Imola non c’è, la Fileni è un rullo compressore

0

Questa domenica al PalaTriccoli di Jesi va di scena una sfida non di cartello sicuramente, visto che la Fileni BPA Jesi è pronta ad ospitare l’Aget Imola, rispettivamente posizionate nella penultima e nell’ultima casella della classifica del campionato di LegaDue Eurobet edizione 2012/2013.

I padroni di casa vengono da una sonora sconfitta contro la Biancoblù Basket Bologna che sicuramente ha fatto arrabbiare e non poco tutto l’ambiente jesino e vogliono assolutamente rifarsi e riportare a casa i due punti che servirebbero per iniziare a risalire la classifica in vista del sogno playoffs; Imola viene dal turno di riposo che ogni squadra deve obbligatoriamente osservare per l’esclusione di Napoli dal campionato di LegaDue.

 Entrambe le formazioni possono contare su tutti gli uomini a loro disposizione, anche se Jesi in settimana ha dovuto affrontare gli acciacchi di Gaspardo (riacutizzazione del dolore alla caviglia della scorsa settimana) e Zanelli (botta al costato), mentre Imola ha recuperato Masoni anche se non è ancora al 100%.

La partita inizia subito molto bene per Jesi con un parziale di 7-2 nei primi 2′ grazie a Maggioli e ad una schiacciata, la prima di una lunga serie di spettacolose affondate, da parte di Griffin; per Imola è Gay che ci mette più volontà di tutti e grazie alla sua velocità mette confusione nella difesa jesina.
In un minuto Griffin mette su uno show: canestro e fallo, virata spalle a canestro seguita da un’altra bimane e canestro da sotto: Fucà non sa dove mettersi le mani e si rifugia in time out.
Usciti dalla sospensione, Imola prova a farsi sotto portandosi sul 14-9 grazie al solito Gay ed a Chillo ed in seguito piazza un parziale di 2-7 che li porta in al risultato di parità, 16 pari, dopo una tripla di Gay che dopo 6 minuti ha già 10 punti all’attivo.
Questo è l’unico acuto della partita di Imola che, una volta ricacciati sotto di 9 lunghezze subito dopo, sparisce totalmente dalla partita.
Il primo quarto si conclude sul 27-19 con la schiacciata di Valentini in seguito ad un recupero a centrocampo.

Il secondo periodo per Jesi c’è l’ottimo impatto di giovani come Gaspardo e Santiangeli che riescono ad andare a referto ed a mettere molta energia in ogni loro azione e movimento, con il primo che cattura rimbalzi importanti ed il secondo che infila una bomba da molto lontano.
Imola non riesce ad arginare alcuna azione offensiva dei loro avversari ed in attacco, con Gay che viene chiuso molto bene da Valentini, non ha alternative vista la serata storta di Frassinetti e Chillo che, maracato da Maggioli, non sa come impensierire il totem pesarese.
Ancora la premiata ditta Maggioli-Griffin scava un solco tra la squadra di coach Pecchia e quella di coach Fucà portando la Fileni ad un massimo vantaggio di +16 sul 47-31, poi Frassinetti riduce lo strappo e fa in modo di terminare il primo tempo sul 47-35.

Un primo tempo non molto esaltante, con Jesi che sembra sia determinatissima a portare a casa la vittoria per riprendere il proprio cammino verso i playoffs ai danni di un’Aget priva di un’anima, perchè affidarsi a due giocatori che possono avere tutto il talento del mondo, ma da soli non possono cambiare le sorti di una partita e, tanto più, di un campionato

L’inizio di terzo quarto sembra quasi garbage time, con la Fileni che arriva addirittura al +19 sul 54-35 ed Imola non dà alcuni segnali di ripresa; fantastici i tifosi imolesi che, gemellati con l’ormai ex tifoseria jesina Avanguardia, si divertono sugli spalti assieme a qualche loro amico jesino cantando e saltando insieme pur consapevoli che la stagione è ormai andata nella direzione sbagliata.
La coppia Gay-Foiera prova a riportare sotto i loro compagni di squadra con dei canestri, ma nell’altra metà campo la difesa ospite fa acqua da tutte le parti, non riuscendo così a riacciuffare Jesi.
Il penultimo periodo di gioco si conclude sul 63-49 con un ultimo quarto che si prevede interamente dedicato ai giocatori che solitamente hanno un minutaggio più basso ed ad un aggiustamento delle statistiche personali.

Ultimo quarto che inizia con Imola che prova a farsi sentire tornando a -11 ma poi il primo tiro dal campo di Hoover è una tripla e sente il rumore della retina che si muove, affondando per l’ultima volta tutte le speranze di una clamorosa rimonta per i romagnoli.
Di qui solo garbage time, con i vari canestri dei “panchinari” Gaspardo e di un gregario come Zanelli, mentre per Imola da notare la prova del giovane Turel, classe ’94, che si è preso qualche iniziativa ma i tiri da 3 tentati e sbagliati (4) sono forse un po’ troppi. 
Da sottolineare la schiacciata di Griffin sopra Charlie Foiera: altro giro, altra corsa per l’USA da Campbell che non mancherà nemmeno questa settimana nella top 10 di LegaDue.
La partita termina sull’87-64 dopo le bombe di Hoover e Sanders, facendo così gioire nuovamente il pubblico (non così rumoroso) del PalaTriccoli.

Una partita non molto divertente, se non fosse per Eric Griffin: il coloured jesino VOLA letteralmente sopra il ferro per 5 volte, inchiodando una schiacciata più bella dell’altra e riuscendo a far saltare sulla sedia il pubblico jesino anche sul +20 durante un ultimo quarto che ormai non aveva più niente da dire.

Proprio Griffin (23+7), coadiuvato dal sempre immenso Maggioli (22+19), porta i 2 punti alla squadra di coach Pecchia e riportando un piccolo sorriso in casa Aurora dopo la brutta sconfitta in quel di Bologna contro una Biancoblù in giornata di grazia.
Ottima la partita anche di Valentini (16) sia in attacco che in difesa, dove ormai è conosciuto per la grande quantità di palle recuperate e sfondamenti subiti.

Per Imola oltre a Gay (19) c’è stato l’apporto di Foiera (12) che da giocatore di grande esperienza prova sempre a risollevare il morale della squadra, anche quando è impossibile, come in questo caso.
Non bene Frassinetti (12) ma con basse percentuali), Chillo non brilla e Maestrello assente. Valenti si fa valere, offrendo anche un paio di buoni movimenti spalle a canestro che mandano al bar Maggioli.

TABELLINI

FILENI BPA JESIAGET IMOLA 87-64

FILENI BPA JESI: Colonnelli n.e., Maggioli 22, Hoover 6, Valentini 16, Gaspardo 4, Zanelli 2, Griffin 23, Sanders 9, Santiangeli 5, Dolic n.e. Coach: Pecchia

AGET IMOLA: Turel 4, Saccardin n.e., Chillo 6, Maestrello 2, Valenti 9, Frassinetti 12, Masoni, Riga n.e., Foiera 12, Gay 19. Coach: Fucà

PARZIALI: 27-19; 47-35; 63-49; 87-64

MVP BASKETINSIDE: MICHELE MAGGIOLI (FILENI BPA JESI): 22 punti (9/14 da 2, 0/2 da 3, 4/5 ai liberi), 19 rimbalzi (10 off.), 4 falli fatti, 5 falli subiti, 3 palle perse, 2 palle recuperate, 2 assist, 35 di valutazione.