Napoli Basketball: l’ammiraglio e la “perla grezza” alla corte del mare

0

 

L’incontro, iniziato alle ore 15, è peraltro coinciso con alcune rilevanti decisioni assunte su altri terreni non trascurabili per la vita societaria e spesso rimarcati nei nostri rendiconti.

In primis, relativamente al mercato , con l’annuncio dell’intero pacchetto giovani per la panchina, che oltre ai già menzionati Leonardo Mariani (3/4 dal Basket Cecina in DNB e stellina dell’Under 20 di Sacripanti) e Paolo Rotondo (5 già a Biella con 14 presenze in Serie A, ma in arrivo da Latina), si avvarrà dei servigi della guardia casertana ex Ferentino Gabriele Guastaferro (che già disputerà la sua terza stagione in DNA nonostante i suoi 20 anni) e del prospetto felsineo in quota Virtus Nicola Bastone,ala già postasi in evidenza a livello Under 19.

In secondo luogo, rispetto all’adesione imprenditoriale, con l’annuncio di quello che Calise ha definito come “primo di una serie di main sponsor che, pur non affiancando gerarchicamente la BpMed, a cui spetterà la qualifica di title sponsor, garantiranno un impegno economico di simile entità”.Si tratta dell’impresa “Parmatutto”, operante nel settore salumiero , con sede a Bologna ma con distaccamenti a Londra e Napoli,  e quest’oggi rappresentata dal direttore commerciale Francesco Nucci nella accogliente cornice del Ristorante “Al Sarago”, situato nel cuore di Mergellina e a pochi passi dal lungomare di Via Caracciolo.

Affrontando schematicamente gli interventi più importanti di questo incontro con la stampa, svoltosi una volta eseguite sul lungomare le foto di rito, e moderato dall’ufficio stampa Marco Caiazzo, i primi a formulare le proprie dichiarazioni sono stati i nuovi innesti.

alt

Sabbatino, di cui sottolineamo l’estrema compostezza ed eleganza nell’ambito della circostanza, è apparso estremamente padrone della scena, e consapevole del suo  futuro ruolo di “speranza partneopea” : “5 anni fa ho lasciato a malincuore Napoli,  soprattutto perchè era all’apice di una parabola  sportiva che io ho seguito da spettatore della Pompea in avanti. Tuttavia la chiamata di Siena mi ha permesso di maturare e di crescere per arrivare a questi livelli, bruciando qualche tappa e soprendendo tanti addetti ai lavori. Posso dire che rientro a Napoli volentieri, e con la retrocessione di Agrigento questa piazza è stata la mia prima scelta, perchè è grande e perchè è calda nel sostenere:,per questo la trattativa è decollata immediatamente già dal mese scorso.VIvirò il campo con due sentimenti: l’orgoglio di giocare davanti al proprio pubblico, ma anche il timore connesso alla responsabilità che avrò partita dopo partita, ma devo dire che in me c’è grande equilibrio, e non sarei mai venuto se non avessi ritenuto Napoli come una proposta stimolante, ma un fardello insostenibile.

Di avviso simile ma con premesse differenti Nelson Rizzitiello, con cui è stato siglato un contratto di natura “1+1” (insolito per un giocatore girovago come lui), e nelle cui dichiarazioni non difetta affatto l’affabilità e l’ironia: “Quello che ho assaportato e vissuto quest’oggi è tutta la ospitalità di cui il Sud è maestro”, ha esordito. “Raccontando poi di come è andata la trattativa, posso solo dire che quando la società mi ha cercato sono saltato, perchè ho ricordato tutti quegli aspetti che Nunzio evocava e che peraltro hanno caratterizzato tutte le ultime società in cui ho militato : piazza ambiziosa, pubblico vicino e caloroso, storia e tradizione radicate. Ma nel contempo, valutando la natura del progetto, non ho potuto non pensare alle vicende degli ultimi anni, vicende che peraltro non hanno subito permesso alla proposta di decollare come avrebbe dovuto. E’ prevalso alla fine l’entusiasmo, anche sulla scia di importanti acquisti come quelli di Simone Gatti, contro cui ho giocato, e di Andrea Iannilli, con cui cestisticamente sono cresciuto e con cui ho un’ottima amicizia: erano i segni di un mercato intrapreso con coraggio nonostante il contesto di scarsa credibilità.Sugli altri compagni non possono che spendere parole di elogio per Bernardo Musso, di cui ammiro la serietà e la professionalità ,così come ricordo di aver spesso giocato contro Paolo Rotondo, mentre con Nunzio disputammo un amcihevole in cui poi mi infortunai, quindi il ricordo c’è, benchè non sia piacevolissimo.In generale però credo fermamente nel criterio con cui Antonio Ambrosino ci ha scelti: la qualità del nostro lato umano e del nostro carattere, incline alla lotta e al gioco di squadra. Come poi ho già detto all’inizio, mi aspetto grande calore, perchè secondo me la vicinanza della città sarà il collante migliore affinchè società,organizzazione e roster lavorino uniti e compatti nella stessa direzione, direzione che non può non ambire nel lungo periodo a risultati prestigiosi, ma che dovrà mostrarsi subito, anche perchè la stagione di quest’anno sarà molto competitiva, con tante incognite, tante formazioni sfrontate e nessuna squadra materasso.”

La parola è poi passata al GM Antonio Ambrosino, che ha delineato dei profili massima sui nuovi innesti e sull’identità dell’organico allestito: “Con la conferenza stampa di oggi chiudiamo con soddisfazione il nostro mercato: un mercato tortuoso, soprattutto nei primi giorni, quando tanta immondizia sulla stampa ha rovinato i nostri piani originari , ma poi è maturato in modo eccellente, centrando in tempi brevi tutti i nostri principali obiettivi.E’ evidente poi, sempre in relazione a critiche che ci sono state mosse, che il sottoscritto si è sempre mosso per dare una traccia decisa di napoletantà alla squadra, ma i matrimoni si realizzano se entrambi le parti sono d’accordo: non farò nomi per eleganze, ma sono stati tanti li under napoletani che, o chediendo garanzie di minutaggio o garanzie economiche improponibili, hanno rifituato questa maglia.  Su Nelson posso solo dire che è una persona di grande volontà e con un’immediata volontà di legarsi al progetto: per questo abbiamo scelto lui così come tutti gli altri componenti di questo roster, che ripeto è ciò che volevamo per ritenerci soddisfatti. Nunzio ha grandi doti e grandi prospettive, ma è necessario che non senta troppe pressioni, e su questo siamo convinti che andrà tutto per il meglio grazie alla gestione di Maurizio Bartocci, di cui vorrei ribadire l’importanza in sede di mercato, così come di Salvatore Calise. E’ sempre ottimista e propositivo, il vero locomotore del nostro treno: sa compenetrarsi nella sensibilità dei giocatori , ma nello stesso tempo sa affermare un risvolto rigoroso e di freddezza dele funzioni che assume.
Sui nuovi innesti posso dire che Paolo Rotondo è un 4/5 che rispetto allo scorso anno può dare molto di più, soprattutto per le sue ottime esperienze a Biella e Agrigento. Leonardo Mariani è invece un giocatore ambizioso e sfrontato: proviene da una B Dilettanti da leader con Cecina e vuole fare il salto di qualità, per questo secondo me Napoli  può garantireil palcoscenico migliore per farlo.Per riuscirvi d’altra parte dovrà superare due sfide importanti, essendo nato cestisticamente come 4 ma riscopertosi alla grande come 3 in nazionale: proseguire su questa linea, affinando il suo tiro e slanciando il suo fisico, senza però rinunciare a quel coraggio e a quella tenacia che gli servirà tanto, soprattutto perch dovrà misurarsi con una categoria superiore. Abbiamo poi grandi aspettative su Nicola Bastone, che a livello under 19 ha trovato pochi rivali e che lo scorso anno ha mostrato un impegno per cui la virtus gli ha concesso il referto in 7 occasioni.D’altro canto sarà chiamato a reggere al meglio la sua prima vera esperienza in carriera, e lontano dal contesto casalingo in cui ha sempre lavorato, e in questo Maurizio e tutto lo staff gli sarà molto vicino . Infine su Gabriele Guastaferro riponiamo le speranze che si devono a un giocatore il cui compito sarò quello di dare prestazioni di sostanza, capaci di garantire contenuità di rendimento a fronte delle rotzazioni nel corso del match.
La squadra che abbiamo così allestito risponde a un imperativo: guardare in faccia tutti, con rispetto ma senza paura.”

A intervenire in seguito il coach Maurizio Bartocci, che con grande sintesì ha mostrato le sue posizioni di area tecnica: “I ragazzi che sono qui co noi oggi riflettono quella che è la parola chiave per definire con orgoglio il nostro organico: l’intercambiabilità, la duttilità e la bidimensionalità. Questa soddisfazione aumenta se penso alle circostanza in cui sono maturati i due ingaggi: con Nunzio abbiamo preparato quasi insieme gli esami di maturità, mentre con Nelson c’è stata la grande intermediazione di Andrea Iannilli che ho allenato. Inoltre per entrambi c’èra la volontà di aderire al progetto, e se giocatori di questo livello hanno deciso di aderire, io penso sempre più che non è un caso che l’impulso di credibilità sia arrivato per via di questi innesti.Quanto al mercato in generale, convengo assolutamente con quanto detto da Antonio”, e rispondendo a una domanda del collega di PN.it Enrico De Pompeis, aggiunge : “non è stata la spazzatura per le strade a far desistere alcuni giocatori dall’accettare le nostre proposte, ma l’immondizia che certa stampa ha prodotto nel momento sbagliato, soprattutto nel corso di una trattativa che ci avrebbe portato a un giocatore voluto ma poi non acquisito (Tommasiello,ndr).”

Il coach bianco-azzurro poi prosegue: “Vorrei spendere qualche parola su Mariani, che è un ragazzo di grande atletismo,di rara intensità ed enromi capacità di eseguire lavoro sporco, così come su Guastaferro, di elevata attitudine in difesa, e che sono certo sarà pronto a sfruttare ogni opportunità che gli verrà concessa in partita.Sul campionato poi ritengo che da osservare siano soprattutto Ferentino,Perugia e Matera, anche se al momento il mercato è ancora aperto e molte formazioni devono ancora soddisfare le attese delle tifoserie.Noi per quanto ci riguarda, siamo pronti alla sfida.”

Conclude infine il  Presidente Salvatore Calise, che con la sua ecletticità interviene a tutto campo: “Il nostro nuovo main sponsor rientra in quell’idea di gruppo sponsor che noi vogliamo sia costituito da tifosi oltre che da imprenditori fattisi strada nel mondo e con l’idea di svilupparsi insieme a noi mediante progetti comuni di lungo termine. Sull’amico Nucci e su Parmatutto posso aggiungere che il loro coinvolgimento sarebbe stato anche superiore a quello concordato se non ci fossimo accordati in anticipo con la BpMed.Devo poi ringraziare i media, la cui attenzione è crescente, il che ci inorgoglisce perchè vuol dire che ci stiamo muovendo nella direzione che anche i tifosi ritengono giusta, visto che tanti tra loro in questi giorni ci hanno persino aiutato nella scelta degli obiettivi di mercato, dandoci indiciazioni o inviatandoci a visionare qualche link video.Sulla credibilità del progetto non  ci riteniamo mai peinamente soddisfatti, anche se di spazzatura ne è stata prodotta tanta sul nostro conto, e anche sul tema delle pendenze finanziarie con la LNP, pienamente sanate per ciò che attiene al versamento della cauzione , e che come tutti ancora sono presenti per quanto riguarda la fideiussione, prorogata al 25 agosto prossimo.Le adesioni poi aumetano per il Club: tra pochi giorni avremo precisi dettagli numerici ma posso dire che, indicativamente, abbiamo più di 400 versamenti su più di 1000 richieste arrivate alla nostra casella di posta.Inoltre, sempre in funzione dell’aumento delle adesioni, e considerando che i tifosi possono anche portare con sè dei piccoli sostenitori, abbiamo ritenuto opportuno l’ingresso gratuito per i minori di 14 anni. Quanto poi ai rapporti con il Comune e con le sue strutture, dobbiamo considerare che siamo a fine luglio e che l’amministrazione non è ancora insediata nei suoi ruoli e nelle sue gerarchie.La burcorazia è lenta, ma confidiamo ce nelle prime settimane di settembre si entri a pieno regime per definire degli obiettivi di comune interesse. Sul breve periodo, e quindi sulla preparazione, contiamo di fare dei primi allenamenti tra il 14 e il 15, grazie all’impegno di Giuseppe Gallo (Partenope). Dal 18 agosto, effettuate le visite mediche, inizieremo a lavorare a Monteruscello, per poi trasferirci il 29 al Palabarbuto.”

Il prossimo appuntamento con le presentazioni è stato poi fissato per martedì prossimo 2 agosto: gli interessati saranno i toscani Simone Lenardon e Leonardo Mariani.