Borra è dominante: Treviglio abbatte Verona

Il gigante della BCC domina il match con 24 punti e 13 rimbalzi, ispirato dal talento di Nikolic e affiancato dalle triple di Reati. Verona non esiste e la panchina di Diana è in grave pericolo.

di Jacopo Burati

Tezenis Verona-BCC Treviglio 73-85 (25-30; 38-48; 53-65)

La BCC Treviglio domina in casa della Tezenis Verona al di là dei 12 punti di scarto finale. E’ Jacopo Borra a dominare il match con 24 punti e 13 rimbalzi, ispirato dal talento nei passaggi di Nikolic (5 assist) e affiancato dalle triple di Reati. Verona non esiste, limita il passivo a proporzioni decenti ma non riesce in sostanza mai a competere. La panchina di Andrea Diana è ora in grave pericolo.

Inizio promettente e ad alto ritmo offensivo per entrambe le squadre: Verona cavalca un Severini micidiale e autore di 9 punti con tre tiri. Treviglio risponde con la vena positiva di Nikolic: 11-8 locale dopo neanche 3′. Gli attacchi restano fluidi, le difese così così ed emergono altri attori protagonisti col passare della gara: Candussi per i locali e Pepe per gli ospiti continuano il discorso scambiandosi canestri ad alta percentuale. Reati agguanta subito la parità (18-18), Pepe e Borra sorpassano in carrozza per Treviglio (23-18) costringendo il coach gialloblu Diana al minuto di sospensione. Il ritorno di Rosselli prova a dare la scossa: canestro e fallo e Verona ricuce grazie anche alla connessione con Pini. Ma Reati è caldo e Treviglio chiude il primo quarto sopra di 5 (30-25).

Continua la serata magica di Pepe a inizio secondo periodo, ma la difesa della Tezenis si alza d’intensità con Pini in cattedra. Questo si traduce però in qualche fallo di troppo con D’Almeida e Lupusor che non si fanno pregare dalla lunetta per il +8 BCC (37-29). Verona perde Candussi – tra i più positivi – per una storta alla caviglia. È sempre dalla lunetta che la Tezenis costruisce la rimonta con Jones che attacca il ferro: il -2 (38-40) è però frustrato dalla coppia Nikolic-Borra che con la tripla di Bogliardi compilano un break di 8-0 per il +10 (48-38) Treviglio dopo i primi 20′.

Provano a scuotersi Greene e Tomassini a inizio terzo periodo, ma Verona subisce troppi canestri facili, specie da un Nikolic stellare che innesca pure un ispirato Borra: Treviglio mantiene il ritmo e tocca i 14 punti di scarto (58-44) dopo 5′ scarsi. Ci prova ancora Tomassini a dare colore alla Tezenis e con l’aiuto del rientrante Candussi torna a -9 (51-60). Ma la maestria di Nikolic non conosce sosta: si mette in proprio, continua a far contento Borra e domina la contesa. La Tezenis si affida a soluzioni a bassa probabilità di successo e la BCC va all’ultimo riposo salda in vantaggio di 12 punti (65-53).

All’inizio dell’ultimo quarto, Verona cade nel baratro della frustrazione sul -16 (54-70). La BCC, trascinata dalla tripla di Reati e dalla solita presenza di Borra, gioca con sicurezza e determinazione sfruttando le esitazioni della formazione gialloblu. La Tezenis tenta di restare in gara con le folate – in colpevole ritardo – di Greene e Jones. Ma nulla può contro il fisico di Borra che banchetta in area. La tripla dall’angolo di Reati fissa il +18 (76-58) a 5′ dalla sirena finale. Treviglio naviga tranquilla, Verona si vede crescere l’ansia da prestazione e commette errori banali e ingenuità puerili: ancora Reati aggiorna il massimo vantaggio sull’81-61 a 3′ dal termine. E’ in pratica l’epilogo del match, anche perché la press a tutto campo veronese dà frutti altalenanti e comunque tardivi, così come l’inutile scarica finale di Severini e Janelidze.

Tabellini:

Verona: Tomassini 11, Greene 6, Severini 16, Jones 9, Candussi 12, Caroti, Rosselli 6, Pini 8, Janelidze 3. All.: Diana.

Treviglio: Frazier 5, Pepe 14, Reati 19, Nikolic 15, Borra 24, Lupusor 2, Bogliardi 5, D’Almeida 2, Sarto 1. All. Cagnardi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy