Tortona rinasce a Matera, altra battuta d’arresto per la Bawer

0

Si profila un match importantissimo quello che sta per andare in scena al PalaSassi di Via delle Nazioni unite fra Matera e Tortona, entrambe le squadre infatti sono alla ricerca di punti utili per sbloccare la classifica e l’entusiasmo dei propri sostenitori, riaffiorato dopo un inizio di campionato non certo esaltante per entrambe le squadre.
Bawer in campo con Greene, Richard, Balasso, Bonessio e Tagliabue. Risponde coach Cavina schierando sul parquet Rotondo, Simoncelli, Crockett, Tavernari e Galloway.
Partita che a giudicare dai primi minuti di gioco stenta a decollare, dopo 4’ infatti il tabellone dice solo pari 7, con i soli Tagliabue e Rotondo sugli scudi, anche se c’e’ da segnalare una spettacolare schiacciata di Richard dopo una splendida azione partita dalla metà campo opposta. Pian piano però i canestri iniziano ad arrivare in rapida successione e il ritmo partita finalmente rientra negli standard soliti, ma sono gli ospiti ad essere piu’ freddi e incisivi e costringono Di Lorenzo a chiamare il primo time out di giornata sul 16-9 e a 4’ dalla prima sirena. La strigliata del coach biancoazzurro sembra sortire gli effetti sperati con la Bawer che si avvicina prepotentemente agli ospiti dopo due super giocate partite da altrettanti due miracoli difensivi, prima la stoppata di Richard, poi il recupero portentoso di Bonessio che consentono ai locali di portarsi a -3 a 2 dalla fine. Derthona pero’ sembra avere la mano calda soprattutto dai 6.25 e punisce sistematicamente una difesa biancoazzurra troppo disattenta. Poi pero proprio negli ultimissimi possessi del quarto la Bawer tira fuori gli artigli sospinta da capitan Bonessio e Greene e rimette in discussione il match che sembrava scivolare gia’ via. Il quarto si conclude sul risultato di 21-25 in favore degli ospiti.
Secondo quarto che si apre subito con i due punti di Valenti seguiti dagli altrettanti di Galloway e coach Di Lorenzo stavolta chiama subito time out per non lasciar scappare nuovamente gli ospiti e rimettere sui binari sbagliati il match. Al rientro la Bawer raggiunge subito il canestro con Greene, poi il quarto si spegne improvvisamente con le squadre a secco per lungo tempo; solo dopo ben 3 minuti, all’ennesima disattenzione dei locali, i lombardi riescono a pungere nuovamente portandosi a +10, ma l’Olimpia sembra aver accusato positivamente il colpo e reagisce con 2 giocate da due punti e una da 3 in rapide successione, fra le quali Richard mette a referto la seconda schiacciata di giornata, riportando il match nuovamente in parziale equilibrio (-3 quando mancano 2’ al riposo lungo) strepitosa fin qui la sua partita, finalmente! Nel finale di quarto l’Olimpia sfodera ancora una prestazione stratosferica incrementando notevolmente, di colpo, l’intensita’ di gioco. Negli ultimi possessi Derthona viene praticamente annullata e i biancoazzurri vanno a canestro fino a riportarsi sul -1, ma a 8” dal riposo lungo un dubbio fallo antisportivo fischiato a Cucco quando Matera poteva addirittura tornare negli spogliatoi in vantaggio, lascia l’amaro in bocca, prima ancora di prendere un caffe’ caldo. Simoncelli fa 2/2 e il quarto si conclude sul 34-37 in favore di Tortona.
Non e’ dei migliori l’avvio di quarto per la Bawer al rientro dagli spogliatoi, Derthona infatti fa un parziale di 0-7 e Di Lorenzo si vede costretto a spendere nuovamente time out in avvio di quarto. Le cose non sembrano migliorare, anzi, l’Olimpia sciupa l’impensabile e i man in black realizzano un umiliante quanto spettacolare halley-up Simoncelli-Crockett che prima gela il palazzetto, poi merita gli applausi dei presenti, per un’azione da puro NBA. Quando siamo a metà del quarto il punteggio dice un pesante -14, ma i locali non vogliono demordere e nella seconda metà sembrano cambiare passo. Trascinati da capitan Bonessio e un ottimo Tagliabue riducono il vantaggio fino ad annullare la doppia cifra, ma poi il colpo di coda di Tortona chiude il quarto sul -11, 46-57.
Ci sarebbe ancora da soffrire ma anche sperare, i fatti sono che bisogna attendere oltre 2’ per il primo canestro di un ultimo parziale decisamente soporifero. Gli americani di Di Lorenzo cercano l’ultimo scatto d’orgoglio, e con loro Bonessio, ma ormai il risultato pare congelato. Merito anche di un Crockett assoluto mattatore nella seconda metà di quarto con quattro punti di fila, seguito a ruota da Simoncelli: suo il 4/4 dalla lunetta che vale il  +17 a 3’03’’ dalla fine, ritoccato a +19 con il suo assist per Paolo Rotondo. Si scollina quota 20 di vantaggio con lo schiaccione di Galloway servito da Crockett, nell’ultimo minuto e mezzo ormai è autentica passerella per la Derthona, che affina le cifre, e grazie ai liberi di Jordan Losi e ancora Simoncelli tocca addirittura il +27. L’ultima firma del match è di Dan Bonessio, ma il suo 13° punto è un calice amaro per l’Olimpia, con il finale che recita 55-77: continua la riscossa della formazione di Cavina che risale in classifica, per i lucani l’incubo di una nuova palude.
BAWER MATERA – DERTHONA TORTONA 55-77
PARZIALI:
BAWER MATERA: SACCO n.e, CUCCO 1, GREENE 4, FALLUCCA 2, CACERES , RICHARD 10, BALDASSO 4, GIARELLI 4, CIRCOSTA 5, BONESSIO 13, LOPERFIDO n.e , TAGLIABUE 12. ALL. DI LORENZO.
TORTONA: ROTONDO 13, GIORIA , VENUTO , SIMONCELLI 14, STROTZ , LOSI 4, CROCKETT 20, VALENTI 6, TAVERNARI 7, GALLOWAY 13. ALL. CAVINA.

Fotogallery a cura di Roberto Linzalone e Galileo De Iudicibus