Adecco Silver, Quarti Gara3: Foiera e Singletary stellari, Ravenna rimanda Ferrara a Gara 4

0

RAVENNA – L’Acmar non molla e crede ancora di poter essere protagonista in questi playoff, la sostanza degli uomini di coach Giordani, ottimi in difesa del pitturato, tiene ancora alte le aspettative dei tifosi giallorossi rimandando la Mobyt Ferrara a gara 4. Esemplari il “sempreverde” Foiera – 14pt a referto – e l’asso americano Singletary – 22pt per lui a tabellino – che tengono viva la partita nel momento peggiore di Ravenna, quando la Mobyt con Mays e grazie anche a un pizzico di nervosismo dei padroni di casa, aveva preso il largo. La concentrazione e l’esperienza di Charlie Foiera ha permesso al gruppo di rimanere compatto e continuando a macinare gioco corale, come nel primo parziale, Rivali (in ombra per ¾ del match ma preziosissimo nel momenti hot) e compagni sono riusciti a rimanere sempre attaccati al treno ferrarese altalenandosi nel punteggio. La classe di Singletary ha permesso all’Acmar di controbattere ogni avanzata di Ferrara, sapendo che il pitturato difensivo era ben protetto da Foiera, ed in parte da Solazzo, poco incisivo in fase d’attacco ma preziosissimo in difesa. La svolta avviene a 1’30” dal termine dopo un’altalena di conclusioni da entrambe le parti poco concrete, grazie alla tecnica di Singletary – messo in ritmo dal play Rivali – realizza la bomba del vantaggio 68-67. Nella ripartenza foga di Ferrara: Bedetti e Rivali contrastano e rubano palla al capitano Ferri, lo stesso playmaker romagnolo appoggia la palla a spicchi nelle mani del libero Foiera che stende le speranze ferraresi con la bomba del 71-67 per la gioia del pubblico di casa. Amici (beccatissimo dal pubblico di casa) e Ferri rimettono in gioco la palla a spicchi cercando quel guizzo per poter ancora concedersi uno sperato Overtime, ma il lesto Rivali blocca ogni iniziativa avversaria ripiegando sul capitano ospite rubandogli la palla della speranza e prendendosi il fallo che sancisce la chiusura del match con la vittoria per 73-67. Tutto rimandato a domenica con Gara 4 nella “bombonera” del PalaCosta, dove il 6° uomo in campo ha il dovere di sostenere fino all’ultimo la compagine romagnola contro una ottima Mobyt che incerottata venderà cara la pelle.

CRONACA – Si inizia subito con Ferrara in possesso palla, Mays innesta Jennings per i primi due punti sotto gli occhi dei propri tifosi, l’Acmar si ritrova subito sotto, ma Singletary si prende subito la prima responsabilità ed infila la prima “bomba” di giornata. Ferrara si muove bene con la coppia Mays-Ferri che dialoga a meraviglia e metto in moto Amici per il tiro preciso che porta avanti Ferrara sul 04-03. Per Ravenna è Singletary che si carica la squadra sulle spalle, assist per Cicognani che non sbaglia dai liberi, assist per Amoni che infila la tripla del 7-5 Acmar. In ombra, per ora, il play Rivali – ben marcato dal “folletto ” Mays – e la guardia Solazzo, ben contrapposto da Spizzichini. È super Singletary che realizza, prendendosi il rimbalzo in attacco dopo la conclusione di Amoni e difende alla grande su Amici, diretto a canestro, costringendolo allo sfondamento. Ravenna avanti 16-12. Ferrara, che cerca la trama di gioco e lo spettacolo con il duo Mays-Jennings, non impressiona più di tanto la tosta difesa di Amoni che si prende il rimbalzo e da il via all’azione della tripla di Foiera per il 21-14 che fa scoppiare il PalaCosta romagnolo. Time out Mobyt. Altalena di azioni da parte delle compagini che combinano ben poco in avanti: Ravenna più concreta con la coppia Foiera-Rivali che smarcato dal lungo non sbaglia la bomba dalla distanza che incrementa il punteggio 24-18 con il solo Julius Mays, per Ferrara, che prova a tenere il BiancoBlu attaccati al treno giallorosso. Fine 1*parziale targato Acmar.

RECUPERO MOBYT – Secondo parziale ricco di errori da entrambi le parti, ma Rivali riporta gli equilibri del bel gioco prendendo Ferri in velocità ed in entrata a canestro e deposita il 26esimo punto per Ravenna. Ferrara invece si riporta sotto grazie alla combinazione Ferri-Jennings che permette all’ala ferrarese di mettere la tripla del 21esimo punto, ma Solazzo – in ombra finora – in fase offensiva mette la tripla del 29-23 prima di spendere il suo 2° fallo personale che ne limita il suo percorso fino al termine del parziale. Acmar a corto di falli con Amoni, Foiera, Solazzo e Cicognani coach Giordani ora dovrà muovere gli equilibri per salvaguardare i suoi uomini. Ravenna riparte a testa bassa alla ricerca del successo di squadra, Broglia e Bedetti suonano la carica ed alimentano il vantaggio per Ravenna, ma Ferrara non molla e la fisicità di Jennings e la dote realizzativa di Amici permettono di mantenersi a breve distanza sul 35-30. L’Acmar dalla sua ha il fatto di avere una super difesa di squadra con Solazzo e Cicognani ottimi a rimbalzo ma spreconi con tiri forzati in avanti.Sale in cattedra al termine della prima frazione il lungo Jennings che si concede due stopponi al limite della regolarità su Bedetti in entrata e successivamente a rimbalzo poi da il via al contropiede di Amici che mette il suo nono punto personale che riporta avanti Ferrara sul 35-36. Ravenna però ha l’obiettivo di combattere fino alla fine e Foiera è di questa mentalità, il lungo di Giordani si prende il lusso di chiudere il primo tempo con la doppia sul lungo Jennings che per il 37-36. Fine 2° parziale targato Mobyt.

SECONDO TEMPO – Ferrara riparte con Mays che prova subito ad attaccare il canestro, ma il lesto Rivali non gli perdona nulla e riesce a rubare palla per dare il là all’azione spettacolo con Solazzo che conclude per i primi due punti di questo secondo tempo. C. Foiera in serata di grazia infila la sua tripla di giornata e riporta avanti Ravenna 42-38 l’esperienza al servizio della squadra. Amici “nervoso” inveisce con pubblico e terna dopo il fallo plateale su Solazzo che, nel frattempo, mette a referto i due punti concessi dalla lunetta, Ferrara solida a rimbalzo, dove Singletary e Broglia padroneggiano nel pitturato, con l’ala di Giordani che si prende il lusso del fallo su rimbalzo e i due punti a referto concessi dalla lunetta (45-40). Ancora scintille Singletary-Amici, Giordani pensa di richiamare l’americano in panchina dopo il fallo su Amici che, nel frattempo, realizza solo uno dei tiri liberi concessi. Fallo tecnico su Bedetti dopo l’ottima difesa su Amici beccato dal pubblico, tecnico anche per Giordani che impreca con la terna per la decisione, mentre Mays, con freddezza, non sbaglia i 4 liberi concessi che proiettano Ferrara in avanti sul 47-45 con il possesso della palla per allungare. Allungo immediato con la tripla di Mays per il +5 Ferrara. Giordani si affida a Singletary rimandato sul parquet al posto dell’ottimo Foiera, ma l’ala incide poco nonostante le buona propensione difensiva che lo rende padrone dell’area pitturata.Ravenna fatica a trovare il gioco fluido dei primi 10minuti che aveva messo alle corde Ferrara, Singletary però si concede i due punti del -1: chiama a raccolta la squadra e chiede l’incitamento del pubblico di casa. L’Acmar le prova tutte, ma Casadei, per la Mobyt, mantiene il vantaggio grazie ai liberi concessi per fallo di Singletary. Si chiude il parziale con Mays che sale in cattedra, si prende gioco del diretto oppositore Rivali e mette a referto il suo 16esimo personale che lo proietta fra i migliori di giornata sul parquet romagnolo. (53-54 Mobyt)

ACMAR IMPAVIDA – Ferrara riparte con la doppia di Jennings sulla faccia di Amoni, Singletary però suona la carica di rimessa ma Andreaus per Ferrara mette i suoi primi punti di giornata che proiettano la squadra di Furlani sul 58-55 nel silenzio del PalaCosta. Perla di Singletary per il pari 58-58, il pubblico si infiamma sotto le bordate dell’americano di Romagna e l’Acmar rimane attaccata al treno Mobyt, nonostante il 4° personale di Foiera che fa tremare Coach Giordani. Il lungo si riscatta con la tripla del 61-63 e difendendo alla grande sull’entrata al ferro di Mays, per ora esaltante prestazione dell’esperto pivot romagnolo con Singletary uno dei più positivi per Ravenna. Foiera, ancora superlativo a rimbalzo, dopo un possesso prolungato per l’Acmar, il lungo sul fallo di Spizzichini si concede anche il bis dalla lunetta per il 65-63 Acmar. Ferrara non molla il sogno di accedere al turno successivo di questi playoff, il capitano Ferri suona la carica e la guardia Spizzichini riporta avanti di due punti Ferrara grazie all’entrata senza difesa su Foiera, ormai a corto di falli. L’Acmar nonostante tutto difende a meraviglia concede poco e solo la classe cristallina di qualche singolo ospite (Mays su tutti, con i suoi 22 pt) riporta il vantaggio a casa Mobyt. Bomba Sigletary e bomba Foiera, Ravenna alle stelle avanti 71-67 con gli uomini di Furlani annichiliti dal minuto impressionante messo in atto da Rivali e compagni. Ed è proprio Rivali che si concede il lusso di stoppare Ferri al tiro e prendendosi il successivo fallo che ha sancito, dalla lunetta, la fine del match con il punteggio di 73-67.

MVP BASKETINISIDE: C.Foiera: 14Pt – 6 Rimb – 2 Ass – 4/5 3P (Acmar Ravenna) – doveroso appellativo nonostante non sia stato il miglior realizzatore, ha il merito di aver cambiato il match sancito con la “bomba” che ha demolito gli uomini di Furlani, perfetto in difesa, utilissimo a rimbalzo. Uomo squadra.

Acmar Ravenna vs Mobyt Ferrara – 73-67

Acmar Ravenna: Amoni 5, Cicognani 6, Rivali 12, Bedetti 2, Foiera 14, Broglia 4, Locci n.e., Singletary 22, Solazzo 8. Coach: Giordani

Mobyt Ferrara: Bottioni 2, Spizzichini 4, Amici 12, Ferri 9, Casadei 2, Andreaus 5, Pipitone 0, Jennings 11, Ghirelli n.e., Mays 22. Coach: Furlani

Fotogallery a cura di Genny Cangini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here