Vittoria di cuore per Pistoia, Urania sconfitta

0

Agli ordini della terna arbitrale composta da Patti, Capurro e Roiaz, Pistoia schiera uno starting five composto da Saccaggi in regia ,Johnson e Wheatle sugli esterni, Utomi e Magro sotto il ferro.
Rispondono gli ospiti con Bossi, Thomas e Montano sugli esterni, Nikolic e Paci sotto canestro.
Daniele Magro e Jazz Johnson segnano i primi canestri dopo un primo minuto di studio ed errori, Bossi sblocca lo score ospite con una tripla. Pistoia difende a uomo e spende qualche fallo, più efficace la sporca proposta da Milano, fatto sta che a metà primo quarto il parziale è 12-13, con Thomas che ne ha già segnati sette.
Primi cambi per pistoia a 2.43 dalla sirena, entrano Riismaa e Del Chiaro per Magro ed Utomi, Brienza abbassa il quintetto e Jazz Jonhson sale in cattedra segnando 4 punti di seguito. Pistoia alza il ritmo
riesce a staccare Milano, alla fine del primo quarto il parziale è di 28-20

Inizia il secondo quarto con Della Rosa in regia, Riismaa e Johnson sul perimetro, Utomi e Del Chiaro sotto canestro. Risponde Milano con Bossi, Thomas e Cipolla sugli esterni, Paci e Piunti sotto canestro.
Pistoia difende duro a uomo, i meccanismi difensivi sembrano ormai ben oliati con aiuti continui e cambi sul blocco avversario. Milano cambia continuamente zona e uomo, con un occhio particolare dedicato a Jazz
Johnson che però continua a segnare e, quando coach Villa chiama minuto sul meno 35-21, ha già totalizzato 14 punti. Thomas, sul lato opposto, tiene a galla Milano. La differenza sostanziale tra le due squadre, almeno in questa fase, sta nel fatto che Pistoia dà l’impressione di trovare buone soluzioni ragionate, mentre gli ospiti sembrano ricercare soluzioni più estemporanee di Thomas e Montano, tuttavia dopo 4 minuti di gioco dall’inizio del secondo quarto è coach Brienza che è costretto a chiamare time out, dato che gli ospiti
sono tornati a meno 7.
Pistoia ricomincia a segnare con Del Chiaro, ancora ottimamente servito sia da Della Rosa che da Saccaggi, ma Thomas continua a trovare canestro senza soluzione di continuità. Con la propria squadra
a quota 34, Aaron ne ha già messi ben 15. La partita si trascina senza sostanziali sussulti – eccezion fatta per un tecnico inflitto a Saccaggi per proteste – fino alla sirena di metà partita, tra una scorribanda di Montano e ed una tripla di Utomi. Alla fine del secondo quarto, con il buzzer beater da 3 di Thomas, lo score è di 52-46 in
favore dei padroni di casa.
Ad inizio terzo quarto il tema tattico non cambia, però Pistoia fatica a trovare la via del canestro, mentre Thomas continua a dettare legge.
Il primo canestro su azione dei toscani arriva dopo tre minuti di gioco, grazie a Carl Wheatle. Con la tripla di Montano, Milano si porta dunque sul 55-56, ma Magro risponde subito presente. Una serie di pasticci offensivi dei toscani impediscono ai biancorossi di approfittare di un momento di confusione generale, sul 59-61 per
Milano coach Brienza chiama minuto per chiarire le idee ai suoi, quando mancano 3 minuti e mezzo alla terza sirena. Con un immediato parziale di 6-0, Pistoia si riporta sul più 4, alla fine del terzo quarto il punteggio è fissato sul 68-66 per i padroni di casa.

Inizio ultimo quarto, Jazz Johnson sale in cattedra e Milano corre ai ripari chiamando minuto do-po appena 90 secondi di gioco sul meno 6.
Grande confusione in campo, il cronometro corre ma nessuno segna, solo un libero per Milano e, a metà tempo, il punteggio è fermo sul 73-68.
Ancora tiri liberi per Milano, con alcune chiamate che fanno infuriare il caldissimo pubblico di casa, a 4 minuti dalla fine il punteggio è di 73-71. La tripla di Nikolic ed il successivo canestro di Thomas segnano il vantaggio di Milano a 3 e mezza dalla fine, Pistoia non segna più.
Si sblocca finalmente Carl Wheatle, ma dopo la sua bomba i padroni di casa sono ancora sotto di 2 punti a 70 secondi dal termine. Saccaggi ha l’arduo compito di consegnare a Pistoia la possibile vittoria sul 78-78 avendo a disposizione 2 liberi, ma si va ai supplementari. Durante l’OT la GTG Tesi ritrovail giusto equilibrio e la strada del canestra e complice un’ottima difesa e diverse imprecisioni della squadra lombarda la partita si conclude 90-81.

MVP: Jazz Johnson con 33 punti a referto.

https://www.legapallacanestro.com/wp/match/ita2_a_1044/ita2_a/x2122

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here