Roseto la spunta a Treviglio e sconfigge la Remer 85-90

0

Vittoria importante quella conquistata dalla Mec-Energy Roseto sul parquet del PalaFacchetti di Treviglio dove con un grande cuore conquista i 2 punti in palio sconfiggendo la più blasonata Remer con il punteggio finale di 85-90; un vero peccato per la formazione allenata da Adriano Vertemati che non è riuscita a sfruttare i momenti d’incertezza degli abruzzesi nel terzo quarto per piazzare l’allungo decisivo subendo l’intensità degli avversari nell’ultimo quarto quando Moreno è salito in cattedra mantenendo i suoi a contatto e segnando i canestri decisivi ai fini del risultato negli ultimi minuti. Treviglio rimane così al secondo posto in classifica e mancando un aggancio al primo posto che, complice la sconfitta di Treviso a Latina, avrebbe condiviso con i veneti e Ravenna.

Vertemati sceglie per la palla a due Marino in regia, Kyzlink e Carnovali sugli esterni, Gaspardo e Rossi sotto canestro; dall’altra parte coach Trullo schiera dall’inizio il quintetto tradizionale con Pitts in regia, Moreno e Jackson sugli esterni, Janelidze e Bryan sotto canestro.

Rompe il ghiaccio Bryan con un appoggio da sotto per Roseto che parte subito molto bene con una buona aggressività in difesa e velocità in attacco che gli fruttano subito un primo mini-vantaggio grazie anche all’1/2 dalla lunetta dello stesso lungo dominicano; dopo alcuni attacchi a vuoto, la Remer muove il proprio score dopo 1’40’’ con il 2/3 ai liberi di Kyzlink e la tripla dall’angolo di Gaspardo, realizzazioni che le danno forza per contrastare le folate degli abruzzesi e portarsi in vantaggio con la bomba di Carnovali (8-5). La Mec-Energy si affida alle giocate di uno scatenato Pitts e a metà quarto trovano il sorpasso (10-11) proprio grazie a una magia in penetrazione del play statunitense che manda a sedere Gaspardo; capitan Rossi è il più attivo dei suoi in questo frangente di match con un gancio dall’area e un 2/2 dalla lunetta e, in combutta con un Gaspardo chirurgico da dietro l’arco, firmano il controsorpasso BluBasket (15-11). Roseto risponde con un uno-due firmato Bryan e Pitts e rimette il naso avanti con l’appoggio a canestro di Janelidze a timbrare il parziale di 6-0 ospite chiuso dall’1/2 ai liberi di Marino e la tripla dall’angolo del nuovo entrato Marusic che vale il nuovo vantaggio Remer (19-17) a 1’30’’ dal termine del quarto; ultimo minuto targato Mec-Energy con ancora Janelidze e lo scatenato Pitts (6 punti, 3 rimbalzi e 4 assist nei primi 10’ di gioco) a fendere la difesa bergamasca e a permettere ai loro di chiudere il primo periodo di gioco avanti 19-21.

L’ex di giornata Jacopo Borra inaugura il secondo quarto con un canestro da sotto, ricevendo immediatamente la risposta del suo dirimpettaio Prokop Slanina dall’altra parte; Turel dimostra di aver recuperato dai guai alla caviglia con una pregevole conclusione dalla lunga distanza ma si vede fischiare contro un assurdo fallo tecnico (il gesto antisportivo era di Moreno che sbatte il pallone sul petto dell’ala biancoblù), penalità che Roseto sfrutta andando a segno dalla lunga distanza con Bartoli. La Remer reagisce con la bomba di Kyzlink, con Ferraro subito a ribattere sempre da dietro l’arco per la squadra ospite che allunga sul +5 (26-31) con l’1/2 dalla lunetta di Borra ed è brava a caricare di falli i difensori avversari (già 3 falli per Turel) raggiungendo il bonus dopo 4’ di gioco; Sabatini riporta a contatto Treviglio con 4 punti consecutivi (2/2 ai liberi e penetrazione vincente) e sprona i suoi al sorpasso che si concretizza con i 2 punti di Kyzlink (32-31 a metà quarto). Alcuni contatti energici sotto canestro accendono definitivamente la partita dal punto di vista agonistico con le due squadre imprecise in questi minuti di gioco per la troppa foga di distanziare gli avversari: Treviglio è la più efficace in questa battaglia grazie ai canestri dei totem Gaspardo e Rossi e alle invenzioni di Marino a innervosire sempre più una difesa abruzzese già parecchio su di giri dal punto di vista emotivo, situazione che permette alla Remer di approcciare l’ultimo minuto prima dell’intervallo avanti di 6 lunghezze (39-33). La Mec-Energy accorcia le distanze nell’ultimo giro di orologio con il 2/2 ai liberi di Ferraro e la penetrazione vincente di Pitts, Kyzlink risponde facendo bottino pieno dalla lunetta ma è Moreno ha mettere la firma in chiusura di quarto con una tripla dall’angolo che manda le squadre negli spogliatoi con la BluBasket avanti 41-40 (da sottolineare gli 11 rimbalzi di Rossi dopo 20’ e il 9 punti + 7 rimbalzi di un ottimo Gaspardo).

Al ritorno sul parquet è Jackson a bucare la retina per primo ma è sempre super-Gaspardo a mettere le cose a posto per Treviglio con un canestro più libero mandato a segno per il fallo della difesa abruzzese; un contatto energico tra Bryan e Marino riaccende la tensione tra le due squadre che in ogni contatto dimostrano di non starsi molto simpatiche l’un l’altra. Come nel secondo quarto è Treviglio la più abile a mantenere i nervi saldi, fattore che le permette di piazzare un piccolo allungo grazie ai 4 punti in serie di Carnovali e di caricare di falli la difesa abruzzese (4 dopo meno di 3’ e Pitts a quota 3 personali) con coach Trullo a chiamare time out per provare a dare una scossa ai suoi. Al rientro Roseto continua a litigare con il canestro difeso da Rossi e compagni, innervosendosi sempre di più (Bryan viene richiamato da Trullo in panchina al quarto fallo commesso tra i fischi del pubblico del PalaFacchetti che sembra gradire poco le sue continue proteste con gli arbitri), ma Treviglio non riesce a piazzare l’allungo decisivo sprecando qualche tiro di troppo; la maledizione abruzzese viene spezzata da Pitts quando sul cronometro ci sono 4’36’’ da giocare grazie a un canestro più libero aggiuntivo che fa respirare gli ospiti dopo più di 5’ di retine bianche. La Mec-Energy ora ci ha preso gusto e allunga il proprio parziale positivo sul 7-0 con il gancio di Borra e la tripla dall’angolo che valgono il -1 (51-50) e spingono Vertemati al time out; Marino da una parte e la coppia Moreno-Marini dall’altra muovono il punteggio dalla lunetta con Treviglio ad allungare grazie alla pregevole conclusione da dietro l’arco di un ottimo Tomàs Kyzlink e alla magia in penetrazione di Carnovali che aggiunge al suo canestro anche il libero aggiuntivo. Moreno va a segno in penetrazione ma l’ala di Melzo dimostra ancora la sua classe (11 punti per lui nel terzo quarto) andando a infilare altri 4 punti grazie a una tripla più libero per il fallo della difesa abruzzese che fa esplodere il PalaFacchetti; ultimo minuto giocato su alti livelli Marino a colpire da dietro l’arco e Roseto che accorcia con la schiacciata di Borra in faccia a Slanina e la tripla di Jackson che mandano le due squadre agli ultimi decisivi 10’ sul 65-61 Remer.

La sfida si riapre subito su livelli altissimi: da una parte Treviglio va a segno con due penetrazioni firmate Marino e Sabatini cui va aggiunta la tripla di Carnovali, mentre dall’altra la tripla di Moreno e l’appoggio a canestro di Borra dimostrano la voglia degli abruzzesi di non rinunciare anzitempo alle sue legittime ambizioni di vittoria. Ancora Moreno da dietro l’arco riporta i suoi a -2 (72-70) con l’attacco della Remer che s’inceppa nelle successive d’attacco e gli abruzzesi a mancare il pareggio per due volte, situazione che viene interrotta dal time out chiamato da coach Vertemati; al rientro la musica non cambia con Borra che prima trova il pareggio a quota 72 con un appoggio a canestro in faccia a Lele Rossi e nella successiva azione offensiva firma anche il sorpasso con un canestro più libero aggiuntivo per fallo del capitano trevigliese. Finalmente la Remer reagisce con la tripla di Marino che rimette la situazione in parità (75-75) e si riporta subito avanti con una magia in penetrazione di uno scatenato Raphael Gaspardo (77-75); Roseto non ci sta e torna in vantaggio grazie al canestro più libero aggiuntivo finalizzati da Moreno, realizzazione cui seguono una serie di attacchi inconcludenti da entrambe le parti che ci portano al time out chiamato da coach Trullo quando sul cronometro ci sono 2’03’’ da giocare e la contesa è ancora più che mai aperta. Al rientro è Roseto la più in palla e va ad infilare due triple con Jackson e uno scatenato Moreno, a fronte del 2/2 ai liberi e della penetrazione di Marino che valgono il -1 Remer (83-84) a 26’’ dal termine; inizia la girandola dei liberi: 2/2 di Moreno che risponde ai fischi del pubblico del PalaFacchetti, 2/2 anche di Carnovali, 2/2 di Jackson con la palla decisiva sprecata da Carnovali prima e da Sabatini poi che falliscono il pareggio dalla lunga distanza e danno modo a Jackson di ritoccare il punteggio con un altro 2/2 dalla lunetta che firma un successo meritato con il punteggio di 85-90.

MVP del match a Yankiel Moreno, assolutamente determinante nell’ultimo quarto con 14 punti che gli permettono di chiudere il match in doppia doppia (19 punti, 10 rimbalzi), cui aggiunge 5 assist e 7 falli subiti per un’ottima valutazione di 27; in doppia cifra anche Jackson (18 punti), Borra (buon esordio con 17 punti e 8 rimbalzi) e Pitts (11 punti, 4 rimbalzi e 4 assist).

Per Treviglio non bastano la doppia doppia di un grande Gaspardo (15 punti e 10 rimbalzi), le doppie cifre di Kyzlink (12 punti), Marino (18 punti, 3 assist) e Carnovali (19 punti) e i 16 rimbalzi di Lele Rossi in una serata in cui è mancata un po’ di precisione dalla lunga distanza (9/39 al termine).

Remer Treviglio 85–90 Mec-Energy Roseto (parziali: 19-21, 41-40, 65-61)

Remer Treviglio: Sabatini 8, Marusic 3, Kyzlink 12, Slanina 2, Gaspardo 15, Marino 18, Permon n.e., Beretta n.e., Carnovali 19, Rossi 6, Turel 2. All. Vertemati

Mec-Energy Roseto: Pitts 11, De Dominicis n.e., Borra 17, Ferraro 7, Bartoli 3, Marini 2, Janelidze 6, Bryan 7, Jackson 18, Moreno 19. All. Trullo

StatisticheTreviglio: 16/35 da 2, 9/39 da 3, 25/74 totale, 26/30 ai liberi; Roseto: 21/40 da 2, 9/22 da 3, 30/62 totale, 21/26 ai liberi

Arbitri dell’incontro: Martino Galasso di Siena (SI), Valerio Grigioni di Roma (RM), William Raimondo di Roma (RM)

Fotogallery a cura di Luca Conti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here