Trieste piega Mantova e torna a correre

26 di Green e 19 di Cittadini fondamentali nel successo bianco-rosso.

di La Redazione

Alma Pallacanestro Trieste – Dinamica Generale Mantova 86-75 (24-22, 28-17, 14-14, 20-22)

Sorride nuovamente in casa l’Alma Pallacanestro Trieste: la risposta, dopo la sconfitta in quel di Treviso, arriva in maniera perentoria e convincente. Il finale di 86 – 75 fatto registrare contro la Dinamica Generale Mantova porta la firma di Javonte Green e Alessandro Cittadini, ma tutto il collettivo di Eugenio Dalmasson si è speso al massimo per sopperire ad una condizione fisica davvero difficoltosa.

Si parte ed è subito la coppia Cavaliero – Fernandez che dimostra di essere in forma: i due esterni di Dalmasson si prendono responsabilità importanti, ma dall’altra parte Legion mette cinque punti di fila e soprattutto Bobby Jones (7/9 da due, 0/5 nelle bombe, 9 rimbalzi, 5 falli subiti) scatena la sua energia, sia in fase realizzativa che a rimbalzo. Le percentuali sono alte da ambo le parti e, nonostante Moraschini sia in borghese, il team virgiliano riesce a rimanere attaccato alla squadra di casa: 24 – 22 alla prima sirena, poi nella seconda frazione si scatena Javonte Green.

L’americano di coach Dalmasson firma sei punti praticamente di fila, intervallati dalla tripla di Bowers che si “scambia” cortesie con Candussi: il lungo classe ’94 fissa il meno due (33 – 31) con un bel canestro e fallo, poi l’Alma riesce a creare il break con un quintetto atipico in campo. Schina viene gettato sul parquet da coach Dalmasson e ripaga la fiducia, con una prova solida nei minuti concessi: sono due bombe di fila di Javonte Green a creare il primo vantaggio sensibile di Trieste (42 – 33). Il numero 5 biancorosso piazza anche una schiacciata in reverse su assist di Bowers: Mantova inizia ad avvertire l’assenza di Moraschini e, quando Jones non riesce a segnare, va in assoluta sofferenza nonostante l’attivismo di Mei e Vencato (3/9 al tiro, 5/9 ai liberi, 7 falli subiti, 5 rimbalzi, 5 assist), che si dannano l’anima. Janelidze segna il massimo vantaggio locale sul +14 (52 – 38) sfruttando un ottimo assist di Bowers, poi Jones si sblocca con un tiro libero che comunque non varia di molto il gap degli ospiti.

Il terzo periodo si apre con Daniele Cavaliero che brucia nuovamente la retina, imitato poco dopo da un Cittadini (4/5 da due, 2/3 nelle bombe, 5/6 in lunetta, 3 falli subiti, 2 recuperi) letteralmente perfetto: +17 per Trieste, che tira con percentuali notevoli dalla lunga distanza. Passano un paio di minuti senza segnare, con Janelidze e Fernandez che commettono entrambi il terzo fallo, poi è Bowers (3/7 dal campo, 7 rimbalzi, 5 assist) a sbloccare la situazione: il lungo classe ’90 è prezioso tanto in attacco quanto in difesa, con grande apporto a rimbalzo. Proprio “L-Bo” indovina l’assist per Fernandez: Lobito segna il +20 (63 – 43), poi Legion ha una fiammata improvvisa che vale due canestri di fila; Bowers viene pescato per due volte in penalità dagli arbitri ed è costretto a tornare in panchina, gravato di quattro falli, prima della sirena del trentesimo che fissa il +13 per l’Alma.

L’ultimo quarto vede il pregevole gioco a due fra Coronica e Schina: il capitano scodella un assist perfetto per il play classe 2001, mentre Cittadini continua a fare la voce grossa vicino a canestro e Fernandez infila quattro punti di fila per il 74 – 58. Mantova, però, non molla di un centimetro e Trieste non può permettersi momenti di rilassamento: due bombe di fila di Candussi e una di Vencato riportano gli Stings a meno sei (76 – 70). Quando il gioco si fa duro, però, ci pensa Javonte Green (6/9 da due, 2/5 nelle triple, 8/8 ai liberi, 8 rimbalzi, 6 falli subiti, 3 recuperi): due canestri del coloured di Dalmasson tengono l’Alma avanti; il finale vede i virgiliani cercare il recupero. Tanti viaggi in lunetta da ambo le parti, Bowers tiene avanti in doppia cifra i biancorossi (84 – 73), poi Janelidze ferma con un fallo antisportivo Bobby Jones, ma è troppo tardi ed il referto rosa rimane all’Alma Arena, con Trieste che si affaccia alle finali di Coppa Italia con una vittoria in tasca.

Alma Pallacanestro Trieste: Javonte damar Green 26 (6/9, 2/5), Alessandro Cittadini 19 (4/5, 2/3), Juan Fernandez 13 (6/8, 0/1), Daniele Cavaliero 11 (1/3, 3/7), Laurence Bowers 10 (1/3, 2/4), Giga Janelidze 4 (2/4, 0/1), Matteo Schina 3 (1/2, 0/0), Andrea Coronica 0 (0/0, 0/0), Roberto Prandin 0 (0/3, 0/0), Federico Loschi 0 (0/1, 0/1), Lorenzo Baldasso 0 (0/1, 0/0), Lodovico Deangeli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 21 – Rimbalzi: 31 12 + 19 (Javonte damar Green 8) – Assist: 20 (Daniele Cavaliero, Laurence Bowers 5)

Dinamica Generale Mantova: Bobby Jones 17 (7/9, 0/5), Francesco Candussi 15 (2/4, 3/3), Alex Legion 15 (5/7, 1/5), Luca Vencato 12 (2/6, 1/3), Nicola Mei 10 (1/1, 2/2), Valerio Cucci 5 (2/3, 0/3), Marco Timperi 1 (0/0, 0/1), Matteo Ferrara 0 (0/1, 0/0), Marco Morello 0 (0/0, 0/0), Daniele Costanzelli 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 28 – Rimbalzi: 25 8 + 17 (Bobby Jones 9) – Assist: 10 (Luca Vencato 5)

 

Uff.stampa Alma Pallacanestro Trieste

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy