Supercoppa LNP – Buona la prima per Treviglio, Assigeco sconfitta in volata

Vittoria sofferta per Treviglio che sul parquet del Pala Facchetti conquista il primo match del girone di Supercoppa sconfiggendo nel finale l’Assigeco Piacenza con il punteggio finale di 75-74.

0

Vittoria sofferta per Treviglio che sul parquet del Pala Facchetti conquista il primo match del girone di Supercoppa sconfiggendo nel finale l’Assigeco Piacenza con il punteggio finale di 75-74. Un match combattuto ed equilibrato che ha visto avanti la Gruppo Mascio per larghi tratti con Piacenza brava a giocarsela fino alla fine costruendosi anche la palla dell’eventuale vittoria sulla sirena, 40’ con diversi errori al tiro da entrambe le parti (normale a inizio stagione) e che vede Treviglio prevalere anche nonostante gli ospiti portino 5 giocatori in doppia cifra. 

I quintetti in campo

Coach Carrea schiera per la palla a due Giuri in regia, Clark e Marini sugli esterni, Lombardi e Taylor sotto canestro; dall’altra parte coach Salieri risponde con il quintetto formato da Sabatini in regia, Miaschi e Gajic sugli esterni, Skeens e Pascolo sotto canestro.

Primo quarto

Rompe il ghiaccio Treviglio con un canestro di Taylor su rimbalzo in attacco, prima parte del quarto che viaggia su ritmi abbastanza blandi e con errori su entrambi i fronti nella quale Piacenza muove il proprio punteggio con Skeens e l’1/2 dalla lunetta di Sabatini mentre per i padroni di casa il protagonista è Clark con 7 punti. L’ex Miaschi si iscrive al match con una conclusione dalla lunga distanza per una Piacenza che si appoggia prevalentemente in area da Skeens per muovere il proprio punteggio, dall’altra parte Treviglio prova ad alzare i ritmi trovando 2 punti da sotto con Taylor e altri 6 da un infuocato Clark (13 per lui in 7’24’’ sul campo). Tripla di Marini che porta la formazione di casa sul +10, coach Carrea cambia 4/5 del quintetto base ottenendo buone risposte in difesa mentre in attacco mantiene un buon margine grazie al canestro da sotto di Bruttini e all’1/2 di Marini ai liberi (23-15 dopo 10’ di gioco).

Secondo quarto

Si riparte con la tripla di Gajic per l’Assigeco che sembra rientrata in campo con maggior convinzione degli avversari e riduce il divario a 1 lunghezza grazie a Sabatini e Pascolo, Treviglio è troppo imprecisa al tiro e il 2/2 ai liberi di Skeens permette a Piacenza di portarsi avanti nel punteggio. Arriva il primo canestro della Blu Basket nel secondo periodo con la tripla dall’angolo di Lombardi, 4 punti di Pascolo consentono agli ospiti di mantenere il vantaggio, gioco da 3 punti di Giuri che riduce il divario a 1 punto ma un’altra tripla di Miaschi lo riaumenta a 4 lunghezze e spinge coach Carrea a chiamare time out. Reazione trevigliese con la tripla di Giuri e il 2/2 dalla lunetta di Lombardi che riporta i suoi avanti nel punteggio, l’attacco emiliano vive un momento di difficoltà (complice anche l’intensità difensiva della Blu Basket) e l’Assigeco torna a segnare dopo quasi 3’ con la penetrazione vincente di Sabatini. Finale combattuto nel quale Treviglio rimette il naso avanti con Marini e Lombardi e va negli spogliatoi sul 39-38. 

Terzo quarto

Le triple di Cerella e Giuri aprono il terzo periodo di Treviglio mentre Piacenza mantiene il punteggio in equilibrio con i canestri da sotto del duo Pascolo-Skeens, con il lungo statunitense a inchiodare in contropiede la schiacciata del vantaggio ospite (47-49). A metà quarto allunga Piacenza con una conclusione da lontanissimo di Sabatini e l’appoggio al tabellone di Pascolo, la Gruppo Mascio litiga a lungo con il ferro e muove il proprio punteggio con i liberi di Marini e la penetrazione vincente di Clark ma a fronte di molte conclusioni sprecate. Bruttini riduce lo svantaggio dalla lunetta e pareggia con Marini (costretto però a uscire subito dopo per infortunio), ultimo minuto equilibrato nel quale i padroni di casa infilano 4 punti con Clark in risposta al piazzato di Miaschi e chiudono il quarto avanti 59-57.

Ultimo quarto

Il punteggio torna in equilibrio in apertura di ultimo periodo con l’1/2 ai liberi di Cerella e la tripla di Gajic, fase di gioco con attacchi contratti da entrambe le parti e Treviglio ne esce dopo un paio di minuti mandando a segno due conclusioni dalla lunga distanza con Giuri e Sacchetti e la penetrazione vincente di Clark per il +8 (68-60). Piacenza non riesce a trovare il bandolo della matassa, nervosa in attacco e in panchina dove coach Salieri si fa fischiare un fallo tecnico per proteste, torna a segnare dopo 6’ con la penetrazione di Varaschin; momento di flessione per i bianco blu con un paio di cattive gestioni in attacco e l’Assigeco è pronta ad approfittarne per tornare a -3 con il 2/2 dalla lunetta di Sabatini e il contropiede finalizzato da Varaschin che spingono coach Carrea a chiamare time out. 2/2 di Morglillo ai liberi, Treviglio riprende fiato con le triple di Giuri e Clark andando sul +9 prima che la conclusione dalla lunga distanza di Gajic riporti il divario a due possessi pieni con meno di 2’ sul cronometro. È ancora Gajic a ridurre lo svantaggio, Sabatini ha la possibilità di ridurlo a 1 lunghezza ma sbaglia entrambi i liberi con 30’’ da giocare, dall’altra parte sanguinosa infrazione di passi fischiata contro Giuri e palla a Piacenza che fa 2/2 ai liberi lasciando 6’’ a Treviglio che perde palla sulla rimessa ma viene graziata da Sabatini che sbaglia il tiro sulla sirena e consegna ai padroni di casa la vittoria per 75-74.

I tabellini

Gruppo Mascio Treviglio 75-74 Assigeco Piacenza (parziali: 23-15, 39-38, 59-57)

Gruppo Mascio Treviglio: Lombardi 7, Clark 22, Taylor 4, Bruttini 5, Corona n.e., Cerella 6, Marini 10, Sacchetti 3, Abati Touré 2, Giuri 15, Maspero 1, Resmini n.e.. All. Carrea

UCC Assigeco Piacenza: Gajic 11, Skeens 15, Soviero, Sabatini 15, Miaschi 16, Varaschin 5, Querci, Gherardini n.e., Franceschi n.e., Morgillo 2, Joksimovic n.e., Pascolo 10. All. Salieri

Statistiche – Treviglio: 13/29 da 2, 13/32 da 3, 26/61 totale, 10/22 ai liberi; Piacenza: 16/40 da 2, 8/24 da 3, 24/64 totale, 18/24 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Mattia Martellosio, Marco Barbieri, Matteo Lucotti.