Tezenis in striscia vincente: contro Forlì arriva la quarta vittoria consecutiva

0

Tezenis Verona-Pallacanestro Forlì 84-75

Verona festeggia la quarta vittoria di fila in campionato, piegando una Forlì mai doma che prova ravvivare un finale di partita in cui Verona sembrava veleggiare con una certa tranquillità.

La Tezenis si affida alla vena dei due americani: Jones e Greene confermano il buono stato di forma trascinando l’attacco scaligero. Forlì fa un po’ di confusione in attacco, con Namy che non dà la sicurezza necessaria, ma ha nell’ex di turno Diliegro un punto di riferimento di grande solidità. Jones raggiunge presto quota 10 punti personali per il +6 gialloblu (17-11), Jackson e Fallucca rianimano Forlì con 5 punti filati che rintuzzano il divario, prima del canestro fuori equilibrio di Greene che dà a Verona tre punti di vantaggio a fine primo quarto (19-16).

Serie di canestri pesanti a inizio secondo quarto: sugli scudi Naym, Greene, Totè e De Laurentiis. Poletti esordisce in maglia Tezenis con un fallo antisportivo, dà fisicità ed esperienza, ma non riesce ad entrare in partita. Forlì tiene alla grande e vede accendersi con colpevole ritardo la luce di Jackson (tripla): il vantaggio si materializza con un appoggio di Castelli per il +1 ospite (28-27). Totè sorpassa, Jones segna un paio di canestri preziosi, ma Forlì è lì: Castelli e Bonacini mantengono la gara in parità dopo i primi 20’ (34-34).

Nel terzo quarto Verona prova a scappare, si giova delle triple di Greene e trova il primo canestro di Poletti. Ma Forlì non molla mai la presa, difende in maniera fisica e riesce a servire Diliegro e Castelli che postano punti preziosi. La Tezenis prova un altro allungo: una tripla al limite dei 24” di Jones e i liberi di Greene la proiettano a +8 (50-42). Anche qui Severini e Bonacini rimediano con un 4-0 rapido. Allora ci pensa Amato a svegliarsi dal torpore e con l’aiuto di Jones aggiorna il massimo vantaggio a +9 alla fine del periodo (61-52).

Verona ritrova anche la verve di Udom all’alba del quarto periodo: 6 punti rapidi e vantaggio che si dilata a +13 (70-57). Forlì barcolla , non perde mai totalmente il feeling con la gara, ma la strada è in salita: Jackson trascina i suoi in attacco, approfittando di un calo dì intensità difensiva degli avversari. Il lavoro della guardia americana porta gli ospiti addirittura fino al -5 (74-79). Udom, Palermo e Amato dalla lunetta scacciano ogni tipo di preoccupazione.

Tabellini.

Verona: Palermo 8, Greene 21, Jones 21, Udom 9, Nwohuocha, Ikangi 3, Amato 7, Poletti 4, Totè 10.

Forlì: Naimy 8, Jackson 17, Severini 5, Castelli 8, Diliegro 17, Fallucca 3, Campori, Bonacini 7, De Laurentiis 10, Thiam.