Qui Casalpusterlengo Report:riviviamo le emozioni del PalaCampus

0

CODOGNO (LO) – Alle ore 18 di domenica scorsa, presso il PalaCampus di Codogno, è andata in scena la seconda giornata di campionato di DNA fra Assigeco Casalpusterlengo e l’UPEA Capo D’Orlando.Alcune solo trascorse, ma le emozioni vissute sul campo ci permettono una più attenta analisi su ciò che ha fatto il testo e il contesto di questo match.

L’impianto lodigiano fornisce un ottimo contorno di pubblico (circa 500 persone),ma  a prima vista il PalaCampus assomiglia soprattutto a un “palasauna”,etichetta da dare anche per il clima afoso e per il calore che,inizialmente,era dato soprattutto dalle squadre giovanili,accorse a vedere la prima squadra e successivamente dall’intero pubblico. L’UCC sembra poi aver acquisito la lezione impartita dalla Benacquista Latina, e mostra più attenzione ai fondamentali rivelatisi decisivi e su cui si è innestato il clamoroso recupero pontino di 7 giorni fa: più rimbalzi, più recuperi e percentuali al tiro meno fallose, accanto a un maggiore gioco di squadra hanno permesso agli uomini di Lottici di smuovere lo 0 in graduatoria offrendo così una prestazione in parte elastica (viziata da troppe fiammate e un insufficiente attacco alla zona ospite,soprattutto nel secondo tempo), ma in ogni caso efficace .

Entrando più nel vivo della cronaca, i quintetti base sono composti per l’Assigeco Paul Biligha,Prandin,Casagrande,Contento  e il capitano Alberto Chiumenti,MVP della partita (6/13, 6 rimbalzi). Per gli ospiti il quintetto è composto da Benevelli,Crow,Albertinazzi,De Min e Zanelli,autore di una partita decisamente incisiva con 25 punti in 38 minuti giocati. Apre le danze dopo la palla a due Contento che trova la risposta immediata di Crow per il 3 a 2 in favore dei visitors,ma Chiumenti comincia subito a far capire chi comanda,gettando uno sguardo di incitamento verso la curva,ancora fredda. Zanelli firma il 10 a 6,ma prima un tiro libero,poi una bomba di Casagrande,che dimostra di acquistare sempre più personalità,trova l’aggancio a quota 10.Sempre Casagrande con un rimbalzo offensivo,dopo una bomba da parte degli ospiti,porta a meno uno i casalini che con una bomba dall’angolo di Prandin realizzano un nuovo +2,ma il secondo fallo di contento costringe coach Lottici a cambiare il quintetto,con l’entrata di Venuto e Federico Loschi.Per sistemare e riassettare la squadra,Perdichizzi chiama time out,alla cui uscita però l’Assigeco trova il +4 grazie ancora a Prandin.Ma la pronta risposta degli ospiti arriva con la schiacciata in contropiede di Benevelli che scarica la tensione nell’anello.Si  chiude dopo 10’ con l’Assigeco che conduce di 4 lunghezze.

Il secondo periodo vede subito in apertura la bomba di Castelli per il + 7,ma con un parziale di 4 a 0,il pubblico capisce che la squadra ha bisogno di sostegno e Chiumenti ringrazia schiacciando per il +6.Un’altra schiacciata,stavolta con il fallo arriva da Castelli che fa esplodere il PalaCampus,quasi in delirio per festeggiare l’Highlight. Al 5’ affonda il colpo Casagrande con rimbalzo offensivo e canestro facile.Tuttavia a 3’ dalla fine alcuni fischi penalizzano la compagine di casa,sebbene il punteggio rimane comunque in favore dei rossoblu per 31 a 28.Presto Prandin conduce i casalini alla doppia cifra di vantaggio dopo la stoppata di Steve Biligha(che però chiuderà con 0 punti),accompagnata dal boato del pubblico:il tabellone recita 39 a 28.Reagisce però l’Orlandina segnando 4 punti di fila e il primo tempo termina con uno svantaggio leggermente ridotto:  32 a 39 per la formazione di casa.

Poco o nulla fino al terzo minuto del terzo quarto ,quando arriva la top play della giornata:Chiumenti corregge con una bimane in tap-in un tiro da fuori,volando sopra il ferro e sopra l’inerme difesa avversaria. Risponde Zanelli,che però,dopo la bomba del -1,rischia molto,con una botta che lo colpisce in pieno volto e lo stordisce:il peggio passa ed è pronto per guidare i suoi alla rimonta,smorzata però da due canestri di fila di Contento che riporta a +6 Casalpusterlengo,che si amplia presto a +9 con una bomba dell’attivissimo Venuto. Il quarto si esaurisce con un canestro di Ricci per il + 6,e con il punteggio di 59 a 53.

L’ultima frazione si apre con l’assist di Prandin per il canestro col fallo del capitano rossoblu,che riesce ad infilare anche una bomba,per il + 9 casalino e i 15 punti personali.A 4 dalla fine però Capo D’Orlando non ci sta e rimonta,rendendo la partita a dir poco coinvolgente;nonostante difatti i soliti Castelli,Chiumenti e Prandin cerchino di tenere testa all’avanzata dell’Orlandina,a 3:50 c’è il – 2 ospite.Ma il finale è tutto di Federico Loschi,che con una bomba dall’angolo e un canestro in contropiede mette il +7.Dopo un viaggio in lunetta di Benevelli che frutta un 2/2 Loschi prima mette un reverse sulla linea di fondo e successivamente in penetrazione mette il +8 con il fallo aggiuntivo.L’Assigeco trova così la vittoria,fiducia in se stessa ed un pubblico amico e fratello,chiudendo la gara sul 78 a 70.Una gara piena di giocate spettacolari e tanta voglia di dimostrare il proprio valore da parte di entrambe le squadra.L’UCC è riuscita a correggere i propri errori a rimbalzo,soprattutto nell’ultimo quarto,trovando così la prima vittoria del proprio campionato. Oramai il lavoro di Simone Lottici sembra dare i suoi frutti.

ASSIGECO BPL 78 UPEA CAPO D’ORLANDO 70 (20-16; 39-32; 59-53)

ASSIGECO BPL: Contento 6, Prandin 12, Casagrande 10, Chiumenti 18, Biligha; Castelli 12, Venuto 9, Loschi 9, Ricci 2. Ne: Colnago. All.: Lottici

UPEA CAPO D’ORLANDO: Albertinazzi 6, Zanelli 25, Crow 3, De Min 14, Benevelli 13; Zampolli 7, Alessandri 2, Damiani, Pellegrino. Ne: Caula. All.: Perdichizzi

Arbitri: Ceratto di Castellazzo Bormida e Brindisi di Torino

Note: spettatori 500 circa. Tiri liberi: Assigeco 11 su 18; Upea 12 su 14. Tiri da tre: Assigeco 7 su 20; Upea 6 su 17. Cinque falli: Castelli (40′).