Treviso in assetto corazzata doma Chieti

La De’ Longhi manda ben 6 giocatori a ridosso della doppia cifra e batte senza troppe difficoltà Chieti.

di Gianmarco Tonetto

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – PROGER CHIETI 80-47 (21-18, 44-22, 64-37)

DE’ LONGHI TREVISO: Perry 9 (3/8, 1/3), Rota, La Torre 13 (5/10, 1/4), Moretti 10 (3/4, 1/4), Malbasa 2, Barbante, Fantinelli 9 (3/5, 1/2), Rinaldi 11 (3/6, 1/2), Negri 6 (1/4, 0/2), Poser (0/1 da 2), Ancellotti 14 (7/8 da 2), Perl 6 (2/8, 0/1).

PROGER CHIETI: Golden 7 (2/10, 0/1), Mortellaro 7 (2/6 da 2), Allegretti 5 (1/3, 1/2), Fallucca 11 (1/2, 3/6), Turel 3 (0/1, 1/3), Venucci 4 (0/2, 1/1), Piccoli 2 (1/1, 0/2), Zucca 3 (1/2 da 2), Sergio 3 (0/1, 1/3), DeCosey 2 (1/6, 0/1).

NOTE: pq 21-18, sq 44-22, tq 64-37. Tiri liberi: Treviso 11/19, Chieti 8/15. Rimbalzi: Treviso 54 (Perry 3+11), Chieti 27 (Martellaro 4+8). Assist: Treviso 21 (Fantinelli 10), Chieti 9 (Allegretti e DeCosey 2).

Riprende il campionato dopo la pausa dovuto alla Final Eight di Coppa Italia, e il rush finale in vista dei play off inizia tra le mura amiche del Palaverde per la De’ Longhi. La sfida con la Proger Chieti presenta molti aspetti, la voglia di uscire totalmente dal momento di difficoltà, la conferma di quanto di buono visto a Casalecchio, l’inserimento di Perl e anche che la scelta societaria su DeCosey sia stata quella giusta. Quenton infatti rappresenta l’ex di giornata, un ex che cerca il riscatto. La partita di fatto dura soltanto un quarto, dopodiché la De’ Longhi si ricorda del proprio potenziale e del proprio talento producendo una prestazione monster su entrambi i lati del campo. Buono l’inserimento di Perl, molto utile anche in regia, Fantinelli ritorna ai suoi livelli e in generale tutti hanno messo in campo una buona prestazione. Per Chieti poco da dire, con il solo Fallucca a salvarsi.

PRIMO PERIODO: la De’ Longhi parte con Moretti, Fantinelli, Negri, Perry e Ancellotti, mentre Chieti schiera in campo Golden, Fallucca, DeCosey, Allegretti e Martellaro. Parte subito bene Treviso con un parziale di 5-0 sull’asse Fantinelli – Perry, ma la Proger risponde immediatamente con un altro 5-0 di Allegretti e Golden (5-5, 7:00). Dopo 4 minuti di gioco fa il suo debutto al Palaverde Perl, che entra in sostituzione a Negri, e si dimostra subito attivo in attacco con assist per il piazzato di Ancellotti. La partita è bella con gli atticchi a predominare sulle difese, infatti le percentuali di entrambe le squadre sono buone. Sul 19-12 TVB firmato dal primo canestro di Perl, coach Bartocci chiama time out per riordinare le idee dei suoi (3:10). La Proger non rientra al meglio però e perde subito palla, Treviso tuttavia non riesce a capitalizzare l’occasione. Gli ultimi due minuti di frazione sono abbastanza confusionari con molte errori soprattutto per i padroni di casa che sbagliano anche appoggi facili pur dominando a rimbalzo d’attacco. Il periodo si chiude con un canestro acrobatico di Rinaldi che però gli arbitri giudicano fuori tempo massimo, il tabellone dice quindi 21-18 Treviso.

SECONDO PERIODO: Treviso riprende subito la propria produzione offensiva (29-20, 6:30) ma la difesa viene giudicata troppo aggressiva e quindi spesso punita. L’ennesimo contropiede, questa concluso in appoggio da La Torre costringe il coach delle Furie al minuto di sospensione per sistemare la difesa, ma anche stavolta la Proger rientra molto raffazzonata e non riesce a concretizzare sul campo quanto chiesto da Bartocci. Un altro contropiede, chiuso con un 1/2 dalla lunetta da Moretti dà a Treviso il massimo vantaggio sul 32-20 a 4:30 dalla pausa lunga. Treviso riesce a correre bene il campo con tutto il quintetto e anche quando non va in porto il contropiede, la squadra di Pillastrini va bene in transizione veloce. Dal rientro in campo dopo il time out teatino, gli uomini in blu hanno prodotto un parziale di 9 a 0 in 5 minuti di gioco, con Perl molto attivo in fase di regia. Treviso negli ultimi 90 secondi alza ulteriormente il livello della propria difesa continuando a recuperare palloni, il parziale di chiusura secondo quarto dice 15-2 con il canestro del solo Golden a mettere una pezza su un periodo che termina con la tripla frontale di Rinaldi per il 44-22 trevigiano.

TERZO PERIODO: il rientro in campo vede i quintetti titolari per entrambe le formazioni, con Treviso che riprende da dove aveva lasciato volando fino al 56-27 con 4:20 da giocare, quando coach Bartocci prova a correre ai ripari d’emergenza con un time out per scuotere almeno emotivamente i suoi. Al rientro in campo Chieti fa vedere una reazione che produce un parziale di 10-0 per gli ospiti e costringe uno spazientito coach Pillastrini al time out (56-37, 2:10). Le urla di Pillastrini sembrano aver mosso le corde giuste e i suoi ragazzi al rientro in campo mettono insieme un parziale di 8-0 che chiude il periodo sul punteggio di 64 a 37 per la De’ Longhi.

QUARTO PERIODO: il quarto periodo si apre con il nuovo +29 casalingo firmato da capitan Fantinelli, a cui fa seguito La Torre per il massimo vantaggio (68-37, 8:30). I restanti 8 minuti non hanno molto da dire e servono solo a dare spazio a tutti gli under e ad arrotondare le percentuali per Treviso, mentre Chieti prova qualche esperimento schierando una zone press. Il risultato finale dice 80-47 per Treviso che sembra uscita definitivamente dal periodo buio.

MVP BASKETINSIDE: Andrea Ancellotti 14 punti, 8 rimbalzi e 25 di valutazione.

Fotogallery a cura di Thomas Barea

Zoltan Perl

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy