L’Alma Trieste è più forte delle assenze e batte Ravenna

I triestini, oltre al già infortunato Da Ros alla vigilia devono rinunciare pure a Green e schierano un Fernandez non al meglio dal punto di vista fisico, ma portano a casa lo stesso due punti pesantissimi rimanendo primi in classifica.

di Marco Novello

Ventunesima giornata di campionato LNP con il menù dell’Alma Arena che propone la sfida tra i padroni di casa di Trieste e gli ospiti dell’Orasì Ravenna. Giuliani decimati dagli infortuni, non saranno della partita infatti sia Javonte Green sia Matteo Da Ros che assisteranno alla partita in borghese, mentre i romagnoli si presentano in Venezia-Giulia al completo.

QUINTETTO ALMA TRIESTE: Coronica, Bowers, Cavaliero, Janelidze, Prandin

QUINTETTO ORASI’ RAVENNA: Grant, Giacchetti, Masciadri, Rice, Sgorbati

La sfida inizialmente vive una fase di stallo in cui le due formazioni si studiano, ma offensivamente non incidono per nulla lasciando quindi inalterato lo 0 a 0 della palla a due. Dopo un minuto e mezzo però gli americano in forza ai giallorossi ospiti si accendo con Grant e Rice che mettono a referto un parziale di 6 a 2 che consegna quindi due possessi di vantaggio ai viaggianti. Bowers si carica la squadra alabardata sulle spalle mettendo a segno prima la tripla del -1 poi serve un cioccolatino a Janelidze per il primo vantaggio triestino (7-6). Grant appoggia dolcemente alla tabella il +1 ravvenate; ma Janelidze stasera è davvero tarantolato e firma da solo il 4 a 0 che aggiorna il parziale sul 11-8 in favore dell’Alma. Giacchetti con una zingarata nel cuore dell’area riporta a contatto l’Orasì; ma Trieste trova buone risposte dalla cosiddetta classe operaia con Prandin prima e Coronica poi che aggiornano il vantaggio biancorosso sul 16-10 con ancora due minuti e mezzo prima della sirena iniziale. Il capitano biancorosso in trance agonistica firma altri quattro punti, inframmezzati dalla tripla di Montano, che fanno volare i triestini sul +7 (20-13). La tripla di Bowers ed il gioco da tre punti di Rice rimpolpano i tabellini delle rispettive squadre ma il margine rimane invariato fino alla fine del primo quarto che si chiuderà sul punteggio di Trieste 23-16 Ravenna.

Seconda frazione che riparte col canestro di Baldasso a cui Chiumenti replica prontamente con l’inchiodata del nuovamente il -7 (25-18). Loschi spara il primo siluro dalla lunga, ma il duo Chiumenti-Giacchetti riconduce i viaggianti al -6 (28-22). L’ala trevigiana ed il primo centro di Cittadini issano gli alabardati perfino sul +10; Rice, dalla lunetta, blocca il tentativo di fuga dei padroni di casa. Baldasso e Janelidze però puniscono la disattenta difesa ravvenate con due bombe in fila con Martino che si vede costretto ad interrompere le ostilità con un time-out per parlare coi suoi ragazzi ed apportare alcune correzioni. La scelta ripaga il coach molisano in quanto prima Masciadri e Grant mettono a segno un mini break di 4-0 che causa l’immediato minuto di sospensione di Dalmasson (38-27). Janelidze e Cavaliero, in uscita dal time-out, ristabiliscono un vantaggio rassicurante a suon di triple; prima che Sgorbati riesca a rispondere con la stessa moneta (49-34). Il centro finale di Rice manda le due sfidanti a riposo sul 49-36.

