L’Urania non si sblocca, vince l’Assigeco a Milano

0

Non arriva il primo successo dell’anno per i Wildcats che si devono arrendere a Piacenza, 72-75. Dopo un brillante inizio è una gara spesso di rincorsa quella di Urania che arriva anche al sorpasso prima di cedere nel finale. Buona prova di Montano e Nikolic tra i padroni di casa, positivo anche l’impatto del nuovo acquisto Portannese. Decisivi Devoe, Guariglia Pascolo e l’ex Sabatini per gli ospiti.

LA GARA
Avvio promettente dei Wildcats con Nikolic, Thomas e Montano per il clamoroso 10-0 dei padroni di casa. Si sblocca con Guariglia l’Assigeco, l’ex Sabatini alza il pressing degli ospiti, Cesana riporta la sfida ad un solo possesso, 10-7. Prosegue la rimonta piacentina, troppo facili le transizioni di Devoe e compagni, Pascolo firma il 2+1 del sorpasso, 10-12. Reazione immediata dei Wildcats che interrompono il parziale di Piacenza, Thomas ed il neo arrivato Portannese in evidenza nella fiammata milanese, 17-15. Sono le palle perse a condizionare il finale di quarto di Urania, Assigeco avanti alla prima sirena grazie alle scorribande di Devoe, 23-27. Si batte con orgoglio Cipolla in una sfida che si alza di intensità, Montano risponde ad un Guariglia inarrestabile in area colorata, 28-31. Si fa sentire anche capitan Piunti, Milano reagisce provando ad alzare il ritmo del match, 34-33. Qualche regalo, che Cesana e compagni scartano senza esitare, penalizza la corsa di Urania che resta sotto all’intervallo nonostante il buzzer beater di Nikolic, 43-47. Sono ancora le triple a tenere a contatto la truppa di coach Davide Villa dopo la pausa lunga, Paci e Bossi si divorano il pareggio, 49-51. Sono ben 5 le chance sprecate dai Wildcats ma l’agognato sorpasso arriva, capitan Piunti impatta, la coppia Thomas-Nikolic mette la freccia alla penultima sirena, 59-57. Una tripla al curaro dell’ex Sabatini apre la frazione decisiva, lotta con ferocia Milano che è ancora avanti dopo l’appoggio di Paci, 63-62. L’Assigeco si affida alla grande esperienza di Pascolo, si alza il muro difensivo degli ospiti che scappano a più 8 dopo il botto di Sabatini, 63-71. E’ ancora il tandem Nikolic-Montano a guidare l’ultimo assalto dei Wildcats, proprio il Principe ha la chance per l’overtime ma la sua tripla in transizione si spegne sul primo ferro.

Urania Milano – UCC Assigeco Piacenza 72-75 (23-27, 20-20, 16-10, 13-18)

Urania Milano: Matteo Montano 18 (1/5, 4/7), Mitja Nikolic 16 (2/6, 4/5), Aaron Thomas 14 (6/9, 0/2), Alessandro Cipolla 8 (3/5, 0/0), Giorgio Piunti 6 (2/4, 0/3), Marco Portannese 6 (3/4, 0/2), Paolo Paci 4 (2/3, 0/0), Stefano Bossi 0 (0/1, 0/3), Daniele Pesenato 0 (0/1, 0/0), Lionel Abega 0 (0/0, 0/0), Alessandro Manzoli 0 (0/0, 0/0), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 10 / 14 – Rimbalzi: 30 5 + 25 (Giorgio Piunti 10) – Assist: 22 (Matteo Montano 7)
UCC Assigeco Piacenza: Tommaso Guariglia 16 (8/14, 0/3), Gabe Devoe 15 (5/10, 0/3), Davide Pascolo 15 (7/11, 0/1), Gherardo Sabatini 12 (3/6, 2/5), Luca Cesana 9 (0/2, 3/5), Lorenzo Galmarini 5 (1/1, 0/2), Lorenzo Querci 3 (0/1, 1/2), Nemanja Gajic 0 (0/0, 0/1), Lorenzo Deri 0 (0/1, 0/0), Magaye Seck 0 (0/1, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 11 – Rimbalzi: 38 10 + 28 (Tommaso Guariglia 9) – Assist: 23 (Gherardo Sabatini 7)

UFFICIO STAMPA URANIA MILANO