POFF SF G2, Cantù-Ravenna la sala stampa: le parole di Sodini e Lotesoriere

0

Così coach Marco Sodini dopo Gara 2 di semifinale playoff tra Acqua S.Bernardo Cantù e OraSì Ravenna: «Abbiamo avuto due partite abbastanza simili in cui, nei primi due quarti, non siamo riusciti, né in Gara 1 né in Gara 2, ad avere l’intensità difensiva che dovevamo avere. Poi, certamente siamo cresciuti nel corso del match, che è una buona cosa, e ci teniamo stretta. Dobbiamo sapere, però, che per vincere Gara 3 in trasferta non possiamo giocare venti minuti, ne servono quaranta. Questo, tuttavia, è un aspetto di cui i miei giocatori sono assolutamente consapevoli, quantomeno è quello che mi auguro dopo le due battaglie disputate a Forlì. Nel secondo quarto siamo stati scellerati nel momento in cui eravamo avanti di cinque punti, e poi di sette, perché abbiamo sprecato tante occasioni buone. Siamo sempre partiti in campo aperto, come a me piace fare, commettendo, però, cinque o forse addirittura sei palle perse; questo ha comportato nove perse a fine primo tempo, ma soprattutto ci ha portato a correre come dei pazzi, difendendo pochissimo e consentendo agli avversari di tirare dodici volte più di noi. La nostra maturazione come squadra passa anche da questi errori, che dobbiamo limitare il più possibile. Dopodiché, si può sbagliare, ma dobbiamo prestare più attenzione, cosa che non è avvenuta anche nel finale di Gara 1. L’emblema di questa partita è senz’altro la squadra, perché si è trattata di una autentica vittoria di squadra, passata anche dal recupero di Zack Bryant. Adesso abbiamo bisogno di giocare 40 minuti per vincere anche Gara 3, pensando però a un possesso per volta. Credo che la mia squadra abbia la capacità per farlo».

Il commento di coach Alessandro Lotesoriere: “Abbiamo avuto un buon approccio alla gara e giocato un buon primo tempo. Nel secondo ci è mancata la difesa, il marchio di fabbrica della nostra stagione. In particolare abbiamo concesso troppe volte a Cantù situazioni che premiano le loro caratteristiche individuali, quelle qualità che nei momenti chiave sono venute fuori e che hanno fatto la differenza per creare quel break di 7-8 punti che non siamo più riusciti a colmare. Queste partite si giocano su questi particolari, che derivano anche dall’esperienza e noi purtroppo abbiamo dimostrato che in questo frangente ne abbiamo avuta poca e di non essere mentalmente sul pezzo per tutti i 40 minuti. Però siamo nella serie, stiamo giocando con tanto orgoglio, al massimo delle nostre attuali possibilità e giovedì proveremo a regalare ai nostri tifosi almeno una partita in più“.

FONTE: Uff.Stampa