Nord Barese chiama, l’Affrico risponde: colpaccio salvezza contro la Viola

0

VIOLA REGGIO CALABRIA – ENEGAN FIRENZE 68 – 76

PARZIALI: (19-20 / 33-40 / 45-60)

VIOLA: Fabi 9, Monaldi 18, Dia 7, Ammannato, Hamilton 17, Azzaro ne, Caprari 15, Sabbatino 2, Viglianisi ne, Spera. All. Ponticiello.

FIRENZE: Young 21, Severini 7, Conti 12, Rancic 14, Castelli 12, Cucco 2, Quaglia, Rabaglietti 8, Schiano, Baggio ne. All. Caja.

ARBITRI: Giovanrosa di Roma, Mauro di Pavia e Cappati di Treviso

Tiri totali: Viola 24/64, Firenze 29/60. Tiri liberi: Viola 8/12, Firenze 10/15. Tiri da tre: Viola 12/30, Firenze 8/18. Rimbalzi: Viola 24, Firenze 35.

Dodicesima giornata del girone di ritorno per il campionato di Adecco Silver. La Viola gioca in casa per la penultima volta ospitando il Firenze in un match importante per le zone basse della classifica.

Il match termina con la sconfitta a sorpresa dei reggini che riaprono tutto in coda alla classifica. Le vittorie contemporanee di Recanati e Torrevento rimettono tutto clamorosamente in gioco per una Viola che a questo punto non può più sbagliare.

Settimana di lavoro normale ma con grande intensità per una Viola che vuole chiudere i conti salvezza contro un avversario pericolante che non poteva sbagliare la trasferta reggina. I toscani sono intervenuti pesantemente sul mercato per aggiustare una situazione difficile mentre la Viola ha ripreso ritmo dopo un grande febbraio tanto che si è parlato anche di play-off in casa neroarancio. Match dalla posta in palio altissima dunque e squadre che arrivano pronte e tirate a lucido in questa quart’ultima giornata del girone di ritorno dato che manca un mese al termie della stagione regolare con i reggini che vogliono riprendere confidenza con la vittoria dopo lo stop di Treviglio di sette giorni fa. Gara disputata ancora a Vibo con la società del presidente Muscolino che mette a disposizione dei tifosi ancora una volta un pullman per raggiungere il palazzetto.

Si comincia dunque ed il primo quarto vede un buon inizio degli ospiti che, dopo i primi minuti di equilibrio, riescono a prendere in mano il match. La Viola, con un canestro di Monaldi, raggiunge dopo 5 minuti di gioco il massimo vantaggio sul +6 che però dura pochi minuti. Sale in cattedra Castelli che, nel giro di pochi minuti, ribalta lo svantaggio e porta i suoi in avanti di 2 lunghezze. Il periodo si a sorpresa con il vantaggio ospite e con la Viola che non riesce ad esprimere il proprio gioco.

Il secondo periodo segue il canovaccio del primo con Firenze che continua a macinare gioco e con la Viola che non trova la via del canestro. A 6:39 dal termine Rabaglietti mette a segno il canestro del massimo vantaggio ospite con i fiorentini che si portano sul +7.

La seconda frazione prosegue così. La Viola cerca di rientrare affidandosi a un Monaldi in serata ma Firenze non molla e chiude il primo tempo di gioco sul 33-40.

Il terzo periodo segue il leitmotiv dei precedenti. Firenze è conscia dell’importante della gara e cerca di andare oltre i propri limiti. Young e Conti prendono per mano la squadra e, dopo appena 5 minuti di terzo periodo, il distacco aumenta assestandosi su un pesante +17 ospite. La Viola accusa pesantemente il colpo e non sembra in grado di reagire. I reggini paiono scarichi sia dal punto di vista fisico sia mentale. I nero arancio tentano una reazione ma Firenze allunga ancora di più raggiungendo il massimo vantaggio sul +20. Negli ultimi minuti Caprari e compagni riescono rosicchiare 5 lunghezze chiudendo il periodo sotto di 15.

L’ultimo e decisivo periodo si apre come i precedenti. La Viola sembra svuotata e non riesce a reagire lasciando campo a un’affamata Firenze. Dopo appena 4 minuti di quarto periodo i toscani scrivono il nuovo massimo vantaggio grazie a un canestro di Severini che porta i suoi sul +24.

Il canestro sembra una sberla che però fa svegliare di colpo i reggini. Gli ultimi 5 minuti di quarto sono giocati alla grandissima e la Viola riapre inaspettatamente il match. In 3 minuti il divario è dimezzato e, a un minuto dal termine, Hamilton metta a segno il -6  che fa sognare a occhi aperti i presenti del PalaMaiata. Firenze tiene botta, Caprari mette a segno la tripla del -5 quando però, mancano appena 28 secondi al temine di una gara oramai impossibile da riprendere. Nonostante l’assalto finale Firenze resiste e porta a casa una vittoria pesantissima in chiave salvezze. La Viola si complica la vita e, dopo il magic moment, ha un brusco risveglio.

Va in archivio dunque anche questa sfida con la Viola che adesso si fermerà un giorno prima di cominciare a preparare il prossimo impegno. Domenica prossima i reggini saranno di scena a Ravenna prima di ospitare Mantova casa. Dopodichè il campionato si fermerà per la Pasqua ed, infine, domenica 27 aprile andrà in onda l’ultima giornata di un regular season che deve emettere ancora tutti i verdetti con la Viola che chiuderà sul campo del fortissimo Omegna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here