, in primis la Banca Popolare del Mediterraneo, poi Lakers Fly Tech, Parmatutto, il gruppo Kiss Kiss e numerose altre aziende. Un ruolo cruciale l’ha avuto il responsabile dell’ufficio marketing Luciano Cotena, dell’agenzia Eventualmente. Tutto è stato fatto nel giro di poche settimane, uno sforzo non di poco conto, ma nessun alibi: vogliamo fare bella figura in campo e rappresentare la nostra città nel migliore dei modi”.

Il coach Maurizio Bartocci analizza il nuovo campionato di sviluppo: “Sarà una stagione molto lunga, 34 partite contro squadre di ogni regione d’Italia. Serviranno energia e concentrazione, nel nostro girone sfideremo ottime formazioni, abituate a combattere in questa categoria. Il precampionato ci ha dato morale, abbiamo vinto tanto nonostante gli infortuni, ma il lavoro da fare è ancora tantissimo. La squadra costruita con il direttore sportivo Antonio Ambrosino è nata da zero, abbiamo dovuto fare i conti prima con la diffidenza degli agenti verso la piazza napoletana e poi con i problemi fisici di Rizzitiello, Sabbatino, Iannilli e Gatti, ma va detto che chi è sceso in campo ha sempre fatto un ottimo lavoro. Punteremo sull’intensità difensiva, ma è evidente che bisogna sempre essere aggressivi in ogni parte del campo e per 40 minuti”.

La squadra giocherà al PalaBarbuto di Fuorigrotta, i colori sociali sono biancazzurri. A rappresentare la BPMed a livello giovanile la Pallacanestro Partenope del presidente Peppe Gallo, che sarà società satellite nei vari campionati Juniores.