Omegna implacabile con le seconde linee, per Latina altra sconfitta

di Elena Mugione

PAFFONI OMEGNA vs BENACQUISTA LATINA 87-77 (24-22 43-44 64-62 87-77)

Paffoni Omegna: Della Torre n.e., Iannuzzi 23, Vildera, Cappelletti 10, Conger 11, Masciadri 11, Gurini 14, Oglina, Dip 2, Smorto 3, Saddler 13. Coach Magro.

Benacquista Latina: Mathlouthi n.e., Banti 8, Santolamazza, Nardi 14, Ihedioha 13, Uglietti 6, Cantone 4, Austin 28, Di Ianni n.e., Ianes 4. Coach Garelli

Arbitri: Bianchini Riccardo di Bagno a Ripoli (FI), Solfanelli Leonardo di Livorno e Stoppa Vito Modesto di Ferrara

Percentuali: Omegna tiri da 2 pti 48%, tiri da 3 pti 33%, tiri liberi 76% – Latina tiri da 2 pti 35%, tiri da 3 pti 23%, tiri liberi 74%.

La Paffoni Fulgor Omegna vince la sfida contro la Benacquista Latina valida per la 9° giornata del campionato serie A2 Silver per 87 a 77, e torna alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive.

Coach Magro ritrova Cappelletti dopo il lungo infortunio ma deve rinunciare a Tavernelli e a Resca; coach Magro decide quindi di partire con il quintetto  formato da Smorto play, Saddler guardia, Conger ala piccola, Masciadri ala grande e Iannuzzi centro. Latina schiera il doppio play Nardi e Cantone, Ihedioha ala grande, Austin ala grande, Banti centro.

La partita inizia con grande equilibrio con continuo botta e risposta da parte delle due squadre. Il primo strappo prova a darlo Masciadri con una tripla (9-6) e Smorto e Conger con una schiacciata provano a mantenerlo (18-14), ma Austin, fino a quel momento l’uomo in più di Latina, riporta in parità la gara e  insieme a Nardi portano addirittura in vantaggio la loro squadra (20-22) con un mini parziale di 6 a 0, a causa soprattutto di due palle velenose perse da una Fulgor distratta. Ci pensa poi Iannuzzi, autore di 10 punti nel primo quarto, a riportare la Paffoni sul 24 a 22.

il secondo quarto si apre con un fallo antisportivo di Santolamazza su Cappelletti; quest’ultimo segna i due tiri liberi (26-22)ma la sua squadra non riesce a sfruttare il possesso seguente. Ma Latina non è squadra da abbattersi e grazie ad un parziale di 8 punti, firmato Nardi, Ihedioha e Austin, si porta di nuovo in vantaggio (26-30). La Paffoni cerca di recuperare lo svantaggio con i giocatori di maggior qualità, ma a metà del secondo quarto di ritrova addirittura sotto di 6 (35-41), grazie alla maggiore atleticità e freschezza dei suoi avversari. Ma è l’ingresso di Iannuzzi e l’uscita di Dip a cambiare di nuovo rotta alla gara; il centro di Omegna infatti segna 4 punti consecutivi che la  riportano in vantaggio (43-42), anche se Uglietti firma allo scadere il nuovo sorpasso nerazzurro (43-44).

In questa prima parte di gara, da sottolineare le prestazioni di Iannuzzi 16 punti e 6/7 tiri totali per la squadra di casa, e di Austin 15 punti e Nardi 12 punti per la squadra ospite.

La Fulgor riparte con lo stesso quintetto di partenza Smorto play, Saddler guardia, Conger ala piccola, Masciadri ala grande e Iannuzzi centro. Stessa soluzione di partenza per coach Garelli che riparte con gli stesso di inizio partita doppio play Nardi e Cantone, Ihedioha ala grande, Austin ala grande, Banti centro. Il terzo quarto si apre con una palla recuperata da Gurini e con una tripla di Masciadri . Ihedioha riporta Latina in parità (46-46), ma Saddler e Gurini piazzano un parziale di 7 a 0 che vuol dire anche massimo vantaggio Paffoni (53-46). Sul possesso seguente Omegna esaurisce il bonus di falli e d’ora in poi ogni fallo commesso vorrà dire tiri liberi per gli avversari. Questo fatto innervosisce molto Omegna che perde precisione e lucidità sia sotto canestro sia nei passaggi più semplici. Questo significa un parziale di 4 a 0 firmato Austin, ma il cuore e la generosità del capitano Masciadri e di Iannuzzi riportano la Paffoni in perfetta parità (61-61). Il quarto si conclude con due tiri liberi segnati da Cappelletti per il sorpasso Fulgor (62-64).

L’ultimo quarto di partita si apre con una palla recuperata dalla difesa Paffoni e dal seguente canestro di Masciadri. Austin risponde subito per il 66-64. Conger  e Saddler tentano l’allungo decisivo (69-64) ma è ancora una volta Austin, ultimo nerazzurro a mollare, a riportare sotto Latina prima sul 69-66 e poi sul 72 a 68. Ma è la tripla di Cappelletti ad essere decisiva perchè porta la Paffoni sul 75 a 68, anche se due palle perse consecutivamente dalla squadra di coach Magro rischiano di compromettere il più 7, ma per fortuna di Omegna, la squadra nerazzurra non sfrutta le due occasioni. Sono Cappelletti e Iannuzzi a mantenere il vantaggio rossoverde, mentre a chiudere la partita è una tripla di Uglietti per l’87-77 finale che serve solo a rendere meno amara la quinta sconfitta concecutiva e per la differenza canestri nei due scontri diretti.

Da sottolineare sono le prestazioni di Iannuzzi, premiato anche mvp  della partita, con 23 punti, 7/9 tiri totali e 13 rimbalzi per la squadra di casa e di Austin per Latina con 28 punti e 53 % da due. Per la Fulgor però è stata anche una grande prestazione con ben 6 giocatori andati in doppia cifra; oltre a Iannuzzi infatti, Cappelletti con 10, Conger e Masciadri con 11, Gurini con 14 e Saddler con 13, hanno dimostrato come un solo giocatore non può bastare per far vincere la propria squadra.

Omegna ha vinto da tutti i punti di vista con 43 a 34 rimbalzi individuali, 46 a 35 rimbalzi totali, meno punti subiti da palla persa 5 a 11, più punti in area 38 a 30 e più punti dalla panchina.

In conclusione, la Fulgor si è meritata la vittoria davanti ai propri tifosi e adesso può riprendere la marcia verso le prima posizioni in classifica.

Fotogallery a cura di Alberto Ossola

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy