Trapani concede il bis e stende Piacenza nel finale

Seconda vittoria di fila per la Pallacanestro Trapani, che torna a vincere in casa e da continuità al suo momento. Piacenza rincorre tutto il match, ma nel finale fallisce l’aggancio.

di Michele Maltese

Pallacanestro Trapani – Assigeco Piacenza 86-82 (23-18,45-39,69-57)

Pallacanestro Trapani: Renzi 29, Erkmaa 2, Miller 17, Mollura 7, Corbett 15, Palermo 8, Nwouhocha 8

Assigeco Piacenza: Mc Duffie 21, Poggi 5, Molinaro 4, Gajic 2, Guariglia 16, Massone 1, Carberry 12, Ce

Dopo il colpaccio di Tortona la Pallacanestro Trapani prova a risalire ancora la china ospitando in casa Piacenza e recuperando anche un paio di infortunati dall’infermeria, dove resta peró ancora Spizzichini.Un match a strappi che Trapani alla fine fa suo con merito.

Inizio promettente con dinamismo da entrambi i fronti. I 7 punti quasi in serie di Renzi caratterizzano l’avvio dei granata, mentre in casa Piacenza tocca subito a Carberry e Cesana rispondere per il 15-12 dopo i primi 5 minuti di gara. Emiliani piu sterili al tiro nella seconda parte del periodo e Trapani capace di attaccare meglio le spaziature, andando spesso fino in fondo con Miller e Mollura e garantendosi a fine quarto un +5 sul 23-18.

Zona e transizioni per gli ospiti in avvio di secondo periodo, ma Trapani resta abile nel giro palla e nella buona costruzione dei tiri. La garra di Mollura ma sopratutto la precisione di Renzi trascinano i locali. Il capitano granata sia dal post basso, ma sopratutto dalla lunga distanza, con due triple in serie, firma al 15′ il massimo vantaggio sul 38-26. Il Time out ospite regala una reazione a Piacenza, che sfrutta un paio di spunti di Guariglia e incassa un fallo tecnico di Mollura per rientrare a -5 a poco piu di 2 minuti dal riposo lungo. Trapani allenta un po le maglie nel finale, ma gli ospiti steccano ancora in attacco senza approfittarne, garantendo ai granata di chiudere il secondo quarto sul 45-39

Al ritorno in campo Trapani alza subito la voce con il suo duo americano Miller e Corbett, capaci di piazzare un bel 6-0 insieme e riportare i locali alla doppia cifra di vantaggio giá dopo due minuti. Piacenza traballa, coach Saliera invoca subito il timeout ma non basta. Trapani affonda i suoi colpi sia in transizione che dalla distanza, volando al nuovo massimo vantaggio +14 al 25′(59-45). Basta peró un attimo a rimette tutto in discussione, e dopo un antisportivo fischiato ai locali, Piacenza riaccende le polveri, sopratutto quelle di Mc Duffie e Carberry, infilando uno 0-10 pesantissimo in meno di 2 minuti per il 59-55 al 27′. Trapani prova a resettarsi con il timeout di coach Parente, e dopo aver preso fiato torna a spingere nel finale. Le due triple di Palermo ricacciano nuovamente indietro Piacenza, che negli ultimi 60 secondi torna a litigare con il canestro e lascia Trapani avanti anche alla terza sirena sul 69-57.

Mc Duffie prende per mano i suoi all’inizio ultimo quarto, con 8 punti in due minuti e un dinamismo tremendo che spacca la difesa di Trapani, che torna a +4 sul 73-69. Trapani tira il fiato e Piacenza prova ultimo assalto restando a -5 sul 76-71. Il match diventa piu fisico, arriva un tecnico con espulsione di Mollura e Cesana poco dopo infila la tripla del – 2 sul 76-74 al 37′ che rimette tutto in gioco. È ancora Renzi, da vero capitano a dare nuova linfa ai suoi, con tre liberi pesanti e un ottimo lavoro in difesa. Miller attacca il canestro quando serve e concede ai suoi un nuovo allungo sul 84-75 a 2 minuti dal termine. Piacenza e ben lontana dall’essere domata, parte in zone press e attacca gli spazi al meglio quando serve. Ancora Carberry e ancora Cesana, con un gioco da 3 punti, portano Piacenza a -2 sul 84-82. Ultimi 30 secondi palla in mano Trapani troverebbe anche il canestro del +4 con Renzi, ma il suo appoggio al ferro viene considerato incredibilmente irregolare, lasciando a Piacenza la palla del pareggio o del possibile sorpasso. Carberry va in isolamento ma pasticcia, concedendo a Nwohuocha di strappare un fallo a rimbalzo pesantissimo. Dalla lunetta il lungo granata non sbaglia e firma il + 4 dedisivo che mette i titoli di coda al match sul 86-82

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy