Supercoppa A2 – Verona ok all’esordio contro Orzinuovi

Dopo un primo tempo equilibrato, la Tezenis piazza l’accelerazione definitiva in un terzo quarto devastante (28-12).

di Jacopo Burati

Tezenis Verona-Agribertocchi Orzinuovi 95-77 (23-27; 43-43; 71-55)

Dopo un primo tempo equilibrato, la Tezenis Verona piazza l’accelerazione decisiva in un terzo quarto devastante (chiuso sul 28-12) e si sbarazza dell’Agribertocchi Orzinuovi nella prima giornata di supercoppa. Top scorer veronese è Caroti (15 punti) ma sono cinque i giocatori di Diana in doppia cifra. Altrettanti quelli della squadra di Corbani (Hollis 14) che alla lunga però non regge il confronto.

Verona si presenta senza un americano, Phil Greene, fermato da un infortunio muscolare. Infortunato anche il neo acquisto (a gettone) Marco Ceron. Al completo Orzinuovi, che si presenta subito con una tripla di Hollis all’alba della partita. La Tezenis si appoggia sotto canestro, trovando i canestri di Jones, Candussi e Rosselli: parziale 8-0 (8-3). Gli ospiti si scuotono trovando preziosi canestri con Zilli e Martini e ribaltano tutto: 15-10 con 12-2 di contro break. Nonostante un Miles confusionario e poco incisivo, Orzinuovi cavalca la vena dalla panchina di Mastellari e vola a +11 (25-14) subito dopo aver costretto coach Diana al timeout. Male Verona dall’arco, nonostante l’energia e la puntura pesante di Caroti e il tiro da metacampo di Severini sulla sirena del primo quarto che lima lo svantaggio locale: 27-23 per Orzinuovi dopo 10′.

Nel secondo periodo la Tezenis pian piano completa il rientro: Pini usa il fisico, Rosselli appoggia il pareggio (31-31), ancora Pini sorpassa (33-31) dopo che la difesa propizia un paio di recuperi d’energia. Orzinuovi non riesce più a essere fluida ed è costretta a 4 punti in quasi 5′. Corbani chiama timeout, dopo il quale si accende finalmente Miles con 6 punti filati. Verona di contro si affida ancora alla verve di Caroti per spingersi a +3 (41-38), ma Zilli e Spanghero rintuzzano: 43-43 a fine primo tempo.

Inizio intenso ma confuso di terzo quarto: Orzinuovi sbatte contro la difesa veronese e Spanghero è costretto a uscire per infortunio. Verona prova ad accellerare con la maestria di Rosselli e il canestro in transizione di Tomassini per il +5 (49-44). Corbani trova il jolly Guerra, che con due triple tiene a contatto i suoi. Ma Verona trova la sapiente regia di Tomassini e la tripla di Severini dall’angolo per il +8 scaligero (61-53) a 3′ dalla sirena del terzo periodo. E’ l’accelerata decisiva. Pini e Severini sono in palla e propiziano la fuga incensata dalla tripla di Caroti e dalle troppe palle gettate al vento da Orzinuovi: 71-55 dopo 30′.

Fiammata d’orgoglio dell’Agribertocchi a inizio ultimo quarto grazie a due canestri rapidi di Rupil. Ma la squadra di Corbani commette sempre troppe palle perse e sembra non avere riposte difensive alla velocità di pensiero di Caroti che si issa a quota 15 per il +17 Tezenis (78-61) a 6′ dalla fine. Ci pensano poi Candussi e Tomassini ad azzerare definitivamente le speranze degli ospiti postando prima il nuovo massimo vantaggio a +20 (85-65), poi rispondendo a Hollis e Zilli per gli ultimi canestri della gara in cui entrano a referto anche i giovani gialloblu Colussa e Beghini.

Tabellini:

Verona: Tomassini 14, Severini 13, Rosselli 8, Jones 9, Candussi 10, Caroti 15, Pini 13, Guglielmi 3, Calvi, Colussa 6, Beghini 4. All.: Diana.

Orzinuovi: Spanghero 6, Miles 10, Martini 11, Hollis 14, Zilli 12, Guerra 6, Mastellari 10, Galmarini 4, Rupil 4, Cassar. All.: Corbani.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy