Matera: battere Bari, dimenticare Recanati e i pettegolezzi

0

Che la Bawer non stesse attraversando un bel periodo questo lo si era capito gia’ da qualche partita. L’ombra della sconfitta iniziava infatti a veleggiare minacciosamente sul percorso dei biancoazzurri fin a quel punto magistrale dopo una super ripresa da quello che a inizio stagione si e’ rivelato un avvio in sordina, ma a giudicare dalle ultime prestazioni, sembra che la Bawer sia arrivata a toccare l’apice e che ora sia in fase discendente. Si, perche’ da qui ad assistere a un cedimento psicofisico preoccupante verificatosi a Recanati la scorsa settimana, ce ne vuole. Ai lucani e’ mancata la solita fluidita’ del gioco, la fisicita’, la concentrazione, il carattere, prerogative che tutto sommato i biancoazzurri avevano sempre sfoderato per vincere ogni partita. Ma qualcosa non sta andando per il verso giusto. Cosa? Non si sa..

Vox populi (vox dei?) dice un importante proverbio latino. La vox populi che si fa sempre piu’ insistente in citta’ e’ quella di un malcontento generale da parte dei giocatori che a quanto pare non si sono visti retribuiti dalla societa’ alcuni stipendi, e che di conseguenza hanno disertato gli allenamenti, sintomo che anche le casse dell’Olimpia iniziano a vacillare e che, moralismi a parte, la spinta economica ha il suo peso nell’economia delle prestazioni settimanali e in allenamento. Ma si sa, il confine col pettegolezzo e’ labile, ed e’ infatti subito prontamente arrivata la smentita da parte della societa’ che tramite un comuinicato fa sapere di aver avuto solo un lieve ritardo nel pagamento, ad oggi comunque effettuato. Seguita subito dopo con le dichiarazioni di Rezzano che assicura la massima professionalita’ e impegno da parte di tutto il roster allontanando un ciclone che, in un momento cosi’ delicato, avrebbe potuto mettere sottosopra l’intero ambiente, gia’ destabilizzato dalle ultime uscite non proprio felici, che hanno destato un nervosismo fin troppo evidente.

La gara a Recanati, tornando a parlare di basket giocato, ne’ e’ stato lo specchio: la squadra di Bendetto va a canestro con fatica, commette errori al limite dell’incredibile, cede troppi spazi, perde in lucidità e pecca ingenuamente in fallosità e cosi’ oltre al danno la beffa: Kyle Austin, espulso dopo una veemente reazione ai danni del direttore di gara, dovra’ scontare un turno di squalifica e guardare dalla tribuna il match casalingo contro Bari (fortunatamente dal risultato scontato). Matera ha bisogno, e deve farlo in fretta, di mettere ordine se vuole assicurarsi questo secondo posto che inizia ad apparire meno scontato del previsto. Sfumato il massimo obiettivo del primo posto, obiettivamente troppo distante con Agrigento in piena fuga, i lucani non possono steccare il secondo, anche perche’ bisogna dar conto anche ad una piazza passionale quanto esigente, che e’ stata giustamente riempita di grandi aspettative a inizio stagione. La promozione in Adecco GOLD e’ nelle corde di questi ragazzi, ma lo strumento necessita di una rapida ed efficace accordatura per queste ultime sinfonie di stagione. L’occasione giusta per ripartire si presenta domani, in cui a far visita Matera sara’ il fanalino di coda Bari, falcidiato da una stagione da incubo. I pugliesi, fermi da tempo a 2 punti, ormai condannati alla retrocessione, giungono al Palasassi con la squadra juniores.

Le forti difficolta’ economiche hanno impedito il regolare svolgimento della stagione e hanno fatto tirare anzitempo i remi in barca a squadra e societa’ che forse non sono stati in grado di percepire prima la situazione negativa e porvi rimedio quando forse si era ancora in tempo. I biancorossi pero’ hanno deciso di andare avanti sino al termine della stagione, pur perdendo partita dopo partita di 50-60 punti, dimostrando grande sportivita’ e coraggio. A renderne atto sara’ domani la Bawer Matera, che rispettera’ gli onori del match e scendera’ in campo nel pieno rispetto dell’avversario affrontando il match con tutte le armi e le risorse a disposizione, senza sottovalutare chi sara’ di fronte. Palla a due ore 18:00 Palasassi di Matera, prezzo unico 5 euro.