Perugia per l’onore, Omegna per la corsa al quarto posto

0

PERUGIA – Dopo il turno di riposo, la Liomatic Perugia torna in campo nel lunch match delle 14:00 di Domenica 21 Aprile e dovrà vedersela contro una squadra in lotta per i playoff e dotata di un roster profondo e di talento: la Paffoni Omegna di coach Di Lorenzo, impegnata nella lotta per il quarto posto play-off , e reduce dal successo pesante su Lucca (54-48), al termine di un intenso testa a testa sabato scorso al PalaBattisti.

Come detto prima il roster della Paffoni è di primo livello. Ad inizio stagione ha dovuto rinunciare al metronomo e collante Teo Bertolazzi, e l’esperto play ex Vigevano, dopo l’interregno di Riccardo Silvestrini, è stato sostituito dall’attesissimo ex Giacomo Mariani, cresciuto nel nostro settore giovanile con un passato a Cecina, Castelletto Ticino, Verona e Reggio Calabria.

Il top scorer Andrea Saccaggi con 11.7 di media, 60% da 2 ed eccellente tiratore da 3; altri realizzatori sono Stefano Masciadri con 11.4 il lungo Nika Metreveli, scuola MPS Siena ed ex Ferentino anche lui con 11.4 punti e 6.6 rimbalzi.

Altre risorse sono i senatori Pierpaolo Picazio, 7.5 punti e buon tiro dalla media e dalla lunga distanza, Cristian Villani e Massimo Farioli, 7.2 punti e grandissima esperienza; i giovani del team di Di Lorenzo sono Mohamed Tourè, play di colore intenso con buona mano e Marko Jovancic, classe 93′ prodotto della Reyer Venezia.
Formazione profonda quella di Omegna e Perugia dovrà ancora affrontarla senza oltroneri, ma i grifoni hanno dimostrato in questa stagione che può giocarsela con chiunque e in vista dei play-out è importante avere il morale alto per agguantare la salvezza.

Del resto ricordiamo che nella passata stagione i piemontesi, dominatori della stagione regolare e usciti clamorosamente ai playoff contro Ferentino (neo promossa in LegaDue) sconfissero la Liomatic Perugia in terra umbra dopo un overtime con un Super Saccaggi.

il precedente di dicembre invece ricorda un’ altra vittoria della Paffoni al fotofinish per 70-62, ma sempre al colpo di reni: basti pensare che la Fulgor, sul +10 a metà gara, venne risucchiata nella ripresa, con Poltroneri che regala spettacolo mentre nella fila della Paffoni nessuno è in grado di rispondere in modo concreto. Perugia sul finire di quarto raggiunge il +1 grazie a un tiro da tre sulla sirena di Santantonio e la Paffoni sembra ripresentare le insicurezze che hanno caratterizzato l’inizio di campionato.

Di Lorenzo fu soddisfatto della prova di cuore di Farioli, che sotto le plance fece valere la sua possenza fisica e la sua esperienza, per non parlare del capitan Picazio e di Stefano Masciadri, hanno trascinato la sua squadra per tutta la partita, sia in difesa e sia in attacco. Per Perugia invece Davide Poltroneri incantò il pubblico del Palabattisti con giocate e canestri che da soli valevano il prezzo del biglietto. La sua assenza peserà.