Terzo periodo ricomincia con lo scambio di canestri tra Rice e Bowers per il 51-38 in favore dei padroni di casa prima che Masciadri metta a segno il momentaneo -11. Capitan Coronica e Bobo Prandin rimettono il +15 sul tabellone luminoso; Masciadri e Sgorbati però infilano due triple consecutive che riconducono i bizantini sotto la doppia cifra di svantaggio (55-46) e causano il time-out immediato del coach veneto. Trieste è in rottura prolungata in attacco, Grant perciò ne approfitta per accorciare dai liberi (55-48). Il botta e risposta tra Fernandez e Rice lascia immutato il margine tra le due formazioni, ci pensa Janelidze a scrivere il nuovo +9 alabardato col jumper del 60-51. Giacchetti dalla linea della carità non trema e Ravenna torna a -7; ci pensa Cittadini a ristabilire la distanza di sicurezza col possibile gioco da tre punti che però non si completa dalla lunetta (62-53). Chiumenti, in contropiede, Janelidze, da tre, smuovono ancora una volta il punteggio che ora vede Trieste comandare sul 65-55. Il georgiano è una furia tanto che a due minuti dalla fine di questa frazione il suo score recita già 21 punti e 5 rimbalzi, un vero dilemma ancora irrisolto per la difesa giallorossa (67-55). L’ultimo canestro del quarto è ancora a firma Trieste, ci pensa Baldasso con la tripla a battere il cronometro ed aggiornare il punteggio sul 72-57 di fine periodo.

I bizantini aprono l’ultimo quarto con un parziale di 7 a 0, targato Raschi, Grant e Rice, prima che i giuliani rispondano col cesto di Cavaliero (74-64). Baldasso, letteralmente on fire dalla lunghissima, mette a segno l’undicesimo punto della sua serata a cui Rice replica dalla linea dei liberi (77-66). Cavaliero castiga la difesa ospite con l’ennesima bomba triestina del match; il solo Rice negli altri quindici metri, sembra aver la soluzione su come continuare a bruciare la difesa di casa mettendo a segno l’ennesimo canestro da due del suo match (80-68). Le squadre non mollano di un centimetro, ad un canestro dell’una segue subito il centro dell’altra senza però che il margine venga alterato (82-70). Ci pensa il cecchino alabardato col numero undici, a.k.a. Lollo Baldasso, a scrivere i titoli di coda alla sfida con due bombe consecutive che spezzano la resistenza ospite riportando il referto rosa in casa triestina dopo la sconfitta nello scontro al vertice contro Bologna. Ottima prova corale dei biancorossi che non fanno pesare le assenze di due giocatori cardine all’interno del sistema di Dalmasson riprendendosi, per qualche ora, la vetta solitaria. Ravenna può solo che recitare il classico mea culpa per non aver approfittato di questa ghiotta occasione; il solo Rice ha provato a mantenere viva la sfida coi suoi 26 punti, ma nessuno dei suoi compagni è riuscito a sostenerlo al meglio in questa delicata sfida.

MVP Basketinside.com: Giga Janelidze. Il georgiano riscatta la prova opaca in casa della Effe con una partita di tutta sostanza. 9/11 dal campo, 21 punti e 7 rimbalzi con un 23 finale di valutazione, vero valore in più dei giuliani quest’oggi. Da segnalare comunque la grande prova pure di Cavaliero che chiude con 16 punti e 10 assistenze vincenti ai compagni

ALMA TRIESTE 97-79 ORASI’ RAVENNA (23-16, 26-20, 23-21)

Alma Trieste: A. Coronica (K) 9 (2/2 da 2, 1/1 da 3, 2/2 tl), J. Fernandez 3 (0/2 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), M. Schina 4 (2/2 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), L. Baldasso 19 (2/2 da 2, 5/7 da 3, 0/0 tl), L. Deangeli 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), G. Janelidze 21 (6/7 da 2, 3/4 da 3, 0/0 tl), R. Prandin 4 (2/5 da 2, 0/3 da 3, 0/0 tl), D. Cavaliero 16 (2/5 da 2, 4/8 da 3, 0/0 tl), L. Bowers 10 (2/5 da 2, 2/3 da 3, 0/0 tl), F. Loschi 5 (1/1 da 2, 1/3 da 3, 0/0 tl), A. Cittadini 6 (2/3 da 2, 0/1 da 3, 2/3 tl), all. E. Dalmasson

Orasì Ravenna: M. Montano 3 (0/2 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), G. Sgorbati 8 (1/2 da 2, 2/4 da 3, 0/0 tl), J. Giacchetti 8 (2/7 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), A. Chiumenti 12 (5/9 da 2, 0/0 da 3, 2/3 tl), A. Raschi (K) 3 (0/2 da 2, 1/1 da 3, 0/0 tl), A. Esposito 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), S. Masciadri 7 (2/3 da 2, 1/5 da 3, 0/1 tl). D. Vitale n.e., R. Rice 26 (9/14 da 2, 1/3 da 3, 5/6 tl), J. Grant 12 (4/7 da 2, 0/0 da 3, 4/4 tl), all. A. Martino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy