L’uragano Trapani spazza via anche Vigevano

0

Vittoria senza se e senza ma per la Trapani Shark, che vola in vetta alla classifica in un match condotto e dominato sin dalle prime battute. La forza d’urto di Notae e soci scava subito il solco decisivo, impreziosito alla fine dalle buone prestazioni dei veterani Renzi e Mollura. Vigevano di fatto non pervenuta.

Trapani Shark – Elachem Vigevano: 93-67 (29-12, 47-34, 64-50)

,Trapani Shark: Renzi 12, Mollura 11, Notae 11, Pullazi 11, Marini 10, Mian 10, Mobio 10, Rodriguz 9, Horton 7, Imbro 2

Elachem Vigevano: Battistini 11, Smith 11, Bertetti 10, Wideman 10, Amici 9, Leardini 8, Rossi 6, Bettanti 2

Inizia il girone di ritorno per la Trapani Shark, che tra le mura amiche ospita Vigevano dopo la vittoria in trasferta alla prima giornata di questo campionato di A2. Solito pienone e tifo caldo per la capolista, che punta all’ennesima vittoria consecutiva in questo anticipo del sabato sera. Pronti via e JD Notae e Fabio Mian battezzano entrambi gli angoli per una doppia tripla micidiale. Il sottomano di Rossi rompe il ghiaccio in casa Vigevano per i primi 2 punti di serata al minuto 4′ sul punteggio di 2-6. Trapani fin tropo aggressiva e subito in bonus, lascindo agli ospiti qualche soluzione in più anche dalla lunetta per accorciare 8-5 al 5′ minuto. Trapani gira bene la palla trovando tiri aperti e altri 2 triple con Pulazzi e Mian per scappare 14-7 a 3 minuti dalla prima sirena. Vigevano si impantana e si schianta sul muro granata, permettendo agli shark di saltargli addosso con altre 3 triple in serie e un break di 9-2 firmato Mian, Notae e Marini per mettere la freccia fino al 23-9 ad 1 minuto dalla fine. L’uragano Trapani non si ferma, respinge ogni esile attacco dei lombardi, e Renzi trova anche la giocata da 4 punti, che insieme ai liberi di Mian intavola il 29-12 con cui si chiude un primo quarto dominato.

La schiacciata di Mobio riaccende le polveri del 2 quarto, l’intensita dei granata rimane alta con Parenti che si fida della la vecchia guardia Renzi e Mollura che ripagano la fiducia con punti pesanti e un nuovo allungo sul 38-19 al minuto 15. Rossi e Smith non bastano, mentre Wideman viene eclissato prima da Horton e poi da Mobio. Trapani allenta la morsa, con Vigevano però decisamente incapace di organizzare qualche break pesante e decisivo. Qualche fallo di troppo e alcune palle perse da entrambi i fronti, spezzano il ritmo di un finale di quarto tuttl’altro che spettacolare. Alla tripla di Battistini del 43 al 29 al minuto 18′, coach Parente decide allora di richiamare i suoi all’ordine con un time out necessario. Horton prova a scuotere i suoi mentre la tripla dell’ex granata Amici fissa il punteggio sul defintivo 47-34 con cui si va al riposo lungo.

Si torna in campo e Notae ruba palla per involarsi a canestro per due punti comodi. Vigevano fatica a cambiare passo, limitata dall’ottimo impianto difensivo dei granata e dalla searat negativa anche ai liberi, lasciando ripartite in velocità gli shark. Horton smazza assist in serie e concede a Pullazi e Mian il piacere di ottimi canestri per tornare a +18 sul 55-37 al 25′. Wideman tenta qualche sortita ma finisce costantemente schiacciato insieme a suoi compagni dall’energia e dall’atletismo di Trapani, sempre capace di mantenere ampie le distanze tra le due squadre. Il terzo periodo scivola cosi senza grossi patemi, ma nel finale la tripla di Bertetti accorcia sul +14 il margine in favore di Trapani sul 64-50.

Trapani riapre il gas in avvio di ultimo periodo con le triple in serie ancora della vecchia guardia Mollura e Renzi, e mette o il timbro definitivo sul match. Vigevano molla definitivamente gli ormeggi e al 35′ scivola a -22 sul 80-58. Alla tripla di Mobio a 4 minuti alla fine parte gia la festa. Ultimo giro di valzer per Renzi e compagni che nel tripudio del Palashark amministra e cala il sipario sl definitivo 93-67, che sigillia il primato del gruppo verde e 11° vittoria su 12° partite per la capolista.