La De’ Longhi batte Roseto dopo un terzo quarto di grande sofferenza

Grazie al controllo dei rimbalzi, di cui ben 17 offensivi, Treviso riesce a far sua una partita dai due volti.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – VISITROSETO.IT ROSETO 68-58 (20-9, 38-20, 53-50)

DE’ LONGHI TREVISO: Perry 14 (6/11, 0/2), La Torre 3 (0/1, 1/3), Moretti 10 (1/6, 2/4), Malbasa 4 (2/2 da 2), Fantinelli 10 (3/5, 1/2), Rinaldi 5 (2/12 da 2), Negri 9 (3/6, 1/3), Ancellotti 13 (5/9 da 2), ne: Rota, Barbante, Saccaggi, Poser.

VISITROSETO.IT ROSETO: Smith 20 (7/12, 1/4), Piazza, Fultz 5 (1/2, 1/3), Radonjic, Fattori, Mei 5 (1/2, 1/4), Casagrande 7 (2/3, 1/1), Amoroso 7 (3/6, 0/7), Sherrod 14 (6/8 da 2), ne: Mariani.

NOTE: pq 20-9, sq 38-20, tq 53-50. Tiri liberi: Treviso 9/15, Roseto 6/7. Rimbalzi: Treviso 44 (Ancellotti 5+10), Roseto 29 (Sherrod 1+8). Assist: Treviso 19 (Fantinelli 9), Roseto 6 (Smith e Sherrod 2).

Ultima di campionato prima della pausa dovuta alle Finial Eight di Coppa Italia di Bologna e a far visita al Palaverde ci sono gli Sharks di Roseto, squadra rivelazione del campionato che in classifica è a soli 4 punti dalla De’ Longhi. Una partita, come troppe volte in questo momento di stagione, dai due volti per Treviso, un primo tempo pressoché perfetto seguito da una seconda frazione molto lacunosa, soprattutto il terzo quarto, con capitan Fantinelli a lanciare la carica negli ultimi minuti. vince Treviso 68 a 58 grazie soprattutto al controllo dei rimbalzi, mentre a Roseto non basta uno Smith da 20 punti.

PRIMO PERIODO: la De’ Longhi parte col quintetto formato da Fantinelli, Moretti, Negri, Perry e Ancellotti, mentre Roseto schiera Smith, Fultz, Casagrande, Amoroso e Sherrod. Treviso parte subito forte sulle ali di un Matteo Negri decisamente determinato che segna il primo canestro del match e crea per i compagni, dopo appena due minuti e mezzo il tabellone dice 8-0 De’ Longhi, con coach Di Paolantonio a chiamare time out. Il rientro in campo degli Sharks non è dei migliori con Smith a perdere subito palla sotto la grande pressione trevigiana e Moretti a punire da 3. Il parziale biancoblu è interrotto da Sherrod e Amoroso che dopo quasi 5 minuti di gioco segnano i primi 4 punti rosetani (13-4, 5:10). La De’ Longhi però non si ferma, Fantinelli e compagni sono davvero determinati in questa prima frazione e allungano ulteriormente sul 17 a 4 (3:20). Dall’altra parte l’astinenza di punti viene saziata dal solito Sherrod da sotto che porta gli sharks a quota 6, seguito dal neoentrato Mei che mette subito a segno una tripla. A chiudere il quarto ci pensa Negri ben servito da Fantinelli per un comodo lay up. la prima frazione si conclude sul 20-9 trevigiano, con la De’ Longhi che poteva essere ancora più in vantaggio avendo sbagliato dei comodi appoggi.

SECONDO PERIODO: Di Paolantonio prova a mescolare le carte e schiera una zona 2-3, questo però non impedisce alla De’ Longhi di incrementare il proprio vantaggio fino al 26-9 con Malbasa che si sente Navarro e piazza una lacrima di rara bellezza (7:10). Roseto prova a ricompattarsi e grazie a Fultz e Amoroso accorcia fino al -12, complici anche i molti errori trevigiani a pochi centimetri dal ferro e senza pensarci coach Pillastrini decide di chiamare time out per riordinare le idee dei suoi (28-16, 3:50). Il rientro dal minuto di interruzione non poteva essere migliore per i padroni di casa che piazzano un controparziale di 4-0 grazie ad Ancellotti e Fantinelli per il nuovo +16, e Di Paolantonio è subito costretto a chiamare time out con poco più di due minuti da giocare. L’ultimo minuto è un po’ frenetico con entrambe le formazioni che non riescono a capitalizzare quanto creano. Il primo tempo si conclude con la tripla dall’angolo di Negri ben servito da Fantinelli che in penetrazione è riuscito ad attirare a sé l’aiuto. 38 a 20 Treviso alla pausa lunga.

TERZO PERIODO: il rientro in campo per il secondo tempo vede entrambi i coach schierare i quintetti titolari. Treviso parte decisamente fredda, mentre Roseto sembra aver trovato la determinazione che gli mancava nei primi due quarti, un film già visto troppe volte in questa fase di stagione. Gli Sharks piazzano un parziale di 10-2 che costringe Pillastrini a chiamare time out dopo appena 3 minuti. Il rientro in campo però non vede un vero e proprio cambio di atteggiamento, la difesa trevigiana sembra aver mollato un po’ e Roseto continua a segnare o ad andare in lunetta, tuttavia la De’ Longhi sembra aver ritrovato un po’ di continuità offensiva grazie anche ai rimbalzi in attacco (47-36, 4:00). Roseto continua imperterrita sulle ali dell’entusiasmo e arriva fino al -6 (47-41, 3:00), ci pensa però Fantinelli a dare la scossa ai suoi: il numero 13 piazza un parziale di 5-0 e rimanda i suoi a +11 con 2:10 da giocare. Gli ultimi due minuti sono ancora di più “Sharks moment” che grazie ad un gioco corale e ad un po’ di fortuna (vedi l’azione finale) arrivano fino al -3. Il quarto si chiude con il buzzer di Mei dall’angolo che vale il 53-50.

QUARTO PERIODO: Roseto ha riaperto la partita, ma Treviso chiamata ora a far uscire l’orgoglio non si tira indietro: una tripla di La Torre e due buone difese sembrano aver ridato a biancoblu nuovo ossigeno (56-50, 8:15). Il livello agonistico sale e di pari passo anche quello dei contatti, in area ora il gioco è davvero maschio ed entrambe le formazioni vedono abbassarsi le proprie percentuali sbagliando anche molti appoggi semplici ma di certo non comodi (58-52, 4:50). Di Paolantonio continua con la zona 2-3 e il campo sembra dargli ragione perché Treviso fatica a trovare la via del canestro trovandosi spesso sbilanciata su un quarto di campo, nella metà campo offensiva invece raccogli i frutti di molti palloni intercettati arrivando fino al -2 (58-56, 3:20). La De’ Longhi resta aggrappata al proprio risicato vantaggio grazie a Moretti e ai rimbalzi d’attacco di Perry e Rinaldi, mentre tra le fila rosetane è Smith show (66-58, 1:00). L’ultimo minuto si apre con un’entrata di Fantinelli per il +10, il resto non produce nulla sul tabellone. Il match si conclude con la vittoria della De’ Longhi Treviso per 68-58.

MVP BASKETINSIDE: Matteo Fantinelli 10 punti, 9 assist, 6 rimbalzi, 21 di valutazione

Fotogallery a cura di Thomas Barea

Tommaso Rinaldi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy