Urania, altra impresa: all’Allianz si ferma anche Cantù

0
davide villa urania

Urania si regala un’altra serata magica! Dopo aver stoppato tra le mura amiche Torino, all’Allianz si ferma anche Cantù, in una partita che l’ha sempre vista inseguire e mai dare la solidità mostrata in altre occasioni. Certo, l’assenza (annunciata) di Zach Bryant e quella (non annunciata ma impalpabile nei suoi 27′ di impiego) di Trevon Allen ha influito in questo senso. Ma vanno dati i meriti al gruppo di coach Villa, che anche stasera si è dimostrato squadra. Bossi ad orchestrare tutti, con la solita prova totale (12, 3 rimbalzi, 6 assist, 2 rubate, 4 falli subiti). Portannese a firmare le giocate chiave, in attacco ed in difesa, portando a casa un 17+7 solidissimo. Montano a firmare il primo importante break nel secondo quarto, Paci e Piunti a fare a sportellate sotto canestro, ed un Thomas fin troppo silente ma comunque importante.
Adesso, ad un turno dalla fine della regular season, Urania si affaccia prepotentemente nella lotta all’ultimo posto playoff: la trasferta a Biella, ed il recupero a Mantova, saranno passaggi chiave per l’accesso alla fase ad orologio e, successivamente, alla eventuale post-season.

Quintetti iniziali

Urania Milano: Bossi, Portannese, Thomas, Nikolic, Paci
Acqua San Bernardo Cantù: Severini, Allen, Bucarelli, Da Ros, Bayehe

Primo quarto

Bucarelli stappa la gara dai 6.75, Bossi accorcia immediatamente. Sono 4 punti a fila di Thomas a dare il primo vantaggio Urania sul 6-5. La zona chiamata da Villa viene bucata in tempo zero dalla seconda bomba di Bucarelli, Bayehe sbaglia un canestro facile ma ne fa uno dal quoziente di difficoltà molto più elevato. Portannese dalla lunga però riporta davanti Urania, prima di un paio di minuti a ritmo forsennato, con scelte poco lucide e tanti errori da una parte e dall’altra.
Quando Da Ros si erge a protagonista, con due punti ed un assist per Allen, Villa si gioca la prima sospensione: 11-17 e miniparziale ospite di 0-6. Bayehe alza la voce sotto le plance, catturando falli ed attenzioni difensive. Adesso però Cantù va a folate, e con due rapidi contropiede duplica Urania e va sul 11-22. Il maxi parziale viene chiuso da due liberi di Thomas, che sigla anche il finale del quarto: 13-22. 8 di Bucarelli, nelle file di Urania da segnalare i 5+4 del mascherato Portannese.

Secondo quarto

Nikolic da tre, imitato da Montano: Urania è lì! Ma la classe di Bucarelli è infinita e, dopo una stoppata granitica di Cusin, la conduzione del contropiede porta al nuovo +7 ospite. Uno svitamento di Piunti e la solita tripla frontale, in transizione, di Montano significano nuova parità a quota 26: timeout Sodini. Paci dal post regala un nuovo possesso di vantaggio ad Urania, Cantù è in blackout prolungato in attacco. Ci pensa Bossi a punirla con due bombe senza senso per il 34-29. Sono gli extrapossessi a dare fiato a Cantù, con Bayehe e Da Ros a giganteggiare nel pitturato avversario. Ma Urania continua ad attaccare non fermando la palla e creando continui vantaggi: da qui una bomba di Cipolla significa massimo vantaggio sul 32-41. A Sodini non resta che chiamare il secondo timeout del periodo.
L’ennesima persa del terrificante quarto brianzolo consegna a Thomas la possibilità di allungare ulteriormente, ma al 20′ Urania è comunque sopra 43-32. Bossi vola a quota 8, Paci ci aggiunge 6 punti (tutti nel secondo quarto) e 4 rimbalzi. Cantù paga una deficitaria percentuale da 3 (2/9 contro il 7/11 Urania).

Terzo quarto

Una magia di Bossi manda a canestro Thomas e vale il +13, Cantù prosegue nel suo momento difficile anche dalla lunetta, con Bucarelli che fa solo 1/2. È ancora Da Ros a caricarsi sulle spalle l’intera squadra, da capitano vero, ed il suo assist in contropiede per Bayehe riporta il distacco a 10 punti. Sodini cerca risposte dalla panchina, provando a sopperire ad una serata negativa di Travon Allen, ributtando dentro Stefanelli. Volano colpi proibiti in entrambe le aree, Bucarelli e Portannese tentano di riportare la calma firmando canestri chiave.
Lo svizzero mette la firma su giocate da campione vero, sul ribaltamento il pick’n’roll che coinvolge Bayehe è letale. Pure il capitano Piunti pone il suo tassello decisivo, tra stoppate e sottomano: nuovo +12 e timeout Cantù. Dopo due liberi di Paci, il buzzer di Stefanelli inchioda al 30′ il punteggio sul 57-45.

Quarto quarto

Due minuti dimenticabili cristallizzano il punteggio, fino alla tripla del Nikolic ospite. Allen si conferma fuori dal match, Cusin trova un piazzato di importanza gigantesca e Cantù si ritrova quasi casualmente a -7: Villa ci vuole parlare sopra. Il rientro non è però come sperava il coach Urania: l’attacco continua a faticare a costruire tiri con vantaggio, e Piunti con una leggerezza regala due liberi al solito Bucarelli. Lo stesso ex Roma, con un canestro dalla linea di fondo, porta gli ospiti a -4.
Urania si appoggia al capitano Piunti, ed è sempre una garanzia: 60-55 a 3′ dalla fine. Un’invenzione dal nulla di Bossi, dopo una circolazione di palla praticamente perimetrale, porta Urania sul +8. Bucarelli non capitalizza il quinto fallo di Piunti, ma l’azione successiva riporta s -5 Cantù. È Portannese a scrivere i titoli di coda: tripla e stoppata su Bucarelli. L’Allianz è caldissimo, Urania fa l’impresa.

Tabellini Urania: Portannese 17, Bossi 12, Paci 8, Thomas 8, Montano 7, Piunti 6, Cipolla 5, Nikolic M. 3, Vignola ne, Pesenato ne, Cavallero ne
Tabellini Acqua San Bernardo Cantù: Bucarelli 18, Bayehe 13, Stefanelli 11, Nikolic S. 5, Cusin 4, Da Ros 3, Allen 2, Severini 2, Boev ne, Borsani ne, Tarallo ne