Nell’anticipo del venerdì la Conad Bologna ospita un’agguerrita Fileni Jesi

0

Rai Sport 2 questa volta non trasmetterà la solita sfida di cartello tra le prime due forze del campionato di LegaDue, ma una partita che prometterà spettacolo, dato che ad entrambe le squadre una vittoria in questo momento del campionato sarebbe come ossigeno. Conad Bologna-Fileni Jesi vedrà in campo due formazioni che si sono prefissate come obiettivo da raggiungere la salvezza: Bologna, con la sua storia che sostanzialmente neanche abbiamo il bisogno di ricordare (anche se ci sono ancora delle battaglie tra tifoserie, e si sostiene che questa non sia la vera “Effe”), non può permettersi la retrocessione, che sarebbe come un fallimento monumentale dopo la tanto faticosa ricostruzione; Jesi dal canto suo ha può vantarsi delle numerose stagioni consecutive disputate in Legadue (dalla nascita del secondo campionato italiano, l’Aurora Basket c’è sempre stata), con una parentesi in Serie A nell’anno 2005/2006. Match che vedrà in campo due ex, entrambi in maglia bolognese: Brett Blizzard, uno dei protagonisti dell’ epica cavalcata dell’Aurora, al secolo targata Sicc Cucine, dalla LegaDue alla Serie A, sconfiggendo in finale playoff la corazzata Castelmaggiore (per la cronaca, uno degli americani era un certo Charles Smith…); l’altro ex è Andrea Pecile, che ha regalato gioie ma anche qualche dolore (con quel citomegalovirus a fine campionato) più recentemente, infatti era nel roster dello scorso anno, e formava con Maggioli uno degli assi play-pivot italiani migliori del campionato. Questa volta però, daranno il 110% per sconfiggere il loro passato, anche se a fine gara non esiteranno nel salutare i loro vecchi compagni e dirigenti. sarà molto interessante da seguire il duello tra Baldassarre e Maggioli nell’ area, ma non solo: infatti i due si sono già scontrati lo scorso anno quando Baldassarre giocava con la maglia di Scafati, e quest’ultimo col suo jumper dalla media ma anche con un paio di conclusioni dalla lunga distanza è riuscito a mettere in difficoltà la difesa di Maggioli, abituato a fare a sportellate nel pitturato, dove con le sue capacità intimidatorie (1,5 stoppate ad allacciata quest’anno per il capitano arancio-blu). Staremo a vedere chi la spunterà, tra l’ingegno di Markovski e l’offensività di Cioppi, tra la linea verde Fileni e l’esperienza bolognese e soprattutto chi riuscirà ad imporre il proprio ritmo; entrambe le formazioni saranno al completo, con qualche acciacco al solito ginocchio per Maggioli (infiltrazione consueta durante la settimana) e piccole noie alla caviglia di Brooks, ma non ci saranno dubbi a riguardo del loro impiego per venerdì sera.