La Remer Treviglio sconfigge Imola con una grandissima prova di forza

di Adriano Zucchetti

Grande prova di forza della Remer Treviglio che raccoglie un’importante vittoria sul piano morale e della classifica sconfiggendo un avversario ostico come l’Andrea Costa Imola con il risultato finale di 87-69. Una vittoria decisa nel secondo quarto con il parziale di 12-0 che colpisce duramente le ambizioni degli ospiti, ambizioni ulteriormente compite nel terzo quarto in cui coach Ticchi si fa espellere per proteste con Marino e compagni che issano la Remer su un vantaggio oltre i 20 punti che sarà in grado di mantenere sino alla fine.

Vertemati manda in campo il quintetto formato da Marino in regia, Carnovali e Turel sugli esterni, Gaspardo e Rossi sotto canestro; dall’altra parte Ticchi risponde con De Nicolao in regia, Anderson e Prato sugli esterni, Perry e Maganza sotto canestro.

I primi punti del match arrivano con un appoggio da sotto di Perry, conclusione cui Treviglio risponde immediatamente dall’altra parte Lele Rossi e una tripla dell’ex di giornata Turel. In questi primi minuti, la difesa trevigliese fa molta pressione sugli attaccanti bianco rossi che compiono diversi errori dall’area e si mantengono a contatto con due triple di Karvel Anderson, subendo però canestro in penetrazione da Turel e Marino; l’Andrea Costa prende coraggio e trova il sorpasso con il tap in di De Nicolao e il contropiede vincente di Prato, sfruttando due ottime palle recuperate sulla metà campo (9-12 dopo 5’). Seconda parte di quarto in cui si susseguono attacchi inconcludenti per poco più di 1’, trend rotto dalla tripla di Carnovali e dal contropiede di Rossi che riportano avanti Treviglio (14-12); Imola non molla e piazza un mini-parziale aperto dal tap in di Maganza, proseguito dal piazzato di Bartolucci e chiuso dal contropiede di De Nicolao, con i bergamaschi e ritornano a segnare con la penetrazione di Gaspardo. Ingenuità di Kyzlink con 1’11’’ da giocare quando compie un fallo antisportivo su un Patricio Prato lanciato in contropiede; il capitano imolese fa 2/2 dalla lunetta, con Treviglio che manda a segno una tripla con Marino e firma il 19-22 di fine primo quarto.

Secondo parziale che Marino apre con un’altra conclusione vincente dalla lunga distanza: la Remer è entrata in campo con grande decisione, alza i ritmi in attacco e l’intensità in difesa e colpisce nuovamente con un contropiede di Sabatini e con un indiavolato Marino che segna in penetrazione e firma il 7-0 bergamasco (26-22); Imola accorcia le distanze da sotto con Prato, canestro cui risponde Kyzlink con una conclusione da dietro l’arco e Slanina con un 2/2 dalla lunetta. Si apre una fase di partita molto confusa, con errori da entrambe le parti e nervosismo da parte di diversi giocatori: a farne le spese è la Remer che si vede fischiare un fallo tecnico per proteste a Marino, sanzione che l’Andrea Costa capitalizza parzialmente con il gancio di Bartolucci dopo l’errore dalla lunetta di Bushati. Treviglio torna a segnare dopo più di 2’ con un gancio di Lele Rossi, costringe Perry a un’infrazione di passi nell’azione successiva e trova la tripla dall’angolo con Marusic che vale il +10 (38-28 a 4’20’’ dall’intervallo); Vertemati è costretto a richiamare in panchina proprio il capitano biancoblù già a quota 3 falli, mentre Ticchi fa lo stesso con Perry che esce per infortunio. La Remer continua a spingere sull’acceleratore con un’altra tripla dall’angolo di Marusic e la conclusione al volo in contropiede di Turel che allunga il parziale biancoblù sul 10-0 e costringe Ticchi al time out sul 43-29. Marino colpisce ancora dalla media distanza, con Imola che si sblocca finalmente dopo più di 3’ con 5 punti consecutivi del capitano Prato che riduce il passivo a 10 lunghezze e costringe Vertemati al time out; ultimo minuto di gioco che registra i canestri di Turel e Bushati, con le due squadre che vanno negli spogliatoi sul 47-37 per la formazione di casa.

Rientro sul parquet positivo per Imola che trova 4 punti consecutivi con Maganza mentre Treviglio, dopo 2’30’’ di errori al tiro, trova i primi punti del quarto con un appoggio da sotto di Rossi, con il capitano biancoblù che nel possesso successivo manda a segno un importante 2/2 ai liberi che mantiene l’Andrea Costa a 10 lunghezze (51-41). Botta e risposta in penetrazione tra Turel e Anderson, Rossi fa 1/2 dalla lunetta ma è a cavallo del terzo quarto che arriva la batosta per Imola: su un’infrazione di passi fischiata a Prato, coach Ticchi protesta con grande veemenza e viene espulso dalla terna arbitrale; Treviglio è glaciale nell’approfittare dell’occasione, capitalizzando al massimo con il 2/2 ai liberi di Marino e la tripla di Kyzlink, con l’ala ceca della Remer che replica nell’azione successiva con un piazzato dalla media che vale il +18 orobico (61-43, parziale di 8-0 biancoblù). Imola torna a respirare con una tripla di Anderson, mentre Treviglio mantiene il suo margine di sicurezza facendo bottino pieno dalla lunetta (2/2 di Rossi e 5/6 di Sabatini); gli ospiti faticano a trovare la via del canestro per più di 2’, ritoccando il proprio punteggio solo con il 2/2 ai liberi di Hassan, subito imitato dall’altra parte da Slanina. De Nicolao trova una tripla preziosa dall’angolo e fissa il -20 Imola (70-50) dopo 30’ di gioco.

Treviglio apre l’ultimo quarto di gioco con un piazzato dall’area di Carnovali e un appoggio da sotto di Slanina, con Imola che risponde con 5 punti di Bartolucci. Si apre una fase di gioco con diversi errori da entrambe le parti, in cui la Remer mantiene le distanze grazie ai liberi di Sabatini e il piazzato di Gaspardo, mentre Imola cerca di rendere il passivo meno pesante affidandosi alla carica agonistica di Bushati che manda a segno 5 punti in fila: il punteggio a 5’ dal termine recita 77-59. La seconda parte di quarto è aperta da una tripla di Sabatini che fa esplodere il pubblico del PalaFacchetti, con Treviglio che allunga ulteriormente con il 2/2 ai liberi di Kyzlink; Imola è davvero troppo imprecisa in attacco, soffre oltremodo una difesa trevigliese davvero molto intensa e messa in campo da giocatori galvanizzati dalle positive manovre offensive. L’Andrea Costa si porta a -20 con la tripla di Bartolucci (82-62), con ancora il lungo biancorosso a rispondere da sotto all’appoggio a canestro di Slanina. Ultimi 2’ in totale controllo per la Remer che si mantiene sopra i 20 punti di vantaggio con i tiri dalla lunetta; dalla parte di Imola, Anderson muove la retina bergamasca con l’ennesima tripla della sua partita mentre Bushati fa 2/2 dalla lunetta, fissando il punteggio finale sul 87-69.

Per Treviglio grandi prestazioni da tutto il roster: i migliori alla fine sono risultati Rossi (doppia doppia da 15 punti e 10 rimbalzi) e, soprattutto, uno scatenato Tommy Marino (14 punti, 4 rimbalzi, 7 assist, 3 palle recuperate); in doppia cifra anche Sabatini (12 punti, 4 assist), Kyzlink (10 punti), Slanina (10 punti, 9 rimbalzi) e Turel (11 punti, 3 rimbalzi).

Per Imola non bastano i 16 punti di Anderson e i 14 di Prato, per una formazione che ha dovuto subire l’infortunio di Perry e l’espulsione di coach Ticchi, oltre alla grande intensità messa in campo dai giocatori della Remer.

 

Remer Treviglio 87–69 Andrea Costa Imola (parziali: 19-22, 47-37, 70-50)

Remer Treviglio: Sabatini 12, Carnovali 5, Marusic 6, Kyzlink 10, Slanina 10, Gaspardo 4, Marino 14, Turel 11, Beretta n.e., Rossi 15. All. Vertemati

Andrea Costa Imola: Bushati 10, De Nicolao 6, Maganza 7, Prato 12, Bartolucci 12, Anderson 16, Guazzaloca n.e., Hassan 2, Preti n.e., Perry 2. All. Ticchi

Statistiche – Treviglio: 19/38 da 2, 9/27 da 3, 28/65 totale, 22/27 ai liberi; Imola: 19/54 da 2, 8/26 da 3, 27/80 totale, 7/11 ai liberi

Arbitri dell’incontro: Paolo Lestingi di Anzio (RM), Andrea Longobucco di Ciampino (RM) e Giacomo Dori di Mirano (VE)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy