Piacenza sopravvive contro Verona e interrompe la striscia negativa

Ancora brividi al Palabanca, con Cesana e Formenti stavolta decisivi.

di Paolo Bossi

UCC Assigeco Piacenza – Tezenis Verona 78-71 (18-19, 18-18, 22-11, 20-23)

UCC Assigeco Piacenza: Markis Mcduffie 19 (4/7, 2/5), Luca Cesana 14 (4/6, 2/4), Tobin Carberry 12 (6/9, 0/1), Matteo Formenti 11 (1/3, 1/3), Tommaso Guariglia 7 (2/3, 0/2), Federico Massone 7 (2/4, 1/2), Lorenzo Molinaro 6 (3/3, 0/2), Giovanni Poggi 2 (1/1, 0/0), Nemanja Gajic 0 (0/0, 0/1), Alessandro Voltolini 0 (0/0, 0/0), Nicola Perotti 0 (0/0, 0/0), Stipe Jelic 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 19 – Rimbalzi: 32 6 + 26 (Lorenzo Molinaro 7) – Assist: 17 (Luca Cesana 6)

Tezenis Verona: Francesco Candussi 12 (4/10, 1/2), Giovanni Severini 11 (1/3, 3/7), Bobby ray Jones 10 (4/9, 0/1), Lorenzo Caroti 9 (3/4, 1/4), Guido Rosselli 8 (1/2, 2/3), Phil Greene iv 7 (1/3, 1/9), Giovanni Tomassini 7 (1/5, 1/3), Giga Janelidze 7 (2/4, 1/1), Giorgio Calvi 0 (0/0, 0/0), Andrea Colussa 0 (0/0, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 7 / 9 – Rimbalzi: 29 8 + 21 (Guido Rosselli 8) – Assist: 15 (Phil Greene iv 5)

1° Quarto: Si inizia in maniera molto equilibrata con le due rose che si alternano in una frizzante esibizione offensiva in cui le difese non sono pervenute. Verona commette l’errore di voler insistere giocando con un quintetto extrapiccolo, soffrendo quindi a rimbalzo e nelle martellate piacentine in post. Ottimi Guariglia, Mcduffie e Formenti. Il primo quarto si conclude sul 18-19 per la Scaligera.

2° Quarto: Verona comincia il quarto con una palla persa con Poggi che attacca la linea di fondo, ma Verona prova una minifuga con una tripla senza ritmo di Bobby Jones e un’imcursione di Janelidze.
Piacenza fatica a trovare canestri facili nonostante l’ottima difesa del solito Guariglia, poichè Verona è ottima a sfruttare i numerosi mismatch, complice la rivoluzione nel quintetto, che allungandosi consente alla Scaligera di restituire il favore del dominio a rimbalzo. Piacenza prova il riaggancio con una tripla di Candussi, Janelidze però la cancella prontamente.
nonostante una grandissima difesa di Gajic, Piacenza in un primo momento non riesce a portarsi sulla parità, ma dopo una tripla sbagliata di Janelidze, Cesana fa pagare una disattenzione difensiva di Verona mettendo il midranger del 32 pari.
Dopo il timeout Verona si riaccende da dietro l’arco. Molinaro però segna 4 punti in fila e dopo un parziale successivo di 5-0 veronese riesce a portarsi sul 36-37 alla fine del primo tempo.

3° Quarto: Piacenza rientra dall’inntervallo con doppio play, propiziata da ub classico gioco da 3 di McDuffie, che segna anche il libero e dopo un possesso difensivo controverso per smanacciate Cesana riceve su un ribaltamento di Formenti e mette una tripla del +5, che viwne incrementato con una insolita tripla di Massone e da unottimo comportamento in post di Mcduffie che porta Piacenza sul +10. Green e soprattutto Jones sono nervosi in questo frangente.
Tomassini sblocca Verona dopo 4 minuti pieni di digiuno ma McDuffie si butta nel pitturato e scrive di nuovo + 10 per la Assigeco, Guariglia e Formenti giocano meravigliosamente a 2 ed il vantaggio è oltre la doppia cifra.
L’unico spiraglio di energia della Scaligera sembra essere Caroti che mette la tripla e Verona è a -10.
Rientrano Jones e Green e tentano di risvegkiare Verona, ma nulla di fatto. Formenti incastona due gemme difensive con due recuperi netti e poi passa la palla a McDuffie, che si inventa un lob in post basso che libera Guariglia per il più 12, che viene mitigato da Green con un tiro dalla media in Fadeaway.
Il terzo quarto termina 58-48.

4° Quarto: Inizia bene Verona con Caroti che segna il -8 e per poco non arriva il -6 con una furbata su rimessa, ma poco cambia perchè nei due minuti successivi la scaligera grazie a una efficacissima zona 3-2 annichilisce l’attacco biancorosso, portandosi addirittura sul -5. La replica della débacle milanese però sembra non concretizzarsi, poiché McDuffie e Molinaro riportano i loro a +1, temporaneamente anche +12 prima della tripla di Green del -9. Candusso prova a mettere sotto i suoi ma McDuffie, si arresta e segna da 3 da solo. Rosselli risponde con un taglio da fenomeno. Canestro fallo, tiro libero ed sono solo 5 le lunghezze di vantaggio e grazie a delle sviste di Curberry, con tanto di antisportivo, permette a Verona di portarsi a -3.
Questa però è la sera di Cesana e a 21 secondi dalla fine si libera di Green e si inerpica sulla linea di fondo, mette un floater difficilissimo con il fallo e chiude idealmente la partita. A poco valgono ormai le iniziative di Bobby Jones.
La partita si chiude 78-71, con Piacenza che torna a vincere dopo tre sconfitte in fila.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy