A2 Silver: Piacenza ferma l’assalto di Chieti

di Simone Efosi

BAKERY PIACENZA  70 – PROGER CHIETI 59

Ancora folto pubblico al PalaBakery per la Nona di A2 Silver, che vede impegnata la Pallacanestro Piacenza e la Proger Chieti.

1° QUARTO:

Palla a due vinta da Chieti che apre subito le danze con 2 punti sotto canestro di Saffold, replicato poco dopo da Sorokas per la squadra di casa che difende aggressiva fin dai primi possessi. La Proger effettua giocate sicure in attacco che però non si concretizzano, mentre Piacenza capitalizza sul lato offensivo portandosi sul 6-2 che costringe la squadra ospite al primo time out della gara.

La breve sospensione non fa perdere concentrazione alla Bakery che continua a difendere fortissimo e ad attaccare con grinta, siglando altri 5 punti per portarsi sull’ 11-2 con poco più di 5 minuti da giocare nel primo quarto. Chieti si sblocca dopo un’eternità senza segnare, andando a canestro con successo con Saffold e replicando successivamente con conclusioni convincenti, avvicinandosi fino al 13-9, prima che una “rovesciata” di Italiano restituisca il +6 alla formazione di Coach Coppeta. Entrambe le formazioni sparano a salve e perdono banalmente un paio di possessi, prima che la sirena del 1° quarto metta temporaneamente fine alle ostilità sul 15-9 per la Bakery.

2° QUARTO:

Chieti comincia forte, segnando subito e riportandosi a -4, ma non riesce a riavvicinarsi oltre, a causa di un paio di palle perse, sfruttate poi da Piacenza con Sorokas che con un gioco da 3 punti riscrive il punteggio sul 18-11.

La formazione di casa continua molto aggressiva sia in difesa che in attacco, ma che continua ad avere le polveri bagnate dall’arco dei 6,75.

Mancano 6 minuti al termine del secondo quarto, quando Chieti si riavvicina sul 18-15 e alza il ritmo in difesa, costringendo la Bakery a faticare più del previsto per trovare qualche conclusione vincente, finchè Infante e Stefanini scrivono un 4-0 di parziale, promosso dalla sempre aggressiva difesa bianco-rossa.

Chieti chiama time out per riordinare le idee sul 22-15 per Piacenza, piccola pausa che giova alla squadra ospite, capace di ritrovare la via del canestro con 5 punti consecutivi per il 22-20, prima che Stefanini riporti i suoi sul +4 su assist di Italiano.

La Proger non molla e costringe Coppeta al time out, dopo che la bomba di Monaldi spinge la formazione ospite sul -1.

Manca meno di 1 minuto, quando Sollazzi con 2 liberi fallisce il tentativo di Chieti di riportarsi a -2, mentre poco più tardi il 22 di Infante restituisce a Piacenza un vantaggio più corposo.

Sull’ultimo possesso, Chieti nuovamente pericolosa in attacco, strappa un canestro da 3 punti con Monaldi, ma ad avere l’ultima parola è nuovamente Piacenza, che con il canestro da 2 di Rombaldoni sulla sirena, scrive il 31-27 per i suoi all’intervallo.

3° QUARTO:

E’ ancora Chieti ad aprire le danze dopo la pausa lunga, riportandosi sul -2 con il bel canestro di Cardillo, mentre Piacenza accusa un po’ di nervosismo perdendo banalmente un possesso e commettendo 2 falli entro i primi 2 minuti.

Con ambedue le squadre a sbagliare varie conclusioni, il punteggio rimane sul 33-32 fino a circa 5 minuti dalla sirena, quando un contropiede propiziato da un recupero di Hill, consente a Sorokas di schiacciare a 2 mani per il 35-32. Chieti risponde immediatamente e con la tripla di Sollazzo, il punteggio si riazzera sul 37 pari quando mancano poco più di 4 minuti al termine del 3° quarto.

E’ palpabile un po’ di nervosismo soprattutto per la squadra di casa, che però riesce a riprendersi il vantaggio di 2 punti, con il canestro di Sorokas in contropiede quando mancano meno di 3 minuti alla sirena. Piacenza spreca però la possibilità di aumentare il distacco, con Sorokas che sbaglia il tiro libero assegnato per il fallo di Saffold.

Chieti ritorna a fare la voce grossa con Sollazzo che mette a segno un canestro per la parità a quota 39.

Piacenza continua a sparare a salve dall’arco, mentre la Proger con una bomba di Saffold riesce a portarsi per la prima volta in vantaggio per 39-42.

La squadra di casa riprende a difendere forte, ma non riesce a raggiungere gli avversari prima della sirena, che sospende le ostilità sul 41-42 in favore di Chieti.

4° QUARTO:

E’ Rombaldoni a rompere il ghiaccio nel decisivo quarto di gioco, con 2 bei canestri che riportano a +2 Piacenza, agguerrita in difesa imponendo un buon ritmo alla partita.

Chieti risponde al fuoco senza perdere tempo, riprendendosi un esiguo vantaggio di 1 lunghezza con la bomba di Cardillo con 7 minuti e spicci da giocare, proprio quando le compagini bianco-rosse tornano a mordere su entrambi i lati del campo, senza farsi intimidire dalla ottima difesa ospite, che pur mostrando grande aggressività, non riesce ad evitare il nuovo sorpasso piacentino sul 48-47.

Mancano poco più di 5 minuti al termine quando Monaldi spara dall’arco, immediatamente replicato da Rombaldoni e le sorti dell’incontro sembrano nuovamente avviate verso un finale punto-a-punto.

Le squadre continuano a provare soluzioni offensive diverse e si rispondono colpo su colpo, senza perdere di vista l’obiettivo finale e sul 55-54 per i suoi a 2:50 dal termine, Coach Coppeta chiama time out per far rifiatare le compagini piacentine.

Il nastro che inaugura i 2 minuti finali vede la Bakery portarsi in vantaggio per 60-56 dopo un parziale di 5-0 ad opera di Rombaldoni, mentre una difesa più spietata che mai nega la via del canestro a una Chieti che dimostra grande intensità fino alla fine.

Mancano 45 secondi alla sirena, quando il capitano piacentino segna i 2 liberi che portano la sua squadra in vantaggio per 63-56 ma la Proger continua a stringere i denti, con conclusioni convincenti e falli tattici, che favoriranno a suon di punti dalla lunetta la seconda vittoria stagionale della Bakery Piacenza per 70-59 con una grande partita del Capitano Rombaldoni.

BAKERY PIACENZA:

Rombaldoni 22, Sorokas 17, Gasparin 0, Infante 11, Hill 11, Galli 0, Stefanini 2, Ziotti 0, Italiano 7, Di Girogio 0, Rossetti 0, Mazzocchi 0

PROGER CHIETI:

Cardillo 5, Ancellotti 13, Monaldi 14, Saffold 5, Sollazzo 10, Palermo 10, Di Emidio 2, Paesano 0, De Angelis 0, Di Giacomo 0

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy