Ravenna implacabile, Fabriano cede il passo

0

Ristopro Fabriano – OraSì Ravenna 73-85 (15-22, 22-27, 20-15, 16-21)

Ristopro Fabriano: Arik Smith 25 (4/6, 5/6), Dwayne Davis 24 (8/11, 2/7), Marco Santiangeli 13 (2/3, 3/6), Roberto Marulli 6 (1/1, 0/2), Patrick Baldassarre 3 (1/2, 0/4), Gianmarco Gulini 2 (1/2, 0/0), Elhadji Thioune 0 (0/2, 0/0), Gabriele Benetti 0 (0/4, 0/2), Alessio Re 0 (0/0, 0/0), Ferdinando Matrone 0 (0/0, 0/0), Marco Caloia 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 10 – Rimbalzi: 31 5 + 26 (Patrick Baldassarre 7) – Assist: 8 (Arik Smith, Dwayne Davis, Patrick Baldassarre 2)

OraSì Ravenna: Daniele Cinciarini 18 (4/6, 3/6), Alessandro Simioni 14 (5/6, 1/4), Austin Tilghman 13 (3/11, 0/0), Lewis Sullivan 12 (4/9, 1/2), Tommaso Oxilia 12 (1/3, 3/4), Davide Denegri 10 (4/5, 0/2), Giulio Gazzotti 4 (2/4, 0/2), Nicola Berdini 2 (1/3, 0/3), Andrea Arnaldo 0 (0/1, 0/2), Mirko Laghi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 41 15 + 26 (Lewis Sullivan 15) – Assist: 10 (Davide Denegri 3)

L’OraSì vince ad Osimo contro Fabriano 73-85, ottenendo la settima vittoria in campionato su otto gare. Una partita equilibrata, ben condotta all’inizio e poi portata a casa con un ottimo ultimo quarto dopo la rimonta dei padroni di casa.
Sei uomini in doppia cifra, guidati da capitan Cinciarini con 18 punti, seconda “doppia doppia” consecutiva per Sullivan che aggiunge 15 rimbalzi ai suoi 12 punti.

La partita
OraSì in campo con Tilghman, Cinciarini, Arnaldo, Sullivan, Simioni. Il primo canestro della serata è di Daniele Cinciarini, ex applaudito prima e dopo la gara. Poi Simioni, due volte Sullivan e ancora il capitano giallorosso in entrata per il 4-11 su cui coach Pansa chiama timeout. I primi punti di Tilghman, i già sei rimbalzi difensivi di squadra e la tripla di Cinciarini portano l’OraSì a +12 (8-20). Dentro Gazzotti, Berdini e Oxilia per Simioni, Tilghman e Sullivan, nel finale Fabriano accorcia e il primo quarto si chiude con il layup di Berdini (15-22).
È ancora Cinciarini con il suo decimo punto ad aprire il tempo, poi Gazzotti, due rimbalzi di Oxilia e tripla del numero 23 per il 15-30, nuovo timeout Pansa. Arrivano i primi minuti e i primi punti anche per Denegri, in un’OraSì che gioca con un quintetto piccolo per metà tempo prima del rientro di Sullivan. I padroni di casa si affidano al tiro da fuori per tornare sotto la doppia cifra di ritardo (24-33) e stavolta è coach Lotesoriere a chiamare la sospensione. Sull’asse Tilghman-Simioni l’OraSì riparte (26-40) e quando Fabriano prova a rientrare l’OraSì resta vigile e con una super stoppata di Sullivan, la rubata di Denegri con assist per la schiacciata di Simioni si va all’intervallo lungo sul 37-49.

I giallorossi rientrano con lo stesso quintetto di partenza, Fabriano riparte con energia e in quattro minuti produce il parziale che porta la contesa in parità (49-49). Nel momento più delicato Cinciarini si prende la squadra sulle spalle e nella bolgia del PalaBaldinelli mette i due canestri successivi (49-53). La difesa torna a compattarsi e sono poi Denegri e Simioni a respingere l’attacco marchigiano e dopo la schiacciata del numero 23 coach Pansa si rifugia nel timeout (52-60). Denegri mette il nuovo +10 poi la tripla di Saniangeli e l’appoggio di Davis riavvicinano Fabriano ma è ancora Denegri, in slalom, a trovare il pertugio e l’appoggio del 57-64 con sui si va all’ultimo mini riposo (57-64).
L’ultimo quarto si apre nel segno di Oxilia, che con una tripla e un tap in su rimbalzo d’attacco riporta l’OraSì a +10.
I canestri di Gazzotti e Sullivan tengono Fabriano a distanza, Santiangeli c’è ma è Oxilia l’uomo del momento con la tripla del 65-77 a 4′ dalla fine. Smith segna con regolarità ma Tilghman dalla lunetta è freddissimo e Cinciarini, dall’arco, mette il 70-82 a 1’50” dal termine. Sono i titoli di coda di un match combattuto, che l’OraSì porta a casa con il punteggio finale di 73-85 per la gioia dei sempre coloratissimi tifosi al seguito.

Il commento di coach Alessandro Lotesoriere: “Una vittoria importante e di valore per il nostro campionato, su un campo dove tante squadre faranno fatica. Grande merito ai miei giocatori per l’approccio alla partita in difesa e per l’ultimo quarto, mentre in quelli centrali potevamo fare meglio. Siamo riusciti ad andare a più 12 all’intervallo, ma negli ultimi minuti del secondo quarto il trend era cambiato e Fabriano poteva andare al riposo lungo con uno scarto inferiore. Ne abbiamo parlato nello spogliatoio ma non siamo stati bravi subito a invertire l’inerzia, poi siamo tornati a lavorare bene in difesa e in attacco abbiamo fatto scelte più oculate”.

Ufficio Stampa e Comunicazione OraSì Basket Ravenna

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here