Castellanza stavolta è amara per Omegna, i Knights centrano il colpo con un super Krubally

di La Redazione

Tra le mura amiche del PalaEuroImmobiliare i Legnano Knights ricevono la lanciatissima Paffoni Omegna, su questo parquet vincitrice della Coppa Italia 2012, seconda in classifica a pari punti con Ravenna e reduce da tre vittorie consecutive. Legnano è chiamato a dare continuità alla bella vittoria di Latina,e può contare su un palazzetto esaurito e caldissimo. Presenti anche tantissimi tifosi ospiti giunti da Omegna.

I due team scendono sul parquet con i quintetti base. Legnano schiera di Bella playmaker,Merchant guardia,Milani ala piccola,Arrigoni ala grande e Krubally centro. Omegna risponde con il grande ex Tavernelli in regia,Saddler guardia,Conger ala piccola,Masciadri ala grande e Iannuzzi centro. I primi punti sono per Omegna,frutto di una schiacciata di Iannuzzi. Legnano dimezza lo svantaggio con Krubally che fa 1/2 dalla lunetta.Omegna parte forte e si porta subito sul 7-1 e poi sul 12-5,grazie soprattutto a due triple di Masciadri. Sono proprio i tiri da tre a non sorridere a Legnano,che sbaglia i primi sei tentativi. Ma il vantaggio degli ospiti è destinato a durare poco,perché i Knights piazzano un parziale di 8-0 che li porta sul +1 (13-12),grazie a uno scatenato Krubally che fa canestro in tutti i modi nel verniciato e aggiunge anche due tiri liberi. Lo stesso Krubally viene sostituito da coach Ferrari per i due falli commessi quando mancano ancora oltre due minuti alla fine del primo quarto. Legnano però non ne risente,grazie all’ingresso di un capitan Maiocco letteralmente indemoniato. Omegna torna in vantaggio (13-14) ma proprio allo scadere del quarto Legnano mette la prima tripla del proprio match,probabilmente la più importante,con Milani. Il primo quarto finisce quindi 16-14 per i padroni di casa,bravi a contenere il primo tentativo di fuga ospite.

Il secondo quarto vede per prima cosa il pareggio di Omegna (16-16) con la firma di Saddler sotto canestro,ma dopo un paio di minuti di equilibrio,per gli ospiti è notte fonda. Legnano inizia a mettere canestri da tre,con Maiocco,Navarini (proprio allo scadere dei 24 secondi con una pregevole conclusione) Petrucci e Merchant. Se a questo si aggiungono un paio di contropiedi,un Arrigoni uomo ovunque e alcuni canestri clamorosi dei Knights (su tutti il fade away di Maiocco),uniti alla sterilità offensiva di Omegna (8 errori consecutivi da tre punti e difficoltà notevoli anche da due) si spiega facilmente il solco che si crea nel punteggio,con Legnano che vola più volte a +17,che è anche il distacco con cui si va all’intervallo lungo (44-27). Si potrebbe pensare a una partita ormai chiusa,ma al rientro Omegna ha uno spirito totalmente diverso ed è in versione battagliera. Grazie a un super Saddler,tanti rimbalzi offensivi e un’ottima difesa,Omegna risale fino a -9,(49-40). Ad eccezione di una tripla di Merchant Legnano si inceppa in fase offensiva,sbagliando tanto non solo da tre ma anche nei tiri ad alta percentuale e nei liberi,specialmente con Krubally che ne sbaglia quattro consecutivamente. Inoltre i Knights commettono quattro falli in quattro minuti. A mettere fine alla situazione difficile dei padroni di casa ci pensa di Bella con una penetrazione strepitosa che chiude con canestro e fallo subito (e tiro libero aggiuntivo realizzato). Il quarto si chiude con la tripla di Omegna,firmata da Resca che sancisce il 58-49 in favore dei Knights con cui si va all’ultimo intervallo.

Il quarto quarto inizia in maniera traumatica per gli ospiti,con un 7-0 di parziale per Legnano,iniziato da un canestro più libero aggiuntivo di Krubally. Lo statunitense diventa un fattore sotto il tabellone offensivo,risultando immarcabile e segnando sei punti consecutivi. Il risultato torna nettamente in favore di Legnano che si ritrova di nuovo a +17 (73-56) e la partita a questo punto è davvero chiusa,nonostante Omegna ci provi fino alla fine e si riporti anche a -7 ma quando ormai il tempo a disposizione non è più sufficiente. Finisce 78-72 per Legnano,che nei monenti caldi del match ha potuto contare su un di Bella semplicemente perfetto per classe, intensità e concentrazione,e che si è reso autore anche di due palle rubate pesantissime. Se a questo si aggiunge l’intensità di Arrigoni e Maiocco e la bella prestazione di Navarini si spiega come Legnano abbia vinto in maniera convincente. Omegna,che resta a 8 punti,non ha assolutamente sfigurato,semmai è stata Legnano a dimostrare ancora una volta che al PalaEuroImmobiliare nessuna squadra avrà vita facile. Ora la classifica dei Knights (sei punti) si fa davvero interessante e la stagione potrebbe assumere caratteristiche da vera outsider assolutamente impensabili.

Legnano
Krubally 18 (6/9 da 2 e 6/11 ai liberi)
Petrucci 5 (1/1,1/8)
Maiocco 9 (3/6,1/3)
Arrigoni 6 (3/6 da 2)
Di Bella 13 (3/5 da 2,7/9 ai liberi)
Milani 12 (4/7,1/3)
Merchant 10 (1/3,2/5)
Navarini 5 (1/2,1/1)
Rimbalzi 34 (12 offensivi,22 difensivi) Arrigoni 8
Assist 13,di Bella 5

Omegna
Resca 5 (1/2,1/2)
Iannuzzi 10 (4/6 da due)
Vildera 3 (1/2 da due
Conger 11 (4/5 da due)
Masciadri 12 (4/8 da tre)
Gurini 4 (1/4 da tre)
Tavernelli 6 (1/4 da due)
Saddler 21 (7/12 da due)
Rimbalzi 25 (offensivi 6,difensivi 19),Saddler 6
Assist 9,Tavernelli 5

Fotogallery a cura di Alberto Ossola

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy