Trapani, la beffa è servita. si va verso lo 0-20 a tavolino

0

Incredibile epilogo della sfida tra Trapani e Rieti valido come 8° giornata del campionato di A2. Il match, sempre condotto dai padroni casa per oltre 3 quarti, viene sospeso ad inizio ultimo quarto per una schiacciata di Timperi che piega il ferro. Gli addetti al campo non riescono a sistemare il danno entro i 30 minuti ufficiali e gli arbitri dichiarano il match chiuso sul 62-52 per i padroni di casa. Parola adesso al giudice sportivo che adesso, quasi sicuramente, darà la vittoria a tavolinio a Rieti e una cospicua multa ai granata.

Pallacanestro Trapani – NPC Rieti Sospesa sul 62-52 al minuto 32. ( 27-9, 50-30, 60-48)

Pallacanestro Trapani: Guaiana 11, Rupil 7, Carter 2, Tsetserokou 4, Romeo 9, Mollura 19, Massone 10

NPC Rieti: Tucker 4, Del Testa 5, Timperi 13, Bonacini 4, Zugno 10, Tortu 7, Maglietti 9.

Reduce dalla vittoria sul fil di lana sul campo della Stella Azzurra Roma, e in attesa di trovare un secondo americano, la Pallacanestro Trapani ospita in casa Rieti nel lunch match dell’ottava giornata di A2 girone verde. Tucker da un lato e Mollura dal’altro aprono le danze di un match tra due deluse di questo inizio stagione. Dopo un inizio soft Massone e Romeo aprono il gas, scavando il primo solco del match al 5′ minuto sul 11-2 grazie ai liberi di Guaiana. Rieti litiga col ferro, finendo subito intrappolata nelle maglie della difesa granata. Mollura si iscrive alla festa con un 5-0 in un amen per il 16-2 al 7′. Il timeout ospite di coach Ceccarelli è inevitabile, Timperi trova anche una tripla, ma la valanga granata investe i laziali tra liberi, e giocate di qualita tra Guaiana e Tsetserukou, che inchiodano il primo quarto su un netto 27 – 9 , con una tripla di Massone sulla sirena.

Ad inizio secondo quarto Rieti è ancora lontana dalla partita, collezionando scelte sbagliate e palle perse in serie. Con meno del 25 % al tiro gli ospiti faticano parecchio ad entrare in partita, lasciando ai granata ampi margini di manovra. Mollura e Massone continuano a spingere allungando sul 43-21 al 15′ minuto di gara. Carter si fa sentire più in difesa che in attacco, respingendo le velleità ospiti e rilanciando bene l’azione dei suoi. Coach Ceccarelli prova ad ampliare le sue rotazioni in panchina nel tentativo di qualche lampo ma la linea guida del match non cambia. Trapani gestisce meglio i possessi e vola sul 50-30 con cui si chiude la seconda frazione.

Nel terzo quarto il ritmo si abbassa e Trapani rallenta. Carter e Tsetserukou escono entrambi per falli quasi in contemporanea lascindo ampi buchi in difesa. Rieti rialza la testa, firma un break da 14 a 3 e torna sotto la doppia cifra di vantaggio sul 53-44 a metà tempo. ne approfitta e sigla un parziale di 7 a 0 che la riporta sul -12 (53-41). Mollura e Romeo provano a ricaricare la squadra, alzano il ritmo e trovano canestri pesanti per riallungare nel finale di tempo sul 60-48.

Con la giusta tensione e la voglia di portarla a casa, accade invece l’incredibile beffa per i granata e per tutto il pubblico del Palauriga. A 7.53 dalla fine del match una schiacciata di Timperi distrugge lettarlmente il ferro, che si piega su se stesso e va sostituito immediatamente entro i 30 minuti come da regolamento. Gli addetti al campo ci provano, ma non riescono a sistemare il tutto e dopo 30 minuti gli arbitri dichiarano il match concluso e mando tutti negli spogliatori tra i fischi del pubblico. Parola adesso al giudice sportivo che in settimana dara sicuramente la vittoria a Rieti 20-0 a tavolino. Una figuraccia nazionale che Trapani poteva evitarsi.