Forlì, nuova sconfitta: Jesi piazza il colpaccio

0

Grave KO interno per Forlì, che cede a Jesi in uno scontro diretto di capitale importanza e resga in zona playout, subendo l’aggancio in classifica da parte di Chieti. L’Aurora, al contrario, coglie il secondo successo consecutivo e si toglie momentaneamente dalla zona più calda della classifica.

I primissimi minuti sorridono a Jesi: i due americani entrano subito in partita e permettono ai suoi di accumulare un primo margine sugli avversari, toccando il 6-14 su una tripla di Davis a metà quarto. L’ Unieuro resta comunque vicina grazie soprattutto a Vico, preciso dalla linetta e tenace in difesa, ma commette troppi errori al tiro, concede rimbalzi offensivi decisamente appetibili e non riesce a colmare del tutto il proprio ritardo. Garelli butta nella mischia anche Pierich, che torna a calcare il parquet dopo una lunghissima assenza per infortunio, ma non trova rimedi efficaci a Bowers: l’ ex Ferentino è una sentenza implacabile ogni qualvolta arriva alla conclusione,e permette ai marchigiani di reggere bene e di chiudere la frazione sul 16-21. Le due squadre partono contratte nel secondo quarto, sbagliando parecchio sia in attacco che in difesa; i biancorossi acquisiscono però progressivamente lucidità, trovando un apporto di punti considerevole da un Blackshear a mezzo servizio per i fastidi al ginocchio. L’ Aurora mantiene però il controllo nel punteggio, sfruttando anche gli errori difensivi del deludente Rotondo, e al 14′ si trova ancora avanti per 23-29. Stringendo le maglie in difesa, l’ Unieuro riesce finalmente a piazzare il break che la porta all’agognata pareggio su un fulmineo tap-in di Paolin. Cagnazzo prova allora a invertire la tendenza chiedendo il time-out, ottenendo buone risposte dai suoi giocatori: Maganza e ancora Bowers firmano i punti con cui anche il secondo periodo si chiude in favore di Jesi, sul punteggio di 36-39. Forlì torna in campo carica a mille: le tre spettacolari e rapidissime triple di Ferri spostano l’inerzia dalla parte dei romagnoli, che trovano il 47-42 al 22′ e costringono Cagnazzo a chiedere una nuova sospensione. Anche stavolta la sua scelta è giusta: Jesi torna subito in scia, e ritrova addirittura il vantaggio alla metà del quarto con il solito Bowers. L’ Unieuro risponde allora con Vico e Blackshear, che sigla il 57-53 con una spettacolare schiacciata in campo aperto e scollina la quota dei 20 punti personali. L’ Aurora approfitta della sua uscita dal campo per rifarso sotto, e riesce a concludere il quarto sul 60-60. L’ultimo periodo si apre benissimo per Jesi, che ritrova percentuali ottime con Davis e, limitando gli attacchi forlivesi, va sul 62-66 al 33′. I padroni di casa non lasciano fuggire i marchigiani, e si riavvicinano sul 69-71 con una tripla di Pierich quando mancano ancora 5′. Il clima si fa incandescente: Paolin segna il 71-71, ma subito dopo Rotondo commette il quinto fallo e Jesi si riporta a +5 con Benevelli e Bowers. È ancora una volta la guardia americana a spegnere le speranze biancorosse realizzando il 73-81 dalla lunga distanza al 39′: nel minuto che resta a disposizione, i ragazzi di Garelli non riescono a costruire la rimonta, e devono lasciare il campo sconfitti per 75-81.

UNIEURO FORLÌ 75-81 AURORA JESI

FORLÌ: Rotondo 4, Vico 11, Paolin 6, Colombo NE, Ferri 11, Bonacini, Infante, Thiam NE, Blackshear 23, Crockett 9, Pierich 11. All: Garelli
JESI: Alessandri 4, Mentonelli NE, Battisti NE, Scali, Maganza 8, Moretti NE, Janelidze 4, Bowers 24, Vita NE, Davis 26, Benevelli 10, Picarelli 5. All: Cagnazzo

Fotogallery a cura di Genny Cangini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here