Al PalaFacchetti non si passa: Marino e Rossi respingono anche Chieti

0

Grande vittoria casalinga per la Remer Treviglio che ha la meglio sulla Proger Chieti con il punteggio finale di 74-61, al termine di un match in cui ha lasciato l’iniziativa ai teatini nel primo quarto per poi conquistare il vantaggio nel secondo parziale grazie a capitan Rossi e scavare il solco decisivo nel terzo grazie a un Marino sugli scudi; Chieti ha beneficiato della grande prova del neo arrivato Deloach ma ha trovato pochissime risposte dal resto del roster, perdendo nettamente il confronto sotto canestro contro la coppia Rossi-Ihedioha e i positivi Gaspardo e Borra dalla panchina. Con questa vittoria, Treviglio conquista un importante vantaggio negli scontri diretti contro una possibile sfidante per un posto ai playoff e dà buon seguito alla prova positiva offerta nella sconfitta di domenica scorsa sul campo della capolista Agrigento.

Con in panchina il cavallo di ritorno Jacopo Borra, Vertemati schiera Marino in regia, Carnovali e Kyzlink sugli esterni, Ihedioha e Rossi sotto canestro; dall’altra parte schiera sin dalla palla a due il nuovo arrivato Deloach insieme a Raschi sugli esterni, Passera in regia, Shaw e Soloperto sotto le plance.

È la nuova guardia statunitense degli abruzzesi ad aprire le danze con un 2/2 dalla lunetta e una penetrazione vincente a cui somma anche un libero aggiuntivo per il fallo di Kyzlink, mentre dall’altra parte è Carnovali a muovere il punteggio per una Remer che cerca inutilmente la conclusione dalla lunga distanza e appare un po’ troppo frettolosa in attacco con qualche palla persa evitabile, con il solo Kyzlink a cercare la penetrazione.  Raschi e Shaw (8 punti nel primo quarto) arrivano troppo facilmente al canestro, con la difesa trevigliese poco aggressiva a differenza di quella abruzzese che spesso riesce ad arrivare sui passaggi degli orobici creandosi occasioni di contropiede; i 4 punti consecutivi di Shaw e il time out riparatore di Vertemati fungono da sveglia per la Remer che in un amen somma un parziale di 7-0 con 5 punti di un ispirato Gaspardo e un tiro dalla media distanza con Krstovic che riportano Treviglio a -1 (12-13) e portano Bartocci a chiedere un minuto di sospensione. Cardillo, Deloach e Shaw ridanno fiato agli abruzzesi con un contro-parziale di 6-0 chiuso dalla penetrazione di Alessandri e i primi 10 minuti si concludono con la Proger avanti 15-19.

Il secondo quarto viene aperto ancora da Deloach in penetrazione, con Treviglio che reagisce immediatamente con l’appoggio di Rossi e la tripla frontale di Krstovic; il livello di agonismo è altissimo nello scontro Soloperto-Rossi con il capitano biancoblù (8 punti per lui nei secondi 10 minuti) a uscirne vincente costringendo il lungo teatino al terzo fallo del suo match dopo poco più di 12 minuti di gioco e mandando a segno 4 punti consecutivi che consentono alla Remer di trovare il primo vantaggio della partita (24-21). La sfida si mantiene in equilibrio con Rossi a colpire la difesa teatina e Chieti che riesce anche a tornare momentaneamente in parità con l’1/2 alla lunetta di Deloach e il contropiede di Gialloreto. Borra firma i suoi primi 2 punti con la canotta della Remer che, nonostante un fallo antisportivo fischiato contro Marino per una spinta a Deloach che la Proger capitalizza solo parzialmente con il 2/2 dalla lunetta di Shaw, ha aumentato sensibilmente l’intensità difensiva rispetto al primo quarto e continua a colpire la difesa biancorossa con Alessandri e Carnovali; Chieti non riesce a trovare la via del canestro e la Remer va negli spogliatoi avanti 34-26 grazie al 2/2 ai liberi di Krstovic e la stoppata di Carnovali sul tiro allo scadere di Passera.

Al ritorno in campo è Chieti ad andare a segno per prima con l’1/2 dalla lunetta di Shaw e la penetrazione di Deloach, con Treviglio che risponde da sotto con Rossi e dalla lunga distanza con Marino trovando il +10 (39-29) a 7’ dal termine del quarto e portando Bartocci a chiamare time out, preoccupato dall’enorme fatica dei suoi in attacco e dalla poca reattività a rimbalzo in difesa dove Rossi sta facendo il buono e il cattivo tempo. Passera prova a suonare la carica per i suoi con 7 punti consecutivi, aprendo il confronto con un Marino in piena fase di decollo (9 punti per lui in questo quarto) che colpisce per altre due volte la retina avversaria dalla lunga distanza. Nonostante il quarto fallo fischiato a un contrariato Ihedioha (rivedibile la decisione della terna arbitrale), Treviglio continua a spingere con le accelerate di Alessandri, a fronte di 5 punti consecutivi di Cardillo che consente a Chieti di ricucire lo svantaggio; la Remer ha l’ultimo possesso del quarto e lo sfrutta al meglio con una tripla allo scadere di “Bum Bum” Carnovali che fissa il risultato sul 53-44.

L’ultimo quarto è inaugurato da Soloperto e Passera per Chieti, con Treviglio che risponde grazie a Borra da sotto e Krstovic dalla lunetta, beneficiando anche del nervosismo di Shaw che commette fallo su tiro da 3 punti di Marino e si vede fischiare un fallo tecnico per proteste che lo estromette anzitempo dal match: il playmaker biancoblù fa bottino pieno dalla lunetta con 5/5 e la Remer va a +14 (62-48). La Proger prova ad alzare l’intensità in difesa ma deve subire la tegola dell’uscita per falli anche di un Soloperto troppo nervoso questa sera nel duello contro Rossi che ha la meglio sul giovane collega e si prende anche qualche colpo proibito; senza i due lunghi titolari, Chieti si affida alla velocità di Passera che guadagna due falli puntando il lungo biancoblù e convince Vertemati a chiamare time out. I canestri di Cardillo e Deloach dimostrano che gli ospiti non ci stanno a capitolare tanto facilmente, a fronte di una Remer un pochino spenta che litiga con la lunetta (2/4 di Rossi) ma viene lanciata sul +10 (68-58 a poco più di 3 minuti dalla sirena) nuovamente dall’ennesima tripla di un Marino indiavolato. Il colpo decisivo arriva a 2’10’’ dal termine quando la panchina teatina si vede assegnare un fallo tecnico per proteste a seguito di uno sfondamento in attacco fischiato a Cardillo, con Marino che fa 2/2 dalla lunetta e Rossi che trova il più facile degli appoggi da sotto. L’ultimo minuto è una pura formalità con Krstovic a rispondere al canestro di Deloach e la Remer che porta a casa una vittoria importantissima con il punteggio finale di 74-61.

Titolo di MVP che va nuovamente a un Marino stellare con 19 punti, 4/7 da 3 punti, 7/7 ai liberi e una personalità straripante in attacco che è risultata fondamentale nei momenti in cui Treviglio faticava a scrollarsi di dosso gli abruzzesi; grandissima prova anche di Rossi che chiude in doppia doppia (15 punti, 13 rimbalzi), doppia cifra per Alessandri (10 punti) e Krstovic (11 punti), 10 rimbalzi per Ihedioha.

Dall’altra parte non bastano i 21 punti del nuovo arrivato Deloach (oltre a 10 rimbalzi e 4 assist) e la doppia doppia di Cardillo (10 punti e 10 rimbalzi) per una formazione che ha risentito del nervosismo della coppia Shaw-Soloperto, è capitolata definitivamente quando questi due sono usciti per raggiunto limite falli ed è stata troppo imprecisa al tiro (solo 2/24 dalla lunga distanza).

Una vittoria meritata e importante per la Remer che va alla pausa per la Coppa Italia con il morale molto alto, un fattore importante in vista del derby che tra due domeniche vedrà i ragazzi di Vertemati fronteggiare l’Assigeco Casalpusterlengo al PalaCampus per una sfida ad altissima tensione che potrà risultare decisiva nella corsa ai playoff.

 

Remer Treviglio 74–61 Proger Chieti (parziali: 15-19, 34-26, 53-44)

Remer Treviglio: Alessandri 10, Carnovali 7, Krstovic 11, Kyzlink 2, Borra 4, Gaspardo 4, Marino 19, Flaccadori, Ihedioha 2, Rossi 15. All. Vertemati

Proger Chieti: Bini n.e., Gialloreto, Comignani, Raschi 2, Di Emidio, Passera 9, Cardillo 10, Deloach 21, Soloperto 6, Shaw 11. All. Bartocci

Statistiche – Treviglio: 19/37 da 2, 6/22 da 3, 25/59 totale, 18/22 ai liberi; Chieti: 19/41 da 2, 2/24 da 3, 21/65 totale, 17/22 ai liberi

Arbitri dell’incontro: Paolo Cherbaucich di Trieste (TS), Alessandro Costa di Livorno (LI) e Gabriele Gagno di Spresiano (TV)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here