Verona infila la settima: battuta Orzinuovi al supplementare

0

Tezenis Verona – Agribertocchi Orzinuovi 85-76 OT (20-17; 40-41; 56-56; 71-71)

Al termine di 45′ intensi sia pur poco spettacolari, Verona conquista la settima vittoria di fila contro un’orgogliosa e sfortunata Orzinuovi, che si perde nel finale e spreca la possibilità di battere in trasferta una diretta concorrente in classifica.

Verona si presenta con Rosselli in quintetto al posto di Severini e scatta sul 7-0 ispirato da Tomassini e da una buona difesa. Pronta però la reazione di Orzinuovi sospinta dall’ex Spanghero e da Hollis. La Tezenis è però brava a innescare sotto canestro Candussi e trova vie preferenziali verso il ferro: 13-8 dopo 5′. Immediato il ricorso alla zona 2-3 da parte di coach Corbani che sfida (con successo) i gialloblu di casa al tiro da fuori e li manda fuori ritmo. Si sblocca solo Greene, ma il buon impatto di Galmarini sotto canestro non basta agli ospiti per colmare del tutto il distacco: 20-17 per i locali alla fine del primo quarto.

La coppia Janelidze-Severini maschia l’inizio del secondo quarto a favore di Verona. Orzinuovi è però sempre sul pezzo: Guerra corre e incide, Galmarini è presente. Ma Rosselli ispira Candussi e Verona rimane salda avanti di 8 (29-21). Ancora una volta tuttavia l’Agribertocchi non molla la presa: Hollis e Spanghero ricuciono lo strappo e con il risveglio di Miles e la solita zona scorbutica compilano un break di 11-2 che proietta gli ospiti al sorpasso (32-31). Il parziale di Orzinuovi si estende a 19-6 grazie a Mastellari e alle punture di Hollis per il +5 (40-35) dopo 8′. La Tezenis si rimette in sesto nel finale: Tomassini ispira il contro 6-2 per il 42-41 a favore di Orzinuovi dopo i primi 20′.

Il terzo e quarto fallo di Hollis complicano i piani di Corbani a inizio terzo periodo. Verona si fa sentire a rimbalzo d’attacco e pareggia con la fisicità di un Jones scatenato (45-45). L’equilibrio lo scalfisce Miles con una tripla difficilissima e Galmarini da rimbalzo in attacco per il +5 (54-49). Dall’altra parte l’orgoglio di Tomassini prova a sollevare Verona dalle sabbie mobili della difesa avversaria e farla riemergere da oggettive difficoltà (10 punti nei primi 9′ del quarto). Ma il talento di Miles si fa sentire e I’Agribertocchi sopravvive brillantemente all’assenza temporanea di Hollis grazie alla solita zona su cui l’attacco veronese si schianta spesso: 56-56 a fine terzo quarto.

Orzinuovi entra in campo per il quarto periodo con il fuoco: Miles e Hollis colpiscono da tre (62-56), la difesa è aggressiva e Ramagli chiama timeout. Al rientro Candussi e Greene rianimano Verona: contro break di 7-0 per il +1 (63-62) e timeout stavolta chiamato da Corbani. La gara di trascina tra intensità e morse difensive. Lo scambio di canestri tra Severini e Hollis è una parentesi positiva in un marasma di errori e palle perse. Candussi riesce a colpire, Negri dalla lunetta pareggia (69-69) a 1’36” dalla sirena. I liberi di Galmarini e Spanghero sembrano portare la gara verso Orzinuovi ma Greene indovina il canestro dalla media del supplementare (71-71).

Nel prolungamento Hollis risponde a Greene, poi Candussi e Tomassini provano l’allungo veronese (77-74). Hollis commette il quinto fallo imitando il collega Jones. Greene da tre allunga ulteriormente (81-74) a meno di 1′. E’ il canesro decisivo. Orzinuovi è ormai scarica e non trova contromisure al solito Candussi. La Tezenis conquista la settima di fila.

Tabellini:

Verona: Tomassini 15, Greene 18, Rosselli 2, Jones 14, Candussi 23, Caroti 2, Severini 5, Pini, Janelidze 4, Guglielmi. All.: Ramagli.

Orzinuovi: Spanghero 11, Miles 20, Negri 1, Hollis 21, Zilli 3, Guerra 2, Mastellari 5, Galmarini 11, Fouku 2. All. Corbani.