Altro tonfo casalingo per gli Sharks, trionfa Forlì al PalaMaggetti

Discorso salvezza che si complica per il Roseto Sharks, sconfitto a domicilio 85-92 dall’Unieuro Forlì. Tanti passaggi a vuoto per i ragazzi di Di Paolantonio, raramente all’altezza in fase difensiva, dove concedono troppi secondi tiri al quintetto ospite.

di Piergiorgio Stacchiotti

Roseto Sharks –Unieuro Forlì 85-92

ROSETO: Carlino 14, Ogide 20, Lupusor 9,Contento 14, Di Bonaventura 2, Palmucci n.e, Lusvarghi, Zampini 1 , Casagrande 10, Marulli 9, Fasciocco n.e, Infante 2. Coach Emanuele Di  Paolantonio

FORLI’: DiLiegro 24, Castelli 6, Fallucca 7, Naimy 12, Campori n.e, Jackson 19, Bonacini, Severini 16, Thiam 2, Del Zozzo n.e, De Laurentiis 6. Coach Giorgio Valli

Arbitri:  Brindisi, Maschio, Centonza

Note: parziali: 26-23; 46-49; 63-72; 85-92.

Discorso salvezza che si complica per il Roseto Sharks, sconfitto a domicilio 85-92 dall’Unieuro Forlì. Tanti passaggi a vuoto per i ragazzi di Di Paolantonio, raramente all’altezza in fase difensiva, dove concedono troppi secondi tiri al quintetto ospite.

Pronti-via, Roseto replica alla tripla iniziale di Castelli con quelle di Lupusor e Marulli. Si sbloccano Ogide da una parte e Diliegro dall’altra, che vanno a bersaglio in due occasioni. 13-10 al 5’ grazie alla bomba di Casagrande. Gli Sharks sprecano ingenuamente due possessi, l’Unieuro ne approfitta per il sorpasso, portandosi avanti di due. I biancazzurri ribattono tornando in vantaggio 19-16, inducendo Valli a chiamare time-out. 24-23 il punteggio al 10’, dopo che Contento si inventi una tripla da distanza siderale allo scadere.

Forlì nettamente più in palla. Gli ospiti provano ad allungare, portandosi sul 28-35 al 13’. I romagnoli mantengono sette lunghezze di vantaggio anche al 15’, mentre un minuto più tardi Severini timbra il 33-42 che costringe Di Paolantonio a richiamare i suoi per scambiare quattro chiacchiere. Il coach di casa non raccoglie i frutti sperati perché i ragazzi di Valli scappano ulteriormente, lanciandosi sul +12. I biancazzurri si risvegliano prima dell’intervallo, col malconcio Carlino che trova i primi tre punti della sua gara e lancia i compagni verso il 9-0 di parziale che permette di rientrare negli spogliatoi sul 46-49.

Roseto riagguanta la parità con una bomba di Ogide e torna a condurre grazie ad un libero dello stesso pivot nigeriano. Forlì però caccia di nuovo la  freccia con una tripla di Jackson e un arresto e tiro di Naimy, 52-56 dopo 23’. Prima penetrazione vincente di Carlino, alla quale segue il canestro di un Lupusor convincente: è ancora parità prima di un fulmineo 0-8 che spinge il coach di casa a chiamare time-out a 4’37”dal termine della terza frazione. Una bomba di Marulli interrompe il trend negativo per i rosetani. 59-66 il risultato parziale al 28’. Dopo il 2/2 di Marulli dalla lunetta, l’Unieuro scappa nuovamente sul +11, prima che altri due liberi di Contento fissino il punteggio finale del terzo periodo sul 63-72.

La frazione conclusiva si apre con Fallucca che segna da sotto, Roseto risponde con una tripla di Carlino e i primi punti di Di Bonaventura. +8 per i romagnoli al 33’, con DiLiegro, come già più volte nel corso della gara, a tratti dominante. 74-80 al 35’. Subito dopo nuovo sonnellino dei biancazzurri, che sprecano l’opportunità del -4 e poi subiscono cinque punti in un amen: +11 Unieuro a 4’dalla fine. La successiva tripla di Jackson suona come una sentenza definitiva, che è attenuata in minima parte dallo schiaccione di Ogide del 76-88 al 37’. Gli Sharks provano a tenere vive le loro flebili speranze con Carlino, che sbaglia la bomba del possibile -4 a 20”dal termine. Troppo tardi per rimediare ad una serata negativa da parte gli Sharks, che se vogliono salvarsi devono assolutamente limitare i black-out che continua a palesare nel corso dei match.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy