Qui Recanati Report: arrivano i primi due punti contro Pavia

0
La sola prestazione magistrale di Cazzaniga non è bastata a Pavia a mantenere il passo de La Fortezza che, come aveva chiesto coach Coen doveva mettere il cuore oltre l’ostacolo in un momento di grave difficoltà.

“E’ un campionato –gli ha fatto eco subito dopo la partita coach Baldiraghi- in cui più che la tecnica conterà l’orgoglio dei singoli e la fame di vincere, e La Fortezza oggi in questo ci ha sovrastato”.

Chi ha sovrastato tutti è stato l’under Cecchetti che, seppur giocando meno di 19’, ha buttato nella gara tutta la sua grinta e la tecnica di dotazione fino a risultare la sorpresa in campo con 17 punti e e 16 di valutazione, “superato solo da Pierini 17-17.

Primi due periodi in cui La Fortezza mantiene saldamente la gara in mano con buona circolazione di palla, impostazioni più rapide ed in profondità, ravvosando una maggiore reattività sotto i tabelloni. Buona anche l’intensità difensiva e la verve di Cecchetti nell’area pitturata prima del riposo lungo mette in difficoltà Pavia che non può contare su un Cissè al meglio e con l’ex Pederzini lontano da quello conosciuto.

Recanati va negli spogliatoi con un bel +13 che metterebbe fuori combattimento chiunque. Non Pavia che reagisce subito con Furlanetto che prende in mano la squadra e gli evita un passivo ancor più netto all’inizio dell’ultima frazione (Recanati era arrivato anche a +15).

Partenza la fulmicotone di Pavia che piazza un parziale da 0-11, Recanati stringe i denti, gli arbitri ci mettni di proprio e gli ospiti arrivano a -6. Bella a questo punto la reazione caratteriale e La Fortezza porta a casa due punti che fanno tanto morale alla vigilia della trasferta di Ruvo ( e si perchè giovedì si rigioca).

Cazzaniga con 22 di valutazione e 23 punti il migliore in assoluto, capitan “Attila” Pierini con 17-17 sulla sponda Recanati.

La classifica “dice” che La Fortezza è da play off. La Division di cui fa parte la squadra del presidente Pierini per ora non rivela roster schiacciasassi rispetto alle squadre della Conference Nord. Da giovedì iniziano i primi test di Division e la trasferta di Ruvo (già alla terza sconfitta) sarà la prima verifica sui valori del gironcino.

Lo riconosce coach Baldiraghi (Pavia) a fine partita. “ La Fortezza Recanati sin dal primo minuto e per tutto l’arco della gara ha  messo in campo una grande intensità ,un grande spirito. Dovevamo partire bene invece ci siamo fatti sorprendere da questa loro  intensità. Questo é un campionato in cui l’intensità, lo spirito, il cuore fanno la differenza più che la tecnica. Con San Severo tutte queste qualità ci sono state, mentre oggi Recanati é stata più intensa di noi ed ha vinto! Questo é un campionato in cui non ci sono squadre materasso, come avveniva in passato. Con la diminuzione delle squadre, il campionato é elitario ed ogni partita é aperta ad ogni risultato”.

Soddisfatto sulla sponda Recanati coach Coen.

“I ragazzi oggi ce l’hanno messa tutta e così é arrivata la prima vittoria. Abbiamo affrontato la partita con la giusta carica, la giusta tensione, dobbiamo sistemare ancora  il nostro assetto, continueremo a lavorarci in settimana, in complesso comunque contro Pavia c’ é stata da parte nostra  una buona prestazione. La partita l’abbiamo vinta nella difesa, nell’attenzione al rimbalzo, che ci era mancata nelle due precedenti partite, e che sono state le chiavi di volta dell’incontro. Cecchetti ha fatto una partita strepitosa considerando che é giovanissimo e  che non conosceva questo campionato, veramente é stata una grande prestazione. Cazzaniga e Bozzetto erano avversari difficili da affrontare in quanto fisicamente più alti e prestanti, complimenti quindi a Cecchetti. Dobbiamo avere un’autonomia di quaranta  minuti nonostante abbiamo avuto sempre il comando delle operazioni, alla fine abbiamo sofferto troppo per come era stata la partita.  Lavorare, lavorare, lavorare,questo sarà il nostro motto  per sistemare alcune cose ed essere così al top. Complessivamente sono contento perché questa sera c’é stata una grande reazione da parte di tutti, la voglia di dare da parte di ognuno qualcosa per la squadra, cosa che le altre volte é mancata, stavamo meglio, e tutti hanno concorso per raggiungere un unico obiettivo”.

 

La Fortezza Recanati 74
Paul Mitchell Pavia 61

(23-15, 18-13, 15-16, 18-17)

La Fortezza Recanati: Centanni 9, Ceron 7, Fossati 4, Evangelisti 14, Pierini 17, Chiarello 6, Cecchetti 17, Gurini, Pierangeli, Gilardi. All. Coen

Paul Mitchell Pavia: Cazzaniga 23, Cissè 4, Maiocco 2, Maggio 7, Pederzini 6, Furlanetto 11, Bozzetto 4, Laboranti, Borgna 4. All. Baldiraghi