Sfuriata di Redivo nel finale: Casale sbanca Verona

Redivo nel finale con sette punti filati ispira la vittoria dei suoi, ma Casale interpreta alla grande la partita nella sua totalità. Verona interrompe la striscia di tre vittorie di fila.

di Jacopo Burati

Tezenis Verona-Novipiù Casale Monferrato 64-68 (17-17; 34-30; 46-47)

Casale sbanca Verona dopo una gara intensa, fisica e intelligente. Nel finale è decisiva la sfuriata di Redivo (7 punti di fila dei suoi 19), ma la squadra di Ferrari interpreta bene la partita mantenendo freddezza in attacco e durezza in difesa. La Tezenis, tradita dagli americani (6/26 in coppia per Greene e Jones), interrompe la striscia di tre vittoria di fila.

Verona recupera Caroti e Pini e deve ancora rinunciare a Rosselli. Casale con la solita rotazione limitata. Dopo l’affettuoso saluto all’ex coach della Scaligera Dado Lombardi, la tripla di Candussi inaugura i giochi all’alba della partita. Il contro parziale è di 6-0 grazie a Redivo e Tomasini e Casale si porta avanti prima di subire un altro tiro pesante da parte di Greene. Verona parte male al tiro e in transizione, Casale subisce la fisicità avversaria specie a difesa schierata: gli attacchi così subiscono una brusca frenata. Il vivacissimo Valentini con 5 punti consecutivi timbra il 13-10 per Casale dopo 7′. Verona risponde con Pini e Greene e ribadisce la parità. la Novipiù Casale resta viva con Thompson in risposta a Caroti ribadendo la parità (17-17) dopo i primi 10′.

La Tezenis prova ad accelerare a inizio secondo periodo con i lunghi di riserva (Pini e Janelidze) ben imbeccati sotto canestro. Casale è tradita da Redivo che forza un paio di soluzioni, ma torna a contare su Martinoni. Tomassini fa valere la propria classe e spinge i suoi al +4 (27-23) dopo 6′. Punteggio che si mantiene basso anche se Thompson e Redivo da una parte e Severini dall’altra confezionano un rispettivo break di 5-0. È Caroti dalla lunetta a fissare il nuovo +4 locale (34-30) alla fine del primo tempo.

Alla ripresa dei giochi, Valentini si conferma imprendibile in transizione e Casale riesce ad azionare Martinoni sotto canestro. Il parziale è di 8-2 per il +4 ospite (38-34). I primi segni d’impatto di Bobby Jones in difesa e in attacco scuotono la Scaligera: Caroti completa il contro break di 9-3 che regala di nuovo il vantaggio (43-41) a Verona. Casale però ha un buon momento da Tomasini, si appoggia alla fisicità di Thompson e chiude il terzo quarto sopra di 1 (47-46).

Ultimo parziale che inizia senza un padrone: Janelidze e Tomassini aggrediscono, Martinoni e Thompson rintuzzano (50-50). Dopo un lungo digiuno torna a incidere anche Greene, ma Casale non molla un centimetro e si tiene bene in linea di galleggiamento con Camara che firma il nuovo sorpasso (56-55) a 5′ dalla sirena. Gli ospiti perdono per infortunio Valentini, ma ci pensa Redivo: sette punti filati, con un gioco da tre punti, un’entrata e due liberi a portare avanti di 6 la Novipiu (63-57).

Tabellini:

Verona: Tomassini 10, Greene 11, Severini 3, Jones 9, Candussi 14, Caroti 9, Pini 4, Janelidze 4. All.: Diana.

Casale: Tomasini 9, Redivo 19, Valentini 13, Thompson 13, Martinoni 8, Sirchia, Camara 6. All.: Ferrari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy