Sport e Covid: il PalaCarnera di Udine primo palasport in Italia a installare termoscanner

Agli ingressi verranno installati termoscanner forniti dalla friulana Calzavara Spa, attraverso la business unit specializzata in sicurezza Beeup, in grado di rilevare la temperatura corporea con altissima affidabilità e in tempi estremamente rapidi.

di La Redazione

L’Apu Old Wild West Udine sarà la prima società sportiva a livello nazionale a dotare il proprio palazzetto di un sistema di rilevazione della temperatura estremamente rapido e affidabile, fornito dall’azienda friulana Calzavara, in grado di garantire la massima sicurezza agli spettatori senza gravare sui tempi di attesa agli ingressi. L’obiettivo non è solo rispondere a un’esigenza immediata – attualmente la capienza del PalaCarnera è pari circa al 50 per cento, grazie a un’ordinanza della Regione Friuli Venezia Giulia per le società dilettantistiche che prevede numeri decisamente più elevati rispetto altre realtà -, ma definire anche una modalità di accesso all’insegna della totale sicurezza in previsione della riapertura completa dell’impianto friulano (circa 3.500 posti).

Per la fornitura tecnica, la società bianconera ha deciso di affidarsi a un’eccellenza del territorio con una comprovata esperienza a livello internazionale nella prevenzione dalla diffusione del Covid-19: la Calzavara Spa di Basiliano (UD), che attraverso la business unit specializzata in sicurezza Beeup doterà il PalaCarnera di sistemi di rilevazione della temperatura altamente rapidi e innovativi.

La riconosciuta competenza di Beeup, che già opera in porti, aeroporti, stazioni ferroviarie, aziende pubbliche e private e persino al Senato della Repubblica, consentirà ai supporter bianconeri di accedere all’impianto dei Rizzi in totale sicurezza. In tutti gli ingressi del PalaCarnera, infatti, verranno installati dei termoscanner in grado di monitorare la temperatura corporea degli spettatori in un tempo estremamente ridotto (si può arrivare a 120 persone al minuto). Il tablet autonomamente, senza l’intervento dell’operatore, potrà rilevare la temperatura e segnalerà al visitatore – sia dal punto di vista visivo che attraverso un segnale sonoro – se viene raggiunta o superata la soglia di allarme impostata a 37,5 gradi, come prevedono i protocolli. Inoltre il sistema termografico, che è un apparato interattivo particolarmente innovativo, sarà in grado di individuare eventuali accessi senza mascherina o con il posizionamento errato della stessa. In questo modo sarà garantita la massima sicurezza all’interno dell’impianto.

“La nostra azienda – sottolinea Marco Calzavara, presidente della Calzavara Spa – ha oltre 50 anni di storia ed è specializzata nella sicurezza, in questo contesto specifico nell’installazione di termoscanner altamente innovativi. Abbiamo realizzato impianti importanti al Senato della Repubblica, alla Camera dei Deputati, all’Enel, alla Rai e ora siamo felici di poter introdurre le nostre soluzioni tecnologiche anche in ambito sportivo – il Palasport Carnera è il primo in Italia a installare sistemi di rilevazione a prova di Covid – e di essere diventati sponsor tecnico dell’Apu Old Wild West Udine. I termoscanner consentiranno il passaggio degli spettatori in maniera molto rapida, evitando code e intasamenti che possono diventare pericolosi nella diffusione del contagio. Si tratta di una novità assoluta che speriamo possa avere seguito, prendendo spunto proprio dal Friuli e da Udine”.

“Abbiamo scelto uno sponsor tecnico in grado sia di garantirci standard qualitativi elevatissimi, sia di rispondere al meglio alle nostre esigenze – le parole del presidente dell’Apu Old Wild West Udine Alessandro Pedone -. Vogliamo farci trovare pronti per l’inizio ufficiale delle competizioni, nell’attesa di poter usufruire della completa capienza del nostro Palasport”.

Anche il Sindaco di Udine Pietro Fontanini ha espresso tutta la sua ammirazione per il progetto: “La città di Udine, dopo essersi distinta per efficienza e serietà nella fase più acuta dell’emergenza pandemica, raggiunge oggi un nuovo traguardo, per il quale va ringraziato il presidente dell’Apu Old Wild West Alessandro Pedone: il Carnera è infatti da oggi il primo palasport in Italia a prova di Covid. Ma a ciò si aggiunge un ulteriore elemento di soddisfazione e di orgoglio: la fornitura delle apparecchiature di rilevamento della temperatura è stata affidata alla friulana Calzavara Spa, già distintasi negli scorsi mesi per la donazione al Comune di un termoscanner oggi collocato all’ingresso degli uffici dell’anagrafe. Un grazie quindi all’Apu Old Wild West e a Calzavara Spa per averci resi ancora una volta i primi in Italia”.

“Sport e sicurezza sono ambiti che non possono che procedere insieme – il commento dell’Assessore allo Sport e Attività del tempo libero del Comune di Udine Antonio Falcone -, in questa difficile fase di ritorno alla normalità. Solo in questo modo lo sport può diventare non solo uno dei pilastri da cui ripartire ma anche l’occasione per definire un nuovo standard fatto di una maggiore attenzione all’adozione di stili di vita sani e di educazione all’attività motoria nei confronti delle nuove generazioni. Per questo il mio grazie va ad Alessandro Pedone, agli atleti e a tutto il team della APU Old Wild West. Un ringraziamento va inoltre alla Calzavara Spa per avere dimostrato di essere un’azienda che crede nello sport”.

Stefania Vicentini – ufficio stampa Calzavara

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy