La volata premia Treviglio, battuta un’indomita Agrigento

Vittoria in volata per la Gruppo Mascio Treviglio torna alla vittoria sconfiggendo la Moncada Agrigento con il punteggio di 86-82.

0

Vittoria in volata per la Gruppo Mascio Treviglio torna alla vittoria sconfiggendo la Moncada Agrigento con il punteggio di 86-82. Un match molto combattuto che ha visto l’equilibrio dei primi due quarti rompersi nel terzo periodo sotto i colpi del trio Giuri-Lombardi-Marini che ha portato i trevigliesi oltre la doppia cifra di vantaggio, non avevano però fatto i conti con la voglia di vittoria dei siciliani e con la classe di uno straripante Grande che nell’ultimo quarto ha trascinato i suoi fino al sorpasso quando mancava poco meno di 1’ al termine, nella volata hanno contato la mano fredda di Giuri e la pressione difensiva di Clark che hanno permesso ai ragazzi allenati da Alex Finelli di ritornare alla vittoria sul parquet amico dopo la sconfitta esterna contro Piacenza e di rilanciarsi all’inseguimento di Cremona e Cantù.

I quintetti in campo

Coach Finelli (sempre privo di capitan Sacchetti) schiera per la palla a due Giuri in regia, Clark e Marini sugli esterni, Lombardi e Marcius sotto canestro; dall’altra parte coach Cagnardi (ex allenatore della formazione trevigliese nella stagione 2020/2021) manda in campo il quintetto formato da Grande in regia, Ambrosin e Francis sugli esterni, Chiarastella e Marfo sotto canestro.

Primo quarto

Inizio di partita che vede Agrigento sugli scudi piazzare subito un break con Francis e Marfo, Treviglio fatica e trova i primi punti con Lombardi. La tripla di Clark scuote i padroni di casi che ispirati da un Marini efficace sia in fase realizzati a che nelle vesti di di assistman guida la rimonta e il sorpasso bianco blu firmato da Lombardi. Fase centrale combattuta che vede i siciliani riprendere il feeling con il canestro grazie a 3 punti di Ambrosin e 2 a rimbalzo offensivo di Francis, per la Blu Basket è Clark a muovere il punteggio che rimane in equilibrio grazie ai liberi di Bruttini e ai 4 punti dall’area di Peterson. Nel finale ai 4 punti di Cerella risponde Peterson dalla media distanza chiudendo i primi 10’ minuti di gioco sul 22 pari.

Secondo quarto

5-0 firmato Marini e Cerella in apertura della seconda frazione, immediata risposta degli ospiti che con 3 triple (2 di Grande, 1 di Negri) si riportano in vantaggio a fronte di altri 2 punti di Cerella in una fase di appannamento e nervosismo da parte dei padroni di casa. Fase centrale del quarto che vede diversi errori da entrambe le parti, Treviglio trova 3 punti da Marcius (costretto poco dopo a uscire momentaneamente dal campo per un taglio al labbro) che le permettono di rimettere il naso avanti, Agrigento impiega 1’ in più a reagire ma lo fa con decisione grazie a Negri e alla tripla dall’angolo di Ambrosin che la portano a +4. 4/4 di Clark dalla lunetta, i siciliani però sfoderano una fisicità in difesa che manda in confusione i trevigliesi mentre in attacco mettono una marcia in più scappando sul +8 con Marfo, il gioco da 3 punti di Francis e la tripla dall’angolo di Negri che manda in visibilio i tifosi ospiti e costringono coach Finelli al time out. Perentoria reazione Gruppo Mascio che in 40’’ piazza un 8-0 con due conclusioni dalla lunga distanza firmate Clark e Giuri e la schiacciata in contropiede di Lombardi che impattano il punteggio a quota 44, time out Moncada che però sbatte contro il muro eretto in difesa dai trevigliesi che allungano il proprio parziale a quota 11 con un’altra tripla del suo play numero 21 che fa esplodere il tifo sugli spalti del Pala Facchetti e manda le formazioni negli spogliatoi sul +3 Treviglio (47-44).

Terzo quarto

Si torna sul parquet ed è Agrigento a sfoderare una maggior convinzione su entrambi i lati del campo, fattore che le permette di impattare il punteggio con un 6-0 a fronte della tripla di Giuri in apertura di periodo. È ancora il play napoletano della Blu Basket (capitano della formazione trevigliese in assenza di Sacchetti) a scuotere i suoi andando a segno dalla lunga distanza ma soffre alcune decisioni avverse da parte della terna arbitrale (ben 3 falli in attacco, 2 a carico di Marcius che viene richiamato in panchina con 4 falli) e Agrigento ne approfitta per impattare nuovamente il punteggio con Grande. Fase centrale nella quale Treviglio prova ad ampliare il divario con un 5-0 firmato Giuri e Marini, le mani dei siciliani sono ora freddissime e i padroni di casa ne approfittano per allungare il parziale a 9 lunghezze con i liberi di Marini e il canestro da sotto di Bruttini. Grande ferma l’emorragia per la Moncada con un 2/2 dalla lunetta ma fatica ad arginare I trevigliesi (rocciosi anche nella metà campo difensiva) che continuano a spingere in attacco e vanno oltre la doppia cifra di vantaggio grazie a Lombardi e Marini. Nel finale la Gruppo Mascio rallenta i ritmi e i siciliani accorciano il divario con un 5-0 firmato dal duo Negri-Grande, Treviglio litiga con il canestro ma chiude i 30’ di gioco avanti 67-60.

Ultimo quarto

Quarto periodo che vede in apertura una Treviglio maggiormente centrata rispetto al finale del parziale precedente e che torna oltre la doppia cifra di vantaggio con le realizzazioni di Clark, Vitali e Marcius a fronte di una Moncada imprecisa al tiro che trova nei primi minuti il solo 1/2 ai liberi di Marfo. Fase centrale del quarto nella quale 7 punti di Grande danno carica alle ambizioni di rientro della formazione siciliana, è ora la Blu Basket a litigare con il canestro sommando errori dal campo e dalla lunetta e concedendo qualcosa anche in difesa con gli ospiti che tornano meritatamente a -3 con 4 punti di Marfo con 4’06’’ ancora da giocare. Time out chiamato da Finelli che però non ferma la marea siciliana con uno straripante Grande a impattare il punteggio a quota 75 con una conclusione dalla lunga distanza. Il colpo della Moncada sembra finalmente scuotere i trevigliesi con Clark che firma un gioco da 3 punti, Agrigento però non rallenta sfoderando una difesa molto aggressiva sulla metà campo che le permette di bloccare gli attacchi della Gruppo Mascio e tornare in vantaggio dopo più di 2 quarti con le realizzazioni di Negri e Grande con 2’34’’ sul cronometro. Dopo un nuovo time out chiamato da Finelli, passa più di 1’ senza canestri fino alla schiacciata di Lombardi che inaugura l’ultimo decisivo minuto con Treviglio avanti di 1 lunghezza: tripla cadendo all’indietro di Grande e +2 Agrigento, risposta perentoria dalla lunga distanza di Giuri che riporta avanti Treviglio di 1 con poco meno di 30’’ da giocare, time out Cagnardi ma la Moncada perde palla sulla pressione di Clark che con 10’’ sul cronometro fa 2/2 dalla lunetta, possesso Agrigento con Grandi che sbaglia la tripla del pareggio e permette a Treviglio di chiudere la contesa con l’1/2 dalla lunetta di Marini.

I migliori in campo

Decisive per la vittoria trevigliese le prestazioni di Giuri (glaciale dalla lunga distanza con un 6/9, chiude da top scorer dei suoi con 18 punti e 5 assist), Lombardi (15 punti, 8 rimbalzi, 4 assist e un’efficacia che non si vedeva da un pò), Clark (16 punti) e Marini (13 punti e 4 rimbalzi), molto bene anche Cerella (9 punti e 6 rimbalzi).

Ad Agrigento non basta la prestazione monstre di Grande (32 punti, 5 rimbalzi, 7 falli subiti, 7/13 dalla lunga distanza) e le buone prestazioni di Marfo (doppia doppia da 13 punti e 10 rimbalzi), Negri (12 punti) e Francis (9 punti e 4 rimbalzi).

I tabellini

Gruppo Mascio Treviglio 86-82 Moncada Energy Agrigento (parziali: 22-22, 47-44, 67-60)

Gruppo Mascio Treviglio: Lombardi 15, Clark 16, Bruttini 7, Vitali 2, Corona n.e., Cerella 9, Marini 13, Abati Toure n.e., Giuri 18, Maspero, Marcius 6, Resmini n.e.. All. Finelli

Moncada Energy Agrigento: Marfo 13, Ambrosin 8, Grande 32, Costi, Chiarastella 2, Bellavia n.e., Peterson 6, Mayer, Francis 9, Negri 12. All. Cagnardi

Statistiche – Treviglio: 19/33 da 2, 9/19 da 3, 28/52 totale, 21/32 ai liberi; Agrigento: 20/39 da 2, 10/31 da 3, 30/70 totale, 12/16 ai liberi. 

Arbitri dell’incontro: Enrico Bartoli di Trieste, Andrea Agostino di Chersicla di Oggiono (LC), Stefano De Biase di Udine.