Qui Chieti Report: Impresa riuscita contro la BPMed

0

CHIETI – Un grandissimo e caloroso pubblico attende che le due squadre, la BLS Chieti e la BPMed Napoli, salgano sul parquet di gioco del PalaSantaFilomena. Alto il numero di ultras partenopei giunti nella città teatina per assistere al match. Una partita che sulla carta Napoli dovrebbe vincere senza troppe preoccupazioni e che invece ha riservato una bella sorpresa alla società biancoazzurra. I teatini si sono imposti sulla squadra campana per 76 a 70, portando cosi a casa i due punti, prolungando a 3 le vittorie consecutive tra le mura di casa e confermandosi una squadra sorprendente quando gioca sotto lo sguardo del proprio pubblico. La palla a due vede il miglior giocatore del match Emanuele Rossi contro Simone Gatti, la palla lanciata in area viene spizzata da entrambi i lunghi e va a finire fuori dal campo, questo inizio rende l’idea di come sarà la partita: una vera e propria battaglia, non solo tra i due team ma anche tra i due centroni Rossi e Iannilli. La BLS parte subito forte: Feliciangeli, carico al massimo sin dalla palla a due, prende rimbalzi, recupera palloni, segna 4 punti consecutivi e sforna assist: prima per Raschi che apre le danze in contropiede, poi per Diomede che va a canestro subendo fallo, Gatti sembra non tenerlo in difesa e coach Bartocci chiama subito il primo time out del match. A 7:36 8 a 2 per la BLS. Napoli rientra bene dal mini break, con un parziale di 7 a 0, tripla messa a segno dal playmaker partenopeo Lenardon e piazzati di Iannilli. In fase difensiva entrambe le squadre sono molto aggressive, palla recuperata da Gatti che lancia in contropiede per Rizzitiello, il quale salta per afferrare la sfera, ma al momento della ricaduta si fa male alla caviglia e lascia il parquet di gioco (fortunatamente nulla di preoccupante, rientrerà nel secondo quarto). A 6:20 arriva il pareggio Napoli con una gran schiacciata di Gatti. La squadra ospite in fase offensiva gioca tutto sull’asse Musso-Iannilli, Chieti cerca molto Rossi sotto canestro, il match è in totale equilibrio, 11 a 11 a 4:0. Intanto sotto canestro continua lo scontro tra titani Rossi-Iannilli, lottano su ogni rimbalzo, spallate, azioni di fisico. A 50’’ dalla fine del primo quarto Napoli coglie il sorpasso con una gran penetrazione di Lenardon, +3 Napoli. Poi una grandissima stoppata di Feliciangeli ai danni di Mariani lanciato in contropiede fa esplodere il PalaSantaFilomena. I primi dieci minuti di gioco si chiudono con un canestro di Simone Gatti, 15 a 20 per Napoli. Entrambe le squadre stanno giocando fortissimo sotto canestro, brutte soprattutto le percentuali del tiro dall’arco dei tre punti (0/3 per la BLS e 1/6 per la BPMed). Il secondo quarto si apre con palla alla squadra padrone di casa, le difese ancora a uomo e si continua con un grande pressing che blocca entrambi gli attacchi, partita stabile sporcata da falli e tiri errati. Il primo canestro arriva a 7:30 e la firma è di Bernardo Musso con un 1/2 dal tiro libero. Per la BLS invece arriva un canestro dall’arco dei tre punti finalmente, e a piazzare la bomba è il capitano Stefano Rajola ( tornato al top dopo che nella scorsa partita ha giocato malconcio per un infortunio al tallone). A 6:02 siamo sul 18 a 26. Napoli ogni volta che si presenta nella zona difensiva di Chieti incute timore perché sicura di se stessa, mentre l’ attacco dei biancorossi sembra molto più timido, a parte il punto di riferimento Rossi, cercatissimo sotto canestro, che molto spesso prende posizione su Iannilli e mette a segno i due punti. Il lungo teatino si mette tutta la squadra sulle sue spalle e tiene Chieti a galla. A 4:30 una gran tripla di Gialloreto dopo assist di Rossi riporta la BLS a -3, 23 a 26 e Chieti comincia a credere nell’impresa. Iannilli gioca lontano da canestro e Napoli ne risente, time out coach Bartocci. Al rientro dal mini break entrambe le squadre si rispondono a vicenda canestro dopo canestro: per Napoli i soliti Musso e Rizzitiello segnano con piazzati, Chieti risponde con Rossi, Feliciangeli e Raschi. A 1:24 dalla fine del primo tempo Chieti raggiunge il pari con un 2/2 dalla lunetta firmato Rajola dopo aver subito fallo da Iannilli. Il finale è entusiasmante: Gialloreto recupera la palla in difesa lancia Rossi in contropiede e con una gran schiacciata contro Gatti fa uscire fuori l’urlo del PalaSantaFilomena, in attacco Napoli commette sfondo, Gialloreto ne approfitta per tentare l’allungo finale e piazza la tripla ma allo scadere Rizzitiello spegne l’entusiasmo teatino rispondendo con altri 3 punti. Il primo tempo si chiude in totale equilibrio, 38 a 36 per Chieti. I giocatori risalgono sul parquet per disputare il terzo quarto, e si comincia subito con palla alla squadra partenopea che parte subito forte con Musso che piazza due triple, e Iannilli molto cercato sotto canestro. La BLS risponde con Rossi naturalmente che continua a dominare lo scontro con Iannilli, i due centri si scambiano spallate, punti e giocate eccezionali, ma il lungo teatino per ora sta avendo la meglio. A 7:51 arriva il pareggio BLS con una gran tripla di Gialloreto, qualche attimo dopo c’è il sorpasso con palla recuperata dal capitano Rajola che lancia Feliciangeli, il quale va diretto alla schiacciata di potenza, i tifosi biancorossi impazziscono. Napoli in fase offensiva comincia a giocare con Musso e Rizzitiello, rientrati entrambi alla grande dalla lunga pausa, iniziano a segnare da tre come se stessero facendo dei semplici tiri liberi, cosi Napoli tenta l’allungo per spezzare finalmente la partita, ma dall’altra parte c’è il solito Rossi che tiene stretti i denti e continua a segnare e regalare grandi giocate, a 3:10 siamo 50 a 52 Napoli. La partita continua ad essere equilibratissima nonostante il tentativo di Napoli di allungare con le varie triple ( 5/10 dall’arco dei tre punti in questo quarto). il terzo periodo si chiude con una tripla di Manuel Diomede e pareggio 59 a 59. Al quarto ed ultimo periodo Chieti rientra acclamata dal pubblico casalingo. Napoli parte come al solito con una difesa fortissima a tutto campo, che viene punita da Feliciangeli con una tripla, e questo è il canestro che apre il quarto. entrambi gli attacchi sembrano disorientati, mentre le difese sono concentratissime: il secondo canestro del quarto arriva dopo 4:10 di gioco, con una tripla di Rizzitiello che riporta la sua squadra in pareggio. A rispondere ci pensa Antonio Porfido, appena entrato piazza la bomba ma i soliti Musso-Rizzitiello non vogliono mollare, a 2:30 c’è un vero e proprio scontro tra Musso e Raschi: il primo segna dalla lunetta, si butta in penetrazione e fa canestri che sembrano semplici, ma che semplici non sono; il secondo segna da tre e regala giocate da canestro più fallo. Musso scatenato segna da tre e -2 Napoli a 24 secondi dalla fine e time out prima di Bartocci e consecutivamente poi di Sorgentone. Sembra una di quelle partite da canestro segnato all’ultimo decimo di secondo e vittoria inaspettata, nell’ambiente teatino si sente l’ansia di un urlo strozzato in gola pronto a fuoriuscire. Ora si gioca con il cronometro, Napoli tenta l’ultimo arrembaggio ma non va perché c’è Feliciangeli che rovina i sogni partenopei rubando palla a 18’’ dalla fine sul 74 a 70 per la squadra di casa. Il pubblico è tutto in piedi per acclamare la squadra di casa e finalmente può permettersi di far uscire quell’urlo che stava diventando sempre più grande dentro. Finisce con un 2/2 dalla lunetta di Gialloreto, 76 a 70 per la BLS, e l’impresa è stata portata a termine. Un match esilarante ed entusiasmante per la squadra teatina che sta facendo sempre più abituare il proprio pubblico a queste belle sorprese tra le mura del PalaSantaFilomena. Tra le file della BLS non si riesce a trovare un giocatore da criticare perché tutti hanno dato il massimo e tutti hanno disputato una grandissima partita, uno su tutti però è il centrone Emanuele Rossi, il migliore: si parla da una settimana del suo scontro con Iannilli e conferma di essere il numero uno nel suo ruolo in questo campionato ( 35 minuti giocati, 18 punti messi a referto con un 7/12 da due punti, 4/5 ai tiri liberi, 13 rimbalzi tra cui 7 offensivi, 6 falli subiti, 6 palle recuperate e una sola palla persa, 3 assist, tante belle giocate e una valutazione di 39, pazzesco), altra prestazione da sottolineare quella di Feliciangeli (18 punti, 67% da tre, 10 rimbalzi totali e tante, tante buone giocate). Nelle file dei partenopei i migliori sono stati Musso (19 punti e 3 assist, si conferma sempre il migliore della sua squadra, nonostante in questo match non ha portato i suoi alla vittoria), Iannilli (nonostante abbia perso lo scontro diretto con Rossi, ha messo molto del suo nel match, grande fisicità, 10 punti realizzati, 5 rimbalzi e 2 assist) e infine Rizzitiello (15 punti, 5/7 da tre punti, è stato il giocatore che si è messo il peso della squadra sulle spalle insieme a Musso nel tentativo di staccare la squadra avversaria), poi buona anche la prestazione di Lenardon (10 punti per lui). Giocatori che hanno deluso sono stati Sabbatino (solo 2 punti in 19 minuti e poco di buono), Rotondo (5 punti in 19 minuti e lasciato il campo anzitempo per falli) e Gatti (dal punto di vista prettamente offensivo, solo 6 punti, tutti nel primo quarto, e 3 palle perse). BLS CHIETI – BPMED NAPOLI 76-70 TABELLINO (15-20) (38-36) (59-59) BLS CHIETI: RAJOLA 9, GIALLORETO 11, MARTELLI 0, FELICIANGELI 18, RASCHI 11, INGROSSO 0, DI EMIDIO ne, PORFIDO 3, ROSSI 18, DIOMEDE 6. All Coach Sorgentone Domenico. BPMED NAPOLI: SABBATINO 2, MUSSO 19, BASTONE 0, MARIANI 3, GATTI 6, IANNILLI 10, ROTONDO 5, RIZZITIELLO 15, GUASTAFERRO 0, LENARDON 10. All Coach Bartocci Maurizio.