Ravenna- Nord Barese: un’Acmar spietata fa sua la battaglia del PalaCosta

0

Acmar Ravenna – Torrevento BNB 79-61 (20-7, 45-22, 67-47)

Ravenna: Amoni 25, Cicognani 2, Rivali 3, Bedetti 8, Ricci 2, Tambone, Foiera 12, Broglia, Locci 2, Sollazzo 25. All.Giordani

Basket Nord Barese: Caldarola ne, Ancellotti 7, Petrucci 11, Contento 2, Merletto 2, Quagliarella ne, Elliott 10, De Angelis 1, Amoroso 15, Moore 13. All.Cadeo
Arbitri: Masi di Firenze, Costa di Livorno, Maffei di Preganziol (Tv)

Note: T2: Ra 20/37, Bnb 11/36; T3: Ra 9/24, Bnb 8/23; Tl: Ra 12/15, Bnb 15/20.

Un’ Acmar Ravenna in gran spolvero annienta una Torrevento irriconoscibile e si riporta momentaneamente al secondo posto in solitaria, in attesa del posticipo di domani tra Matera ed Agrigento. Partita senza storia, con la squadra giallorossa che riesce subito ad allungare, mandando fuori giri l’attacco pugliese con una difesa molto aggressiva fin dal primo possesso. Nel secondo tempo, con il risultato in sostanza già archiviato, Corato decide di metterla sul piano fisico, incattivendo la partita che va cosi avanti fino al termine tra falli tecnici, antisportivi e tanti contatti duri. Ravenna è stata comunque brava a non cascare nel tranello ed a continuare a giocare come sa fare, portandosi cosi a casa una facile vittoria.

La cronaca. Dopo un’avvio equilibrato fino all’ 8-7, Ravenna stringe in difesa e con un paio di palle rubate prova subito la fuga sul 14-7, che costringe Corato al primo time out della gara. Il finale di quarto è caratterizzato da tanti errori da entrambe le parti, ma in particolare la squadra ospite sembra completamente smarrita e non riesce mai a trovare la via del canestro, e cosi il quarto termina con un parziale di 6-0 e Ravenna dunque avanti 20-7. Amoni e Sollazzo i grandi protagonisti di questo quarto.

Il secondo quarto si apre con i canestri di Foiera ed Amoni che mandano i padroni di casa avanti 28-12, con il solo Moore dall’altra parte che prova invano a tenere i suoi a contatto. Corato ancora costretta al time-out, ma al ritorno in campo prima Sollazzo poi ancora Amoni sparano tre triple consecutive che portano il punteggio addirittura sul 37-12, che di fatto sancisce già la fine della partita. Il primo tempo si conclude con la scarica di triple di Petrucci da una parte ed i canestri di Bedetti e Foiera dall’altro che mandano le squadre all’intervallo lungo sul punteggio di 51-25.

Corato non ci sta e nel terzo quarto torna in campo con un’altra faccia e pronta a dare battaglia su ogni possesso difensivo. Purtroppo per loro la carica agonistica è eccessiva e porta i giocatori a spendere rapidamente tanti falli, spesso anche cattivi, che scaldano la partita e gli animi dei giocatori. Qui l’Acmar per qualche minuto perde la bussola, e grazie ai canestri di Amoroso e Elliot la BNB torna a -15 sul 61-46. Dopo il time out di coach Giordani Ravenna è però brava a tornare in carreggiata e, grazie ad un paio di canestri consecutivi di Sollazzo, riporta il proprio vantaggio sopra le 20 lunghezze, ed il quarto si conclude 67-47.

L’ultimo quarto scorre via veloce, Corato ha oramai tirato i remi in barca, ed a parte qualche acuto causato  da altri falli cattivi e gratuiti da parte dei giocatori ospiti, non succede praticamente nulla. Entrambe le compagini mandano in campo i giovani, mentre Sollazzo ha tempo per ritoccare ulteriormente le proprie statistiche e portarsi a quota 25 punti segnati, mentre dall’altra parte Moore e Amoroso sono gli ultimi a mollare e segnano a ripetizione. Il punteggio finale è 79-61.

Ravenna con questa vittoria si riscatta dopo la peggior prestazione stagionale di domenica scorsa in quel di Reggio Calabria, mentre Corato mostra i soliti problemi di costanza e stabilità mentale che si trascina dietro sin dalla prima giornata di campionato.
Nel prossimo turno, che corrisponde all’ultima giornata del girone di andata, la squadra romagnola ha la ghiotta opportunità di conquistare l’accesso alle final six di coppa italia vincendo a Recanati (a meno che domani Agrigento non espugni Matera, in quel caso servirebbe anche la sconfitta dei siciliani al prossimo turno). Corato invece dovrà rialzare la testa, ed una partita potenzialmente facile come quella in casa contro Treviglio sarà l’occasione giusta per farlo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here