Una straordinaria Luiss supera in rimonta l’Urania Milano

0

Luiss Roma – Wegreenit Urania Milano 84-80 (23-21, 20-25, 13-18, 28-16)

Luiss Roma: Valerio Cucci 27 (10/14, 1/4), Tyler francis Sabin 15 (3/7, 1/9), Matteo Fallucca 12 (0/0, 4/6), Anrijs Miska 10 (3/7, 1/2), Marco Pasqualin 7 (0/1, 1/4), Riccardo Murri 4 (0/0, 1/1), Francesco Villa 4 (0/0, 1/2), Matija Jovovic 2 (1/3, 0/0), Riccardo Salvioni 2 (1/2, 0/0), Marco Legnini 1 (0/0, 0/1), Domenico D’argenzio 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 26 – Rimbalzi: 35 8 + 27 (Tyler francis Sabin 7) – Assist: 17 (Marco Pasqualin 6)

Wegreenit Urania Milano: Gerald Beverly 33 (10/11, 0/0), Matteo Montano 15 (1/5, 1/6), Ion Lupusor 13 (2/3, 3/4), Andrea Amato 7 (2/4, 1/6), Giddy Potts 5 (2/4, 0/8), Aristide Landi 3 (0/3, 0/3), Giovanni Severini 2 (1/3, 0/1), Giorgio Piunti 2 (0/2, 0/0), Davide Bonacini 0 (0/1, 0/1), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 29 / 33 – Rimbalzi: 39 11 + 28 (Gerald Beverly 15) – Assist: 10 (Andrea Amato 5)

Terza sconfitta consecutiva per la Wegreenit Urania Milano, i Wildcats cadono a Roma, 84-80. Sfida che ricalca un pericoloso copione già visto con Rieti e Cremona, fatali gli ultimi 5 minuti alla truppa di coach Villa che subisce la rimonta della Luiss nel finale colpita da Cucci e compagni. Non basta ai rossoblu un grande Beverly, 33 punti e 15 rimbalzi con 10/11 dal campo.

LA GARA

Subito partenza ad alto ritmo, Sabin e Miska per i romani a referto, immediata risposta della Wegreenit con Beverly e Amato a segno, 4-5. Cerca con insistenza il gioco interno Roma con Miska e Cucci in evidenza, non arretra Beverly che appoggia la nuova parità 9-9. Scalda la mano anche Lupusor, funziona l’asse Amato Beverly che mette tre punti tra le due squadre, 11-14. Scendono le percentuali sino a li elevate dal campo, resta avanti Urania che sfrutta una vera invenzione di Amato, 13-18. Pasqualin alza l’intensità offensiva dei suoi, il play capitolino e Cucci sigillano l’ennesima parità, 18-18. Fatica a ritrovare armonie offensiva la truppa di coach Villa, mette la freccia la Luiss con Miska e Cucci che continuano a dare danni nel pitturato, 23-21 alla prima sirena. Mini allungo dei padroni di casa che continua grazie anche ai rimbalzo d’attacco, un lampo di Montano viene subito spento da Fallucca e compagni, 33-28. Continuano i parziali arriva il primo squillo di Potts, c’è sempre un solo possesso dopo la tripla di Fallucca, 36-34. Gli uomini di coach Paccariè cercano lo strappo prima della pausa lunga, regge Milano che ribalta anche l’inerzia, gran lavoro anche difensivo di Lupusor e Beverly, Montano sigilla il sorpasso, 43-46 all’intervallo. Massimo vantaggio rossoblu in apertura ancora con il centro ex Udine letteralmente inarrestabile, 7 punti filati che valgono il più 7, 46-53. Si innervosisce la Luiss, quarto fallo di Jovovic e tecnico a Cucci e Paccariè, Potts sbaglia uno dei due liberi con la Wegreenit che non riesce a convertire il vantaggio in modo consistente, 48-56. Si fa sentire però la difesa milanese che cerca di chiudere l’area colorata, sprecano i Wildcats due chance per trovare la doppia cifra di margine, immediata la punizione dei capitolini che restano a meno 5, tripla di Sabin, 51-56. Si infiamma la gara con Beverly che cade nella trappola delle provocazioni di Cucci, l’ex Fortitudo firma il meno 3 che accende il PalaTiziano, 55-58. Il finale di quarto premia gli ospiti, Montano e Piunti di pura esperienza trovano le due giocate che valgono il più 8 alla penultima sirena, 56-64 timbrato da Severini. Arriva l’agognato margine in doppia cifra, altra zampata di uno scatenato Beverly, ma la Luiss non molla, Cucci trova il 2+1 del meno 9, 62-71. Aumenta la pressione difensiva degli esterni romani, ancora una volta Urania si ferma nel momento di poter chiudere il match, Pasqualin sigilla la parità a quota 73. Sabin firma il sorpasso, il finale è amaro per Urania con Cucci che mette la tripla che sigilla la vittoria capitolina, 82-77.

UFF.STAMPA URANIA MILANO