Terza vittoria di fila nel segno di Carroll e Laganà per Biella, Assigeco KO

0

Biella getta il cuore oltre l’ostacolo e infila la terza vittoria di fila contro una coriacea Piacenza che lotta fino alla fine. Una partita che Biella ha condotto dall’inizio, una lunga battaglia che l’ha portata ad avere anche 23 punti di vantaggio. Sabatini e Cesana hanno ricucito lo strappo e hanno portato gli ospiti a giocarsi gli ultimi possessi. Laganà ha tenuto in ghiaccio il pallone e con la complicità di Hawkins ha portato il sorriso alla truppa di Squarcina (95/89)

CRONACA

Biella sulle ali dell’entusiasmo contro Piacenza squadra che punta ai piani alti. Squarcina comincia con Carroll, Hawkins, Berdini, Miaschi, e D’Almeyda, mentre Dalmonte risponde con Mcduffie, Carberry, Molinaro, Sabatini, e capitan Formenti. Subito sale in cattedra D’Almeyda che dopo 9 secondi va già a canestro, Biella è reattiva anche con Berdini dall’angolo. D’Almeyda però commette presto il secondo fallo e Squarcina lo toglie, ma ci pensa Hawkins da tre a portare Biella sul 17 a 10. Dalmonte chiama time out e al rientro Biella perde due palloni banali consentendo agli ospiti di riavvicinarsi. Entrano anche Laganà e Massone e l’allenatore di Biella cerca di preservare i suoi tiratori migliori con l’ingresso di Vincini e Bertetti.  Biella sbaglia troppo da tre, Piacenza la punisce, e va al riposo in vantaggio.

Scoppiettante il rientro in campo prima Lagana e poi Carroll firmano il controsorpasso, le due squadre aumentano il pressing e trovano ottime giocate in attacco con Guariglia ai liberi sul 28 pari si consuma l’ennesimo pareggio. Poi si accende Bertetti che, con la consueta foga recupera il pallone e mette una tripla che da il via alla fuga di Biella. I lanieri, nonostante si carichino di falli Barbante e d’Almeyda già al terzo, riescono ad aumentare i giri dell’attacco Carroll (12 punti) Hawkins (5) e Miaschi (6) aumentano il divario che arriva fino ai 17 punti prima che, a fil di sirena, Massone si ricordi di infilare la retina dalla lunga per un punteggio che dà meritatamente il vantaggio a Biella all’intervallo lungo (56 – 42).

Biella schiaccia sull’acceleratore a inizio quarto con un parziale di otto a zero frutto dei tiri di Carroll e Miaschi, si arriva al massimo vantaggio (23 punti), poi i falli, ennesimo arbitraggio da prendere con le molle, condizionano il match, Hawkins e D’Almeyda vanno già sul quarto, condizionano Biella che subisce il rientro di Piacenza. Ci pensa il solito Carroll a piazzare un parziale di cinque punti che concede a Biella una differenza da difendere negli ultimi dieci minuti di venti punti. Piacenza non demorde ed entra in campo con il coltello fra i denti: Massone e Cesana da tre riducono il gap, ma si vede che un po’ di apprensione prende i giocatori di casa.  Piacenza arriva a meno nove e ci deve pensare Laganà con maestria ed esperienza a ricacciarla indietro. Sabatini diventa cecchino infallibile e il divario scende punto dopo punto e si arriva sul meno uno dopo, un antisportivo di Pollone, condito da un tecnico alla panchina, e successiva tripla, di chi?, sempre di Sabatini. Ci vuole la freddezza di Laganà, che subisce un antisportivo, per realizzare dalla lunetta insieme a Hawkins i liberi della vittoria. E anche questa è andata Biella è viva e lotterà fino alla fine, almeno questo è l’augurio della società e del gruppo sempre più coeso.

TABELLINO

Edilnol Biella vs Assigeco Piacenza 95- 89 (19 – 20; 56 – 42; 75 – 55)

Edilnol Pallacanestro Biella: Berdini 5, Moretti n.e, Bertetti 3, Loro n.e, Laganà (C) 14, Barbante 0, Miaschi 22, D’Almeyda 6, Pollone 4, Vincini 0, Hawkins 15, Carroll 26 Allenatore: Iacopo Squarcina.

Assigeco Piacenza: Mcduffie 17, Voltolini n.e., Poggi 2, Molinaro 7, Formenti 7, Sabatini 17, Gaijc n.e., Guariglia 6, Massone 8, Carberry 8, Cesana 17. All. Delmonte

Tiri Liberi Biella 12/18 Piacenza 19/27 Rimbalzi Biella 39 Piacenza 38 Assist Biella 20 Piacenza 12

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here