All’Alma Arena non si passa, Trieste batte pure la Effe

I giuliani colgono il decimo risultato utile consecutivo tra le mura amiche e si issano in vetta alla classifica

di Marco Novello

All’Alma Arena PalaRubini, per la ventesima giornata del campionato di LNP, va in scena il big match di giornata tra l’Alma-Agenzia per il Lavoro e la Kontatto Fortitudo Bologna. Partita che vede in campo ex di lusso da ambo le parti; per la precisione i vari Pecile, Cittadini, Ruzzier e Gandini che buoni ricordi hanno lasciato nella mente dei tifosi. Da annotare assenze pesanti per tutte e due gli allenatori che devono fare a meno di Roberto “Bobo” Prandin da una parte e Luca Campogrande dall’altra, uomini che entrando dalla panchina sapevano cambiare la partita in corsa con il loro apporto alla squadra. Recuperato proprio all’ultimo Candi che farà parte del match.

Primo quarto che incomincia con coach Dalmasson che decide di schierare sul parquet Da Ros, Parks, Bossi, Green e Cittadini, mentre il pari ruolo Boniciolli parte con Knox, Mancinelli, Legion, Raucci e Ruzzier. Il match tra le due sfidanti inizia subito a mille all’ora con continui capovolgimenti di fronte e di punteggio. Green, dopo la rubata su Legion, vola ad inchiodare in contropiede, ma Raucci risponde con il piazzato da 3 punti per il 2-3 iniziale. Da Ros, su fallo di Ruzzier, trova il gioco da tre punti che riporta avanti di due lunghezze i padroni di casa; Knox però, dall’altra parte, recupera un pallone dalla spazzatura e lo trasforma nel canestro del pari a quota 5. Green e Da Ros, protagonisti di questo avvio, producono un mini parziale di 4-0 a cui Ruzzier risponde con la conclusione dai 6.75 per il 9-8 del quarto minuto di gioco. Bossi con il jumper dalla media trova nuovamente il +3, sempre Ruzzier, che in questo frangente si è caricato i suoi sulle spalle, trova il fondo del secchiello con un tiro identico all’omologo triestino (11-10). Il botta e risposta firmato Cittadini-Knox fa rimanere inalterate le distanze tra le due contendenti, prima che la tripla di Legion dia il +2 ai viaggianti sul 13-15. Pecile e Parks in un batter d’occhio griffano il break di 5-0 che riporta avanti l’Alma sul 18-15 con 2 minuti e 55 secondi ancora da giocare. Boniciolli saggiamente decide di ricorrere al minuto per spezzare l’inerzia dei padroni di casa e l’effetto è immediato, con capitan Mancinelli che in avvicinamento trova il -1 (18-17). Da Ros litiga col ferro ai liberi e non ne approfitta per allungare nel punteggio; Candi, invece, è più preciso e riconsegna la leadership agli ospiti (18-19). Pecile dalla linea della carità trova un prezioso 2/2, ma Montano con la tripla a fil di sirena aggiorna il punteggio sul punteggio di 20-22 con cui si conclude il primo quarto.

Secondo periodo che si apre con l’Alma che pigia decisa sull’acceleratore, prima trova il pareggio con Parks e poi mette la freccia con la tripla di Pecile (25-22). Italiano sblocca i suoi riconducendoli sul -1 (25-24), ci pensa poi Knox con un piazzato a scrivere il nuovo vantaggio della Effe sul 25-26 con 6 minuti e 30″ ancora sul cronometro. Le difese annullano gli attacchi per più di due minuti costringendoli a tiri forzati oltre che difficili ed il punteggio rimane inchiodato sul 25-26. Ci pensa Jordan Parks, con una penetrazione, a sbloccare la situazione di parità, ma Legion, con un piazzato, ristabilisce il vantaggio esterno sul 27-28. Knox, su fallo di Parks, converte il gioco da tre punti che da il +4 agli emiliani, prima che le due inchiodate consecutive di Parks e Green ristabiliscano la parità a quota 31. Pecile, con il 2/2 dalla lunetta è il primo giocatore ad andare in doppia cifra scrivendo sul tabellone il 33-31 di fine periodo.

Terza frazione che ricomincia con le due squadre che ripropongono in campo i due starting five iniziali. Da Ros infila il settimo punto della sua partita consegnando il +4 ai giuliani per il 35-31. Mancinelli, nell’altra metà campo, trova l’appoggio del -2 a cui Pecile risponde immediatamente con il canestro in fade-away (37-33). Bossi si infila nelle maglie della difesa felsinea e scrive il 39-33 con Boniciolli che è costretto a ricorrere nuovamente al minuto di sospensione. Legion e Mancinelli, in uscita dal minuto, accorciano le distanze ad un solo possesso per il 39-36 del terzo minuto di gioco. Parks, con il canestro dalla media, è il secondo giocatore dell’Alma ad andare in doppia cifra conducendo i triestini sul +5 e con Green, che vola nuovamente sopra il ferro, scrivono il 43-35 di metà frazione. Legion, a fil di sirena, pesca una tripla vitale per i suoi (43-38) Baldasso però, piedi per terra, risponde con la stessa moneta ed il coach ospite è costretto nuovamente ad interrompere la sfida e parlare con i suoi. Parks segna il punto del +10 facendo esplodere il PalaRubini, Montano, con la sua seconda conclusione pesante di serata, smorza gli entusiasmi e aggiorna il punteggio sul 48-41. Green, in un momento di lucida follia, infila la bomba del 51-41 che sembra spezzare le gambe dei fortitudini, ma Ruzzier in penetrazione li riporta sotto la doppia cifra di svantaggio (51-43). Da Ros, con una conclusione coi piedi dietro l’arco, aggiorna il massimo vantaggio triestino (54-43) a cui la effe replica con i liberi di Italiano. I canestri finali di Da Ros e Candi concludono la frazione sul 55-47 in favore dei giuliani

Quarto ed ultimo quarto in cui le due squadre sentono la fatica accumulata nei precedenti 30 minuti e l’unico canestro dei primi due minuti e mezzo porta la firma di Mancinelli che porta i suoi a soli due possessi di svantaggio (55-49). Dalmasson sveglia i suoi chiamando un minuto e Baldasso risponde immediatamente presente (57-49). Knox, dalla linea della carità, rimette il -6 sul tabellone prima che Green, con una giocata da highlights, risistemi le distanze ad 8 lunghezze (59-51). Il solito Knox, unico giocatore di Bologna ad andare a referto in questo momento, trova due liberi pesanti prima che Legion in penetrazione assottigli a 4 punti il gap tra le due contendenti. L’Alma è in rottura prolungata in attacco e Legion ne approfitta per il canestro del 59-57. Italiano spende il quinto fallo della sua partita con Cittadini che però non converte dalla lunetta facendo solo 1/2. Candi spende bene fallo su Parks che dalla lunetta fa 0/2, ma Da Ros, nell’azione successiva, segna la seconda tripla di serata che dà un vantaggio consistente ai padroni di casa. Pecile converte il libero derivante dal tecnico comminato a Boniciolli per il +7 Alma (64-57) e sembra poter chiudere qui la partita. La Effe non muore veramente mai, Ruzzier segna il nono punto della sua serata mantenendo accese quelle flebili speranze di rimonta. Candi si inventa letteralmente il canestro del -4 a cui ci aggiunge il libero seguente che riapre il match ad un minuto dalla fine (65-62). La mano di Baldasso non trema e fa esplodere di gioia il PalaRubini che intravede nuovamente la vittoria a pochi secondi dalla fine (67-62). L’antisportivo fischiato a Legion scrive i titoli di coda all’incontro che si concluderà poco dopo sul 69-64. Trieste festeggia la decima vittoria consecutiva in casa, nessuno come gli alabardati in questo campionato tra le mura amiche, issandosi momentaneamente in testa alla classifica. Bologna torna a casa con una sconfitta pesante da digerire ottenuta solo nelle frazione conclusiva della sfida.

MVP di Basketinside.com Jordan Prks che contribuisce alla causa triestina con 12 punti e 10 rimbalzi. Completano il tabellino i 3 assist, le 2 palle recuperate e i 4 falli subiti per un totale di 24 di valutazione

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: J. Parks 12 (6/7 da 2, 0/2 da 3, 0/2 tl), S. Bossi 4 (2/5 da 2, 0/3 da 3, 0/0 tl), A. Coronica (K) 0 (0/1 da 2, 0/3 da 3, 0/0 tl), J. D. Green 14 (5/7 da 2, 1/3 da 3, 1/2 tl), M. Schina n.e., M. Ferraro n.e., A. Pecile 15 (2/4 da 2, 1/3 da 3, 8/11 tl), L. Baldasso 7 (1/2 da 2, 1/2 da 3, 2/2 tl), L. Deangeli n.e., A. Simioni 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), M. Da Ros 14 (3/8 da 2, 2/9 da 3, 1/2 tl), A. Cittadini 3 (1/2 da 2, 0/0 da 3, 1/2 tl), all. E. Dalmasson

Fortitudo Kontatto Bologna: G. Marchetti n.e., S. Mancinelli (K) 7 (3/5 da 2, 0/1 da 3, 1/2 tl), L. Candi 7 (2/3 da 2, 0/1 da 3, 3/3 tl), A. Legion 13 (5/8 da 2, 1/9 da 3, 0/0 tl), M. Ruzzier 9 (3/6 da 2, 1/3 da 3, 0/0 tl), M. Montanari n.e., M. Montano 6 (0/4 da 2, 2/3 da 3, 0/0 tl), D. Costanzelli n.e., L. Gandini 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), D. Raucci 3 (0/0 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), J. Knox 15 (5/9 da 2, 0/1 da 3, 5/7 tl), N. Italiano 4 (1/3 da 2, 0/2 da 3, 2/2 tl), all. M. Boniciolli

Fotogallery a cura di Dario Cechet

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy