L’Urania batte una spenta BCC alla quarta sconfitta consecutiva.

L’Urania Milano batte la BCC Treviglio alla quarta sconfitta consecutiva (65-76).

di Adriano Zucchetti

Vittoria meritata per l’Urania Milano che sul parquet del Pala Facchetti ha la meglio di una spenta BCC Treviglio con il punteggio finale di 65-76. Un match che i ragazzi allenati da Davide Villa conducono per quasi tutti i 40’, una partita caratterizzata dalle cattive percentuali al tiro per Treviglio che nonostante si riporti a contatto 2-3 volte nel corso della contesa non è mai riuscita a dare la spallata che ci sarebbe voluta per avere la meglio di una formazione che è stata brava a controllare le poche sfuriate trevigliesi e a piazzare i tiri giusti nel momento giusto (vedi le due triple nell’ultimo quarto con Montano e le realizzazioni chirurgiche di Bossi). Un risultato che fa male alla BCC giunta alla quarta sconfitta consecutiva e che sembra essersi ficcata in un tunnel caratterizzato da imprecisione al tiro e momenti di totale blackout che vanno a penalizzare fortemente le prestazioni dei suoi giocatori e le sorti della compagine trevigliese in questo campionato.

I quintetti in campo

Coach Cagnardi schiera il quintetto formato da Frazier in regia, Pepe e Sarto sugli esterni, D’Almeida e Nikolic sotto canestro; dall’altra parte coach Villa manda in campo per la palla a due Bossi in regia, Montano e Raivio sugli esterni, Langston e Benevelli sotto canestro.

Primo quarto

Rompe il ghiaccio Bossi in penetrazione, risposta di D’Almeida nel possesso successivo in un inizio di match con il freno a mano tirato per entrambe le formazioni che sommano diversi errori al tiro in questi primi minuti di gioco. 2/2 ai liberi per Raivio e Langston che permettono agli ospiti di tenere avanti il naso, Treviglio risponde con il canestro dall’area di D’Almeida che però compie l’ingenuità di commettere il suo secondo fallo e coach Cagnardi deve già correre ai ripari inserendo Borra (al rientro dopo l’infortunio alla caviglia che l’ha tenuto fuori negli ultimi due match). La BCC pasticcia in questo frangente del quarto e i milanesi ne approfittano per allungare con la tripla di Benevelli e l’1/2 dalla lunetta di Langston a metà periodo (4-10); un paio di errori su tiri facili e la penetrazione solitaria di Raivio costringono coach Cagnardi a chiamare il primo time out della partita. La tripla di Pepe interrompe il parziale degli ospiti arrivato a 10-0 con la realizzazione di Langston e ridando fiato alla formazione di casa; il canestro dell’ex Agrigento infonde un po’ di vigore alla BCC che riduce lo svantaggio con il piazzato di Reati e l’appoggio al tabellone del neo acquisto Lupusor (viziato dall’interferenza irregolare di Langston) tornando a -3 (11-14) con poco più di 1’ sul cronometro, spingendo coach Villa a richiedere il minuto di sospensione. Rialza la testa Milano con il 2/2 ai liberi di Montano in un ultimo minuto da polveri bagnate che si chiude con il +5 ospite (11-16).

Secondo quarto

Inizio di secondo quarto che ricalca il primo in quanto a precisione al tiro, a Piunti rispondono i 2 liberi mandati a segno da Reati per una BCC che a seguire si avvicina pericolosamente nel punteggio a -1 con il gioco da 4 punti di Nikolic (17-18). Treviglio avrebbe la palla del primo vantaggio del match che però spreca e l’Urania ne approfitta per riallungare con le realizzazioni dall’area di Raspino e Bossi (+5 a metà quarto), seguono un paio di minuti di confusione offensiva da entrambe le parti interrotti dal 2/2 dalla lunetta di Frazier (19-22). A 3’42’’ dall’intervallo arriva il fallo tecnico per proteste fischiato al coach Villa, Treviglio approfitta del momento di confusione per i milanesi e va in vantaggio per la prima volta nella partita con il libero di Frazier e la tripla di Reati (23-22), con un infuriato coach Villa a chiamare nuovamente time out. Reazione meneghina con la realizzazione di Raivio e la tripla di Montano, la BCC risponde con il canestro dall’area di Nikolic ma la mano fredda dalla lunga distanza non le permette di essere efficace come vorrebbe lasciando il comando nel punteggio agli ospiti. Ultimo minuto l’Urania conduce le danze allungando con Raivio e Langston nella sirena, canestri che mandano le due formazioni negli spogliatoi sul 25-31 a favore di Milano.

Terzo quarto

Si riparte con il canestro di Borra e la risposta di Langston, seguono un paio di minuti di errori da entrambe le parti a ricalcare l’inizio dei precedenti due quarti. L’Urania mantiene un rassicurante vantaggio con il piazzato di Bossi, dall’altra parte la BCC continua a sparare a salve dalla lunga distanza ma si mantiene in corsa per la vittoria grazie alle invenzioni del duo Reati-Borra con il lungo piemontese a inchiodare la schiacciata del -3 (32-35) con 5’ sul cronometro. Dopo il time out chiamato da coach Villa arriva il -1 firmato da Frazier in contropiede, pronta reazione meneghina con il gioco da tre punti di Langston ma il momento è propizio per i padroni di casa che pareggiano a quota 38 con il gioco da quattro punti di Pepe che infiamma i pochi autorizzati sugli spalti del Pala  Facchetti. Il morale è alto per i ragazzi di coach Cagnardi che in questo quarto stanno sfoderando una difesa molto aggressiva che sta creando non pochi problemi alla manovra offensiva dell’Urania, la BCC però non riesce a portare a casa in vantaggio e Langston ridà fiato ai suoi con un canestro dall’area. Finale di quarto in cui Milano puntella il divario a suo favore con Piunti e Raspino, Treviglio zoppica ai liberi (1/2 sia per Lupusor che per Nikolic) e non manda a bersaglio la tripla allo scadere con Frazier, chiudendo il terzo periodo sotto 40-43.

Ultimo quarto

Ultimo quarto che si apre con la penetrazione vincente del play statunitense della BCC, Milano però ha la mano calda e va a segno con una magia di Bossi dall’area e la bomba di Raivio intervallata dal canestro da sotto di D’Almeida, a seguire un canestro da sotto di Piunti che porta gli ospiti sul +6 (44-50) e obbliga coach Cagnardi al time out. L’Urania allunga ancora con la tripla di Bossi, Treviglio sembra aver subito il colpo a livello psicologico e subisce anche il -11 con il piazzato di Raivio; reazione d’orgoglio dei padroni di casa con 5 punti di D’Almeida che dimezzano lo svantaggio, Milano però è implacabile e ricaccia indietro i biancoblu con Raspino e Montano. Botta e risposta dalla lunga distanza tra Nikolic e Bossi e altro 2/2 dalla lunetta di Raspino e Langston a metà quarto (56-66), Frazier cerca in tutti i modi di accorciare le distanze ma la mano di tutti i trevigliesi al tiro è davvero congelata e la tripla al secondo tentativo di Montano che ricaccia i padroni di casa a -10 (59-69) con 2’24’’ sul cronometro sa tanto di sentenza sulle ambizioni di vittoria della BCC. I nervi dei biancoblu sono definitivamente saltati nonostante il time out chiamato da coach Cagnardi, Borra si fa fischiare un fallo tecnico per proteste e Milano chiude la contesa con un’altra realizzazione da lontano di Montano. Ultimi scampoli di partita in cui Pepe, Nikolic e Borra sparano gli ultimi colpi per Treviglio, dall’altra parte Langston mette la ciliegina sulla vittoria milanese con il punteggio finale di 65-76.

I migliori in campo

Per la vittoria di Milano decisive le prestazioni di Langston (top scorer dei suoi con 18 punti cui aggiunge 8 rimbalzi e 9 falli subiti), Bossi (a tratti imprendibile per la difesa trevigliese, chiude con 16 punti e 5 assist), Raivio (doppia doppia da 13 punti e 10 rimbalzi) e Montano (13 punti e 4 rimbalzi, cui aggiunge le due triple decisive nel finale).

Per Treviglio non basta la doppia cifra di Nikolic (14 punti e 9 rimbalzi), Frazier (12 punti, 8 rimbalzi e 8 assist, ma pesa la tegola dello 0/5 dalla lunga distanza) e D’Almeida (11 punti).

I tabellini

BCC Treviglio 65–76 Urania Milano (parziali: 11-16, 25-31, 40-43)

BCC Treviglio: D’Almeida 11, Sarto, Nikolic 14, Reati 9, Amboni n.e., Corini n.e., Bogliardi, Frazier 12, Pepe 9, Taddeo n.e., Lupusor 3, Borra 7. All. Cagnardi

Urania Milano: Piunti 6, Bossi 16, Valsecchi n.e., Langston 18, Raspino 7, Benevelli 3, Lazzari n.e., Montano 13, Cavallero n.e., Pesenato, Franco, Raivio 13. All. Villa

StatisticheTreviglio: 17/32 da 2, 5/28 da 3, 16/20 ai liberi; Milano: 19/43 da 2, 7/19 da 3, 17/21 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Francesco Terranova di Ferrara (FE), Michele Cosimo Pio Capurro di Reggio Calabria (RC), Andrea Longobucco di Ciampino (RM).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy