Stop Lucca, Matera al secondo posto

0

Arcanthea Pallacanestro Lucca – Bawer Matera 80-90

ARCANTHEA: Deloach 38, Panzini 5, Sgobba, Valenti 8, Santarossa 2, Motta, Manni ne, Banti 2, Conger 25, Di Giacomo ne. All. Mecacci

BAWER: Vico 4, Iannuzzi 16, Rezzano 5, Maganza 14, Bolletta, Toscano, Basso ne, Jones 27, Cantone 7, Austin 17. All. Benedetto

ARBITRI: Noce, Belfiore e Cappati NOTE: parziali 15-13, 36-37, 63-60. Uscito per 5 falli Valenti al 39’12”

Stop casalingo per l’Arcanthea che non riesce a interrompere la serie negativa nonostante una prova di grande generosità. Ancora troppo corte le rotazioni dei lucchesi che sono costretti a tenere in campo Panzini per 40 minuti, Deloach per 39’53” e Conger per 37’04”. E’ questa la chiave di un incontro interpretato nel migliore dei modi dalle due formazioni e che si è deciso solamente negli ultimi minuti dell’ultimo quarto.

Buono l’approccio iniziale dei biancorossi che partono 5-0 grazie alle iniziative di Conger. E la Bawer in avvio fatica a segnare con le difese che si adeguano a zona a seconda delle rispettive chiamate e l’Arcanthea che allunga fino al 10-3 di metà primo quarto. Poi Matera inizia a ingranare spinta dalla forza d’urto di Jones e con Rezzano che da tre punti dà il primo vantaggio (12-13) confezionando un parziale di 2-10. Lucca però ha la testa giusta e sull’asse Conger-Deloach trova la forza di allungare di nuovo (21-13). 4 punti di fila di Iannuzzi però ridanno ritmo alla squadra di casa con Jones che ruba palla a Santarossa, segna il sorpasso sul 28-29 e dà il là al parziale ospite.

La ripresa si gioca punto su punto con gli ospiti che prova a più riprese ad allungare (45-48 e 49-54) con i lucchesi che hanno confezionato un 6-0 tutto di marca americana che ha ribaltato l’inerzia e spedito i lucchesi avanti grazie a due triple di Deloach (63-60). L’ultimo periodo però è quello in cui sono mancate le forze perché negli ultimi cinque minuti la Bawer era più fresca dei biancorossi. Vico e Maganza hanno siglato il vantaggio, poi ancora l’argentino, supportato da Jones, fa volare i lucani che raggiungono il +10 (69-79) a 3 minuti dal termine. Il finale si risolve poi in un botta e risposta che consente a Matera di gestire il divario fino alla sirena.

Matteo Mecacci: «Devo prima ringraziare i miei giocatori che oltre alla tecnica hanno giocato con il cuore, poi ringrazio il pubblico che ha risposto presente, ci ha sostenuto, e spero di vedere ancor più numeroso nella prossima partita con Mantova che per noi sarà molto importante. Dovevamo capire se eravamo ancora vivi dopo le due batoste di Treviglio e Firenze e devo dire che in questo sono soddisfatto. E’ stato un match molto tattico nei primi due quarti, noi siamo stati bravi a limitare Rezzano con cambi sistematici e finché abbiamo avuto energie abbiamo attaccato bene la zona. I 90 punti subiti non sono semplici da digerire ma è vero che negli ultimi 5 minuti Matera era più fresca di noi. Così è dura, il campionato è molto equilibrato ma siamo ancora dentro i play-off e il terz’ultimo posto è ancora a sei punti».

Fotogallery a cura di Claudio Tosi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